NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

L’acufene è un sintomo caratterizzato dalla percezione di un suono o di un rumore fastidioso che non esiste nell’ambiente.

I concetti di suono e di rumore sono, secondo la fisica, due concetti diversi. Quando si parla di un sintomo, cioè di una percezione soggettiva riferita da un paziente, questa distinzione è irrilevante.

L’acufene può essere percepito da un solo orecchio, o da entrambi oppure il paziente riferisce che lo sente come se fosse all’interno della testa.

Per poter parlare di acufene la percezione del suono o del rumore deve essere fastidiosa per il soggetto. Una percezione lievissima che non produce alcun fastidio per la persona non deve essere considerata come acufene. L'acufene che costituisce un problema per il paziente è un sintomo importante che deve essere valutato con molta attenzione dal medico. Il più delle volte l'acufene è un sintomo che accompagna una ipoacusia, in casi molto rari è un sintomo di una malattia importante.

Le condizioni fondamentali per parlare di acufene sono:
- l'acufene è un sintomo soggettivo
- l'acufene è la percezione di un suono o un rumore
- l'acufene è fastidioso
- non c’è una sorgente sonora nell’ambiente dove il soggetto lo percepisce.

Per sintomo soggettivo s'intende una percezione di un fenomeno che fa sospettare una malattia ed avvertito solo dal paziente. Esistono anche gli acufeni con sintomi oggettivi, ma sono rarissimi.

Una definizione più elaborata del termine acufene è stata proposta da Jastreboff nel 1995.

L’acufene è la percezione di un suono in uno o in entrambi gli orecchi o nella testa generato esclusivamente da attività del Sistema Nervoso Centrale in assenza di alcuna attività vibratoria o meccanica collegata a sorgenti esterne.

Ritengo che questa definizione sia limitativa in quanto alcuni acufeni possono essere generati da disfunzioni proprie dell'orecchio come gli acufeni nei pazienti con otosclerosi o in quelli con disfunzioni della tuba di Eustachio, oppure da cause più generali come l'ipertensione arteriosa.

reggio emilia bagnolo in piano albinea fiori primavera carlo govoni otorino

Una domanda che spesso il paziente si pone è questa: come è possibile percepire un suono quando non c’è la sorgente sonora?

Esistono due tipi di acufeni: soggettivi e oggettivi. Per gli acufeni oggettivi la sorgente sonora esiste ed è all'interno dell’organismo umano. Ci sono situazioni particolari dove il soggetto percepisce suoni prodotti dal suo corpo. Un esempio di acufene oggettivo è costituito dai tumori glomici timpanici. Questi piccoli tumori vascolari generano un suono all’interno della cassa timpanica, sono delle pulsazioni del flusso ematico. Le persone che sono affette da tumore glomico percepiscono molto bene questo suono. In alcuni casi anche il medico, utilizzando un fonenendoscopio, lo sente. Pertanto c’è la sorgente sonora, semplicemente si trova all’interno del corpo umano. Le persone che percepiscono acufeni oggettivi sono pochissime.

La grande maggioranza dei pazienti percepiscono degli acufeni soggettivi, cioè sono suoni o rumori che sentono solo loro. Questi acufeni sono espressione di due condizioni: a) acufene propriamente detto e b) sensazione di ovattamento auricolare.

a) acufene propriamente detto 

Occorre fare una distinzione tra meccanismi fisici che coinvolgono l’orecchio esterno e/o l’orecchio medio dai restanti acufeni. Per esempio il tappo di cerume che è una semplice occlusione del condotto viene avvertito dai pazienti come un suono. Il rumore che si percepisce quando c’è un tappo è simile al suono prodotto da una conchiglia o un bicchiere contro un orecchio.

Quindi ritengo che una prima distinzione da fare quando il paziente riferisce di percepire un rumore nella testa o nelle orecchio sia riconoscere ciò che è rumore o suono da ciò che in ultima analisi è sensazione di ovattamento. 
L'acufene propriamente detto esprime il concetto di Jastreboff che vede questo fenomeno come una esclusiva disfunzione del Sistema Nervoso Centrale. E' anche evidente che tutti gli acufeni devono essere percepiti dal nostro cervello, però non necessariamente la loro origine deve essere nelle vie nervose centrali.

b) sensazione di ovattamento auricolare

La sensazione di ovattamento auricolare è anche denominata fullness.  Il paziente descrive questa situazione come una fastidiosa sensazione di orecchio chiuso. Quasi sempre questa sensazione è secondaria ad una vera e propria occlusione del condotto uditivo (es. tappo di cerume), oppure ad una disfunzione tubarica (per esempio l'ototubarite o tubo-timpanite) o ad una malattia dell'orecchio medio come l'otite sieromucosa. Questa sensazione non è il vero e prorio acufene e va distinta da quanto descritto al punto a)

Esiste anche un terzo problema che interessa alcune persone affette da acufene: è la ridotta tolleranza ai suoni. Questo sintomo può interessare sia le persone normoudenti che le persone ipoacusiche. 

Alcuni potrebbero cheidere se sintomo e malattia sono la stessa cosa? Nello specifico potrebbero chiedere se l'acufene è una malattia?
La risposta è precisa: l'acufene non è una malattia. Per malattia si intende un problema clinico caratterizzato da sintomi ben definiti e da una patogenesi (cioè da una alterazione anatomica dell'organismo che determina la malattia). L'acufene è un sintomo, al pari del dolore, della cefalea, della diminuzione dell'udito. Si tratta di un sintomo estremamente diffuso che caratterizza quasi tutte le malattie dell'orecchio, ma anche fenomeni patologici che lo interessano indirettamente come le malattie della tuba di Eustachio oppure che colpiscono l'intero organismo come il diabete o l'ipertensione arteriosa. 

 

 

Ti potrebbe anche interessare:
- approccio psicologico al paziente con acufeni

- trattamento con iniezioni transtimpaniche: è utile?

- eccessivo rumore nelle discoteche

- acufene pulsante: la sindrome di Minor

- libera professione in otorino

- trattamento delle paralisi del nervo facciale

  

 

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

ambulatorio di via Ruggeri, 9   REGGIO EMILIA  

Per prenotazioni  3358040811   NO SMS
Per orari di apertura e per prenotazioni on-line   https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

reggio emilia studio via ruggeri 9 otorinolaringoiatria govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


articoli
di Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

Attento a leggere un libro di medicina: potresti morire per un errore di stampa.

Mark Twain   1835 - 1910

Questa era una raccomandazione del XIX° secolo. Oggi i tempi sono cambiati, siamo evoluti, casualmente possiamo morire per un errore di stampa, ma si può anche morire per gli errori del WEB.


Ronzii nella testa o in un orecchio e uso eccessivo del WEB

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 448 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 23790 visitatori
consulenze-otorinoIl dott. Govoni è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici (medico otorinolaringoiatra) presso il Tribunale di Reggio nell’Emilia. Ha eseguito numerose consulenze tecniche (perizie) per Magistrati (dette anche Consulenze Tecniche d'Ufficio - CTU). Ha redatto anche relazioni tecniche per coloro che reclamano un danno (perizie di parte). E' disponibile per effettuare consulenze tecniche solo per malattie di competenza...
Letto da 17127 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12118 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 61329 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 48499 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 68976 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 88894 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 26060 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com