NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

I bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi nel gioco e anche in altri momenti della vita familiare o scolastica alzano facilmente il tono della voce, gridano, si arrabbiano e parlano in fretta. Questi comportamenti, se ripetuti nel tempo, danneggiano le corde vocali.

I danni più frequenti sono la formazione di noduli, oppure l'allentamento (o ipotonia) delle corde vocali.

Per poter fare queste diagnosi il medico deve vedere le corde vocali. La manovra che consente questa visione si chiama laringoscopia ed esegurla nel bambino è difficile, ma spesso, nei bambini collaboranti (di solito superiori a 6 anni), si riesce ad eseguirla.

Oggi per fare la laringoscopia si utilizza uno strumentario a fibre ottiche e per alcuni otorinolaringoiatri esiste solo quello. Non è vero. Il primo strumento è stato lo specchietto laringeo (utilizzato per la prima volta nel 1854) e, a tutt'oggi, è ancora uno strumento utile. Trovo interessante ricordare che la prima laringoscopia è stata fatta quando non eisteva la lampadina, pertanto era un esame che si faceva solo all'aperto e nelle giornate di sole. Con un apposito specchio un assistente concentrava la luce nel cavo orale, contro lo specchietto laringeo.

Laringoscopia indiretta.  E' questa la tecnica più antica di esplorazione della laringe, si tratta di una manovra semeiologica importante e tutt'ora utile. Riporto nella fotografia sottostante una serie di specchietti laringei. Questi hanno un diametro variabile da pochi millimetri a tre centimetri. Con questo semplicissimo strumento e con una buona luce frontale (fotoforo) lo specialista riesce a vedere tutta la laringe, la bocca dell'esofago, le corde vocali e il primo tratto della trachea.

 

specchietti laringei laringoscopia indiretta govoni

 

Lo specchio laringeo deve essere preventivamente riscaldato perchè non si appanni. La manovra si chiama laringoscopia indiretta. Si usa definirla indiretta perché l'immagine che si vede è riflessa nello specchio. Per potere eseguire questa manovra il medico deve mettersi sulla testa una luce (vedi fotografia del fotoforo) e proiettare il raggio luminoso sullo specchio. La luce viene riflessa dallo specchio nella cavità faringo laringea e questa può essere vista in tutti i suoi particolari. Per poter avere uno spazio visivo sufficiente il bambino deve collaborare. Gli si chiede di tenere la bocca aperta, la lingua in fuori e il medico la trattiene con una garza. Durante questa visita lo specialista chiede al bambino di pronunciare alcuni fonemi: di solito il fonema "eeee" e, alternativamente, di respirare. E' chiaro che per fare questo tipo di visita la collaborazione è molto importante. Normalmente il limite minimo di età sono i cinque anni. Nei bambini di età inferiore si può egualmente provare a fare questo esame. E' un esame indolore, ripetibile, ed è possibile riuscire ad avere, almeno per una frazione di secondo una discreta visione anche nei pazienti molto piccoli.

 

luce frontale tipica da otorinolaringoiatra Luce frontale o fotoforo (o anche caschetto).

 

La manovra della laringoscopia indiretta è assolutamente indolore, può essere interrotta in qualsiasi momento e non c'è mai stato un bambino che abbia ricordi dolorosi. Fino agli anni novanta gli strumenti a fibre ottiche non esistevano o erano poco diffusi, pertanto in molti centri si eseguivano solo laringoscopie indirette. Per spiegare ai genitori che il mettere in bocca al bimbo uno di questi specchietti ho fotografato due specchietti laringei ad uso pediatrico e due cucchiaini da caffè.

specchietti laringei pediatrici cucchiaini govoni

Confronto tra cucchiaini da caffè (in basso)
e cinque specchietti laringei ad uso pediatrico.

 

Come si può vedere il cucchiaino è ben più grande dello specchietto. Scrivo questo anche per i pediatri perché alcuni potrebbero pensare ad una manovra invasiva. Si mette in bocca al bimbo uno strumento che è grande meno di un terzo di un cucchiaino da caffè.

Qualcuno potrebbe chiedere se occorre l'anestesia. Esistono degli spray anestetici per il cavo orale, ma li ritengo inutili. Inoltre anche se sono aromatizzati il loro gusto non è gradevole. Quando si abbassa la lingua e si getta lo spray contro il faringe si esegue una manovra che potrebbe essere più fastidiosa della laringoscopia stessa. Sono dell'idea di iniziare sempre senza usare anestetici e cercando di tranquilizzare con le parole il piccolo paziente.

 

Laringoscopia a fibre ottiche o fibrolaringoscopia.  Esistono strumenti flessibili e rigidi. Nei bambini si utilizza più spesso lo strumento flessibile introdotto dal naso. Lo strumento rigido che presuppone una manovra simile a quella della laringoscopia indiretta non viene quasi mai utilizzato. Nella fotografia è riportato un fibrolaringoscopio flessibile pediatrico. Si tratta di uno strumento a fibre ottiche dove l'estremità è luminosa. La visione può avvenire attraverso l'oculare, oppure il medico collega lo strumento ad una telecamera e osserva la laringe ingrandita, in un video. 

endoscopio fibroscopia ottica flessibile flexible endoscope pediatrico govoni specialista otorino

 

Il problema è che spesso i bambini hanno il raffreddore e pertanto le mucose, in particolare quelle dei turbinati, sono congeste e quindi lo spazio per far passare questo strumento è molto stretto. Inoltre molti medici non possiedono fibrolaringoscopi pediatrici così sottili come quello che vedete in fotografia e pertanto l'introduzione di strumenti di 3 / 4 mm di diametro provoca dolore.  Mi è successo di visitare giovani adulti che riferiscono una esperienza dolorosa di una loro precedente fibroendoscopia. Ovviamente queste esperienze dolorose vengono esteriorizzate ai genitori e ai pediatri e può succedere, anche se si tratta di pochi casi, che si crei un alone di diffidenza nei confronti di questo esame. Il risultato è che alcuni genitori non vogliono portare i loro figli dagli otorinolaringoiatri per problemi di voce ed anche i pediatri sono restii a prescrivere questo tipo di visita.

 

Che cosa si vede con l'esame delle corde vocali nel bambino?  La visione è identica a quanto descritto nella laringoscopia dell'adulto. Ipofaringe e laringe hanno le stesse caratteristiche, semplicemente nei bambini il quadro clinico è più piccolo.  Vediamo ora quali sono le patologie di più frequente osservazione.

I bambini vanno spesso incontro a noduli delle corde vocali. I noduli sono semplici ispessimenti della mucosa delle corde vocali, non devono spaventare.

laringe noduli corde vocali otorinico

 

Altra patologia frequente è l'ipotonia delle corde vocali o ptosi cordale. Alla laringoscopia le corde appaiono allentate, a volte questi bambini hanno facilità alla tosse. Per poter vedere questa patologia occorre una certa esperienza, nella posizione respiratoria la corda vocale è solo leggermente più sottile rispetto ad una corda vocale normale. Il quadro clinico è più chiaro in posizione fonatoria, cioè quando dice "eeeeee". Nel normale le corde vocali si uniscono e quasi non si vede alcuna linea di separazione, nel caso della ipotonia le corde si uniscono ma lasciano una sottile fessura, leggermente più ampia nella posizione centrale.

 laringe ipotonia corde vocali ottorino govoni

  

L'esame delle corde vocali o laringoscopia è un esame utile nei bambini, soprattutto per diagnosticare correttamente una eventuale disfonia. Ritengo molto importante l'approccio, non si deve in alcun modo traumatizzare il piccolo paziente.
Evitare qualsiasi approccio doloroso ai piccoli pazienti è molto importante perché nei casi dove si evidenzia una patologia spesso sono indicate terapie logopediche. Si tratta di un processo rieducativo che spesso dura dei mesi. Non è possibile utilizzare solo l'ascolto della voce per capire se ci sono miglioramenti. E' doveroso poter ripetere la laringoscopia. 

 

#    #    #    #    #

 

Domanda di una madre: "Mio figlio ha tre anni, è possibile fare un esame della laringe?"
R.  Sì, è possibile. Un tentativo con lo specchietto laringeo può essere fatto a qualsiasi età. Come ho detto è meno invasivo rispetto a mettere la punta di un cucchiaino da caffè in bocca al bimbo. Non si avrà la collaborazione nella pronuncia dei fonemi, ma spontaneamente il piccolo respirerà, quindi si potrà vedere il movimento delle corde vocali.  Il bambino potrebbe essere molto reattivo e non aprire la bocca. Ritengo che con l'esclusione di pochi soggetti, un tentativo di laringoscopia si possa fare anche nei bambini con meno di cinque anni e che non hanno la volontà di collaborare.

Domanda della sig.ra Rosa di Reggio Emilia: "Sento spesso mio nipotino gridare. Fa delle urla che mi infastidiscono. Quando parla la sua voce mi sembra normale. Ha sette anni. Deve fare una visita da uno specialista otorinolaringoiatra?"
R. Se la voce è normale la visita non è prioritaria; però se questa abitudine di gridare non cessa è bene far fare al piccolo una visita. Questa serve per vedere se effettivamente le corde vocali sono normali oppure se ci sono iniziali segni di malattia. Se il quadro laringoscopico sarà normale allora si consiglierà ai genitori del bambino un percorso presso una logopedista per insegnargli a parlare con calma e ad usare meglio la voce.

 

 

 

 

Ti potrebbe anche interessare:

- manifestazioni laringoscopiche di malattie che colpiscono le corde vocali

 

- i disturbi della voce nel bambino

 

- fonastenia

 

 

Se tu hai una mela ed io ho una mela, e ce le scambiamo, tutti e due abbiamo una mela. ... Ma se tu hai un'idea ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.

George Bernard Shaw (26 luglio 1856 - 2 novembre 1950)

 

La cecità separa le persone dalle cose, ma la sordità separa le persone  dalle persone.

Helen Keller

1880 - 1968

milano clinica columbus liberty sommaruga
COLUMBUS
CLINIC  CENTER 

MILANO
via Buonarroti, 48
Zona Tre Torri

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
tel. 02480801
3358040811  NO SMS

 milano columbus clinic center aree cliniche

Visite di otorinolaringoiatria
a Milano

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
by appointment
tel. 0258103023
3358040811  

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 4708 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 28212 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono molto diversi tra loro.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se alcuni interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale),...
Letto da 24299 visitatori
impedenzometriaLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 59492 visitatori
fibroendoscopia-nasale-laringeaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 103239 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 57182 visitatori
esame-vestibolare-visita-vestibologicaLa visita vestibologica è quella visita che comprende l'esame vestibolare o esame otovestibolare ed è finalizzata a curare i soggetti affetti da vertigine. La vertigine è l'alterazione del senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma è anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto...
Letto da 72746 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16985 visitatori
biopsia-prelievoLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 53503 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com