NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

Per acufene s'intende la percezione di un rumore fastidioso nell'orecchio, senza che questo sia presente nell'ambiente. Può accadere che una persona percepisca un rumore in un orecchio. Di solito si tratta di un sibilo, o di un fruscio simile al vento che muove le foglie, oppure sembra un suono di campanelli lontani o il rumore di un motorino elettrico. Tutte queste sensazioni si verificano in assenza di stimolo sonoro esterno. Il fastidioso rumore viene riconosciuto solo dalla persona che soffre di questa malattia e chi sta accanto a lei non sente nulla. Può essere percepito con una o con tutte e due le orecchie, oppure come se provenisse dall'interno della testa. Si ritiene che sia provocato da alterazioni dell'apparato sensoriale uditivo o da alterazioni dei meccanismi che elaborano il suono.
Udire un ronzio in un orecchio è un sintomo abbastanza comune e, purtroppo, è anche facile sentirsi dire che non c’è nulla da fare. ... La realtà è diversa.

Innanzitutto occorre precisare che il ronzio, ovvero l’acufene, non è una malattia, ma è un sintomo. Questa differenza è sostanziale. Per sintomo s’intende una sensazione anomala percepita e riferita dalla persona. L’acufene non è una sensazione anomala specifica di una malattia. Al contrario è una caratteristica di molte malattie. Per malattia s’intende quell’alterazione delle condizioni di normalità che determina un fastidio o un danno oppure, nello specifico caso, l’acufene. L'acufene viene anche chiamato tinnito o scampanio o ringing. 
La funzione del medico otorinolaringoiatra nei confronti di una persona che riferisce di avere un ronzio nell’orecchio è proprio quella di focalizzare l’attenzione sull’apparato uditivo e, utilizzando ciò che le conoscenze mediche offrono, individuare la malattia. Solo dopo che la malattia è stata definita è possibile proporre una terapia che, razionalmente, potrebbe portare alla guarigione e quindi alla scomparsa dell'acufene e allo stato di benessere pre-esistente.

Occorre precisare che definire esattamente la malattia che determina un acufene non è facile e non sempre ci si riesce. Inoltre il problema si complica quando l'orecchio è sano e l'acufene è il sintomo di una malattia generale. Il paziente racconta situazioni molto diverse: "ho un sibilo nell'orecchio", "c'è un ronzolio continuo che mi infastidisce", "ho un rumore nella testa", "ho un fischio nel cervello", ecc.
La visita medica otorinolaringoiatrica la ritengo il primo passo per affrontare razionalmente il problema acufene. La visita è necessaria sia per precisare la diagnosi, o per localizzare il problema. Serve anche per escludere una malattia dell'orecchio e, a volte, se l'orecchio sarà escluso si dovrà indirizzare il paziente verso altri specialisti. 
In alcuni casi non si riesce ad individuare con certezza la malattia, ma è possibile inquadrarla in modo generico (per esempio: vasculopatia, sindrome vertiginosa, sindrome cefalalgica, ecc.). In questi casi è pure possibile un trattamento mirato. Si usa il termine di terapia sintomatica, cioè una terapia che senza che sia stata individuata con precisione la malattia cerca ugualmente di guarire o rendere più sopportabile il sintomo.
La maggioranza degli acufeni sono determinati da causa otogena, cioè da una malattia che colpisce l’apparato uditivo e la via nervosa acustica.
Esistono anche degli acufeni che sono determinati da malattie generali o da malattie vascolari o neuropsichiche o dismetaboliche, oppure da assunzione di farmaci o da diete incongrue. 
Il vero problema nel trattamento degli acufeni è che in circa la metà dei pazienti non è possibile identificare la causa che ha portato all'acufene (1).

 

Quali esami e’ necessario fare per studiare adeguatamente un acufene?

La risposta a questa domanda è semplice: il primo passo è una visita otorinlaringoiatrica completa, per visita completa intendo una visita con esame audiometrico ed eventuali altre prove audiologiche. Lo scopo è evidente: occorre capire fin da subito se l’apparato uditivo funziona perfettamente in relazione all’età, alla professione e alle abitudini voluttuarie del paziente. Se si individua un deficit uditivo è facile che la causa che ha determinato quel deficit sia anche responsabile dell'acufene. E' stato osservato che il 60% della popolazione affetta da acufene ha anche un deficit uditivo (2). Ritengo che se si è molto accurati nel fare l'esame dell'udito e si prendono anche in considerazione le ipoacusie molto lievi, questa percentuale aumenta.
Esistono casi dove si riscontra che l'apparato uditivo è nella norma, allora dovremo pensare alle cause non otogene. 

Nella maggioranza dei casi chi soffre di acufene ha anche delle alterazioni nella funzione uditiva. In queste persone è molto facile che l’acufene sia da causa otogena. Ritengo l'esame audiometrico il test clinico fondamentale per un primo inquadramento. L' esame audiometrico non ci permette di stabilire la diagnosi, ma ci fornisce informazioni basilari per localizzare la sede della malattia.

impedenzometro timpanogramma riflessi stapediali modena

 

A volte l'acufene ha la stessa patogenesi del dolore e non è raro che un paziente soffra di acufeni e di cefalea.
Altra associazione frequente sono gli acufeni accompagnati da una sindrome vertiginosa. In questo caso l'esame vestibolare (o cocleovestibolare) e la stabilometria diventano molto importanti.

Il passo successivo è indagare meglio il paziente allo scopo di definire una malattia. In questa seconda fase l'anamnesi, l'obiettività otoscopica, gli esami ematochimici e gli esami per immagini (TAC e RMN) sono fondamentali. Se si riesce ad individuare il problema si proporrà una terapia specifica per quella malattia. Purtroppo lo studio del corpo umano è complesso e spesso, soprattutto nelle persone anziane, s'intrecciano diverse malattie, quindi non è raro trovare persone affette da malattia otogena e da malattia generale. In questi casi orientarsi è più difficile. E’ compito dello specialista riuscire ad individuare quelle malattie che nello specifico caso possono essere determinanti per la genesi dell’acufene.
Molto importante è l'inizio della terapia. Se una persona ha un acufene insorto da oltre sei mesi o da anni è molto difficile poterla curare, ma non impossibile. Se l'acufene è recente e il paziente si è sottoposto a visita nei primi mesi, meglio se nei primi trenta giorni, le possibilità terapeutiche sono migliori.

L’acufenometria e’ un test fondamentale?
Premetto che la medicina è una scienza fondata su un numero veramente elevato di test diagnostici. Uno di questi è l’acufenometria. Suddivido gli esami in “determinanti per la diagnosi” e “orientativi per la diagnosi”. I primi sono gli esami che è necessario fare, senza i quali non si arriva ad una diagnosi certa (per esempio l’impedenzometria è determinante per la diagnosi di otosclerosi). Gli esami che ritengo orientativi sono esami che permettono di restringere il campo diagnostico, ma non sono indispensabili.

Tra questi ultimi c’è l’acufenometria. E’ questo un test che ritengo giusto fare nello studio di un paziente affetto da acufene, ma di per sé, non è un esame diagnostico definitivo.
L’acufenometria permette di stabilire alcuni parametri dell’acufene come la tonalità e l’intensità.

Il mascheratore per gli acufeni è utile?
Spesso chi è affetto da un ronzio nell'orecchio cerca sulle riviste, sulla letteratura specializzata ed ora su internet, una soluzione al suo problema. E’ abbastanza facile trovare qualcuno che propone un apparecchio. Si tratta di un piccolo dispositivo, simile ad una protesi acustica, che produce un suono ritenuto gradevole dal paziente. Il suono viene presentato ad una intensità superiore a quella dell’acufene in modo da mascherarlo. Per mascheratore di acufeni s’intende appunto un apparecchietto in grado di annullare (o meglio mascherare) l’acufene.

Il risultato è che il paziente sostituisce il più piacevole suono del mascheratore al suo acufene; questo può migliorare la qualità della sua vita, ma non risolve il problema. 
L'uso di mascheratori si inquadra in un trattamento più ampio: TRT cioè Tinnitus Retraining Therapy. Una terapia mirata a rendere più sopportabile l'acufene.
Sono contrario all’uso dei mascheratori quando il paziente con acufene non si è ancora sottoposto ad una accurata visita medica. Nell’ipotesi che l’acufene sia il primo sintomo di una malattia importante, il mascheratore rende sopportabile il sintomo e ritarda (o impedisce) la diagnosi della malattia. In questa eventualità il mascheratore risulterebbe dannoso.
Vedo questi dispositivi come dei presidi da utilizzare solo in casi molto selezionati, dove sono state escluse malattie importanti e dove si è preso atto che l’acufene non risponde alle eventuali terapie proposte.

 

cefalea malessere torpore govoni otoneurolaringologia

Bibliografia
1 - Eggermont J.J. Central tinnitus. Auris Nasus Larynx. 2003; 30: 7-12.
2 - Savastano M. et al.  Tinnitus in children without hearing impairment. Int. J of Pediatr Otorhinolaryngol.  2009; 73: 13-15. 

 

Cerca tra le altre pagine della sezione "acufeni"

Acufeni oggettivi.

Cosa fare per addormentarsi quando si soffre di acufeni?

Il LASER è utile nel trattamento degli acufeni?

La sindrome di Minor; una patologia rara che si caratterizza per un acufene pulsante

Sul sito  cmsangiuseppe.com  nella sezione  articoli/44-acufene   c'è un articolo di Carlo Govoni sugli acufeni.

 

 

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

Attività chirurgica otorinolaringoiatrica
Dott. Carlo Govoni

Casa di Cura Columbus
via Buonarroti, 48 - MILANO

milano columbus clinic center otorino ent

 

Hesperia Hospital
via Arquà, 80 - MODENA

hesperia modena govoni

info:  3358040811   NO SMS

ambulatorio di via Ruggeri, 9   REGGIO EMILIA  

Per prenotazioni  3358040811   NO SMS
Per orari di apertura e per prenotazioni on-line   https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

reggio emilia studio via ruggeri 9 otorinolaringoiatria govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 553 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 23948 visitatori
chirurgia-ambulatoriale    Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè...
Letto da 20879 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12176 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 89536 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 494 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 39059 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 9183 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 48852 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com