NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

IN QUESTO SITO NON C'E' PUBBLICITA'

L'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti e permette di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Il medico che si occupa di questi problemi si definisce vestibologo o otoneurologo. Nel senso più completo del termine l'otoneurologia comprende le funzioni vestibolare e uditiva. Quest'ultima non sarà affrontata in questo articolo, ma si rimanderà ad altri articoli presenti su questo sito. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altre pagine Web come l'esame audiometrico e l'impedenzometria.

A - Anamnesi.

Un esame otoneurologico inizia sempre con una accurata anamnesi. Occorre mettere a fuoco il problema del paziente e mirare le prove successive sulla base dei motivi che hanno spinto il soggetto a richiedere la visita. Questo concetto ci fa capire che le prove eseguibili sono molteplici ed è compito dello specialista fare solo quelle che servono per individuare la causa. Può essere utile anche far eseguire prove finalizzate ad escludere eventuali altre cause. Ascoltare il paziente è quindi il primo passo.

L'esame otoneurologico non segue uno schema rigido, ma varierà da persona a persona, proprio perché le problematiche sono diverse da paziente a paziente. Occorre ricordare che l'equilibrio è determinato dal controllo posturale (sistema vestibolo-spinale) e dal controllo della motricità dell'occhio (sistema vestibolo-oculomotore).
Distinguiamo quindi due tipi di prove, quelle rivolte alla valutazione del sistema posturale e quelle rivolte alla valutazione dei movimenti oculari.

B - Prove cliniche per valutare il sistema vestibolo-spinale.

Prova di Romberg. E' la prova più nota e forse la più antica. E' stata perfezionata dal neurologo Moritz Heinrich Romebrg (1795 - 1873). La prova è semplice, il paziente sta in piedi a talloni uniti e punte dei piedi leggermente divaricate. Braccia distese lungo i fianchi. Si chiede al paziente di chiudere gli occhi e mantenere la posizione. Nei casi di deficit sensitivi propriocettivi e turbe labirintiche importanti il paziente barcolla. Ci possono essere tendenze alla lateropulsione o anche alla retropulsione oppure all'anteropulsione. 

Prova delle braccia tese. Al paziente viene chiesto di tenere le braccia e mani tese in avanti e chiudere gli occhi. Nei soggetti normali questa posizione si mantiene inalterata per 10 secondi. Si ritengono patologiche deviazioni di 5 cm, dubbie tra 3 e 5 cm.

Prova della marcia sul posto (Unterberger - Fukuda). Il paziente dalla posizione di Romberg si mette a marciare sul posto, sollevando bene le ginocchia. Si valutano eventuali rotazioni (lateropulsioni). In alcuni casi si può osservare una tendenza a cadere all'indietro o in avanti.

Prova della marcia o marcia del funanbolo. Si chiede al paziente di camminare più volte avanti ed indietro per almeno quattro passi. Il soggetto normale va avanti e indietro senza discostarsi troppo da una traiettoria ideale centrale. In caso di deficit vestibolare periferico il paziente tende a deviare.

Prove cerebellari.

Adiadococinesia, detta anche disdiadococinesia, sono prove finalizzate alla valutazione di movimenti alternati in direzioni opposte. Le prove più note sono la pronazione e la supinazione delle mani oppure l'estensione dell'avambraccio sul braccio.

Prova indice-naso. Questa prova consiste nel far toccare col dito indice della mano destra la punta del naso e poi, subito dopo con l'indice della mano sinistra. La prova va ripetuta più volte. Se il paziente presenta delle dismetrie è segno di sofferenza centrale o cerebellare.

C - Prove cliniche per valutare i movimenti oculari (sistema vestibolo-oculomotore).

Si valuta innanzitutto la posizione degli occhi in condizioni di normali occhi aperti e sguardo diritto. Poi si chiede al paziente di guardare a destra e poi a sinistra mantenendo ferma la testa.
Con l'aiuto di una mira (esempio il cappuccio di una biro) si valuta la capacità di ruotare i movimenti degli occhi in tutti i piani, la capacità di effettuare movimenti rapidi di fissazione (movimenti saccadici) e movimenti lenti di inseguimento (smooth - pursuit).
Lo scopo di questa valutazione preliminare è evidenziare movimenti anomali degli occhi per strabismo (per lesioni dei muscoli oculomotori, oppure dell'orbita o dei nervi cranici che innervano i muscoli oculomotori). Si possono anche evidenziare disturbi della motilità oculare senza strabismo; si tratta di oftalmoplegie per lesione del Fascicolo Longitudinale Mediale (FLM).  

Si ricerca il nistagmo. Questo viene ricercato nelle tre posizioni primarie di sguardo utilizzando gli occhiali di Frenzel. Al paziente seduto gli si chiede di guardare in avanti, a destra e poi a sinistra.

occhiali frenzel lettura nistagmo vertigine orecchio labirinto govoni

Occhiali di Frenzel

 

Se ci sarà il riscontro di un nistagmo si valuterà la modalità di comparsa (spontaneo, rivelato o provocato), la direzione della fase rapida (orizzontale, verticale o rotatorio) e il grado (primo grado solo quando l'occhio è ruotato verso la fase rapida, secondo grado quando l'occhio è ruotato verso la fase rapida e al centro  ed infine terzo grado quando è presente anche con gli occhi ruotati verso la fase lenta). Il fatto che sia presente una fase rapida ed una fase lenta si definisce questo tipo di nistagmo col termine bifasico. E' pure possibile un nistagmo pendolare dove fase lenta e fase rapida sono uguali, pertanto indistinguibili. Si valuta con un cronometro la frequenza: il nistagmo è lento se sono presenti meno di 40 scosse al minuto; la frequenza è media se siamo tra 40 e 100 scosse al minuto; si definisce rapido quando supera le 100 scosse al minuto. E' possibile valutare l'ampiezza del nistagmo: le scosse sono piccole quando il movimento è minore di 5°, medie quando il movimento è tra 5° e 15°, ampie quando sono superiori a 15°. Parametri molto importanti sono il ritmo e la congruenza del nistagmo. Si distinguono nistagmi ritmici ed aritmici, e nistagmi congruenti (i movimenti dei due occhi sono identici) e nistagmi dissociati. Sono di particolare interesse per l'otoneurologo i nistagmi aritmici e dissociati. Altro aspetto da valutare è l'evoluzione del nistagmo. Secondo questo parametro distinguiamo il nistagmo in permanente, transitorio, parossistico e alternante.
Un'ultima valutazione è verificare se il nistagmo viene o non viene inibito dalla fissazione.

Il nistagmo spontaneo di origine labirintica (o vestibolare) è tipicamente un nistagmo orizzontale o orizzontale-rotatorio, bifasico, di intensità variabile (primo, secondo o terzo grado) ed è inibito o ridotto dalla fissazione. Per poter studiare il nistagmo in assenza di fissazione si utilizzano gli occhiali di Frenzel.

 orecchio occhio orl otoneurologia govoni otorinolaringoiatra

Orecchio e occhio sono al centro degli studi otoneurologici.

 

Lo studio del nistagmo permette di distinguere le forme di vertigine di tipo periferico (cioè malattie del labirinto e del nervo vestibolare) dalle vertigini centrali.  Il nistagmo centrale può essere raramente di tipo orizzontale-rotatorio, più spesso è verticale. Il nistagmo centrale risente poco della fissazione, pertanto con o senza occhiali di Frenzel, mantiene le stesse caratteristiche.

Altre forme di nistagmo che normalmente si ricercano sono il nistagmo di posizione e il nistagmo di posizionamento. Quest'ultimo è il nistagmo che si provoca nella ricerca della cupolo-canalolitiasi detta anche vertigine parossistica di posizione benigna (VPPB).

 


carlo govoni otorinolaringoiatra esperto migliore prenotazioni telefono online


Naviga tra le altre pagine della sezione "attività"

 

Visita specialistica otorinolaringoiatrica a Parma, Reggio Emilia e Modena

 

Chirurgia ambulatoriale 

 

Esame vestibolare o cocleovestibolare

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 5226 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 28790 visitatori
consulenze-tecnicheLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili, qui esporrò le mie idee in tema di Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' in questa che viene spesso interpellato l'otorinolaringoiatra. Le circostanze più frequenti sono gli incidenti stradali, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono problemi di carattere...
Letto da 21566 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono molto diversi tra loro.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se alcuni interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale),...
Letto da 25022 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 4030 visitatori
visita-specialistica-domicilio-pazienteQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 21111 visitatori
esame-olfattoL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 38755 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 27349 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 58194 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com