NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Proporre di togliere le tonsille ad un bambino è sempre un momento importante. I genitori a volte esclamano: "finalmente!" ma ci sono molti casi in cui non vorrebbero mai accompagnare i loro figli in sala operatoria e restano stupiti da questa indicazione.
Questo stupore deriva dalla confusione esistente su questo argomento. Ci sono medici interventisti che toglierebbero le tonsille a tutti e i conservatori che ritengono le tonsille un organo di difesa, quindi non le toglierebbero mai.

Per decidere se togliere o non togliere le tonsille ad un bambino occorre fare una valutazione preliminare: se il bambino è molto piccolo (meno di tre anni) ed è di costituzione minuta è bene non operare. Si deve tener presente che la tonsillectomia non è mai un intervento d'urgenza. In questi casi i rischi anestesiologici sono superiori a quelli chirurgici. Quindi nei bambini molto piccoli è sempre bene consigliare la terapia medica.

Vediamo ora quali sono le indicazioni alla tonsillectomia.
Al primo posto ci sono le tonsilliti recidivanti. S'intende un bambino che soffre di frequenti tonsilliti e soprattutto nel periodo invernale si deve ricorrere a numerosi trattamenti antibiotici. In questi casi è pressochè certo che la funzione difensiva esplicata dalle tonsille è persa. Le tonsille si sono trasformate in un luogo d'infezione e, se le condizioni fisiche del piccolo sono adeguate, c'è l'indicazione all'intervento. Nei bambini è logico fare sempre una valutazione delle adenoidi (spesso si apprezza una ipertrofia adenotonsillare di III° o IV° grado) e l'intervento diventa di adenotonsillectomia.

tonsille dimensioni grado3

tonsille dimensioni grado4

Nei due disegni si vede un quadro di grado 3° (in alto) e sotto un grado 4°.
Come si può osservare in entrambi i casi le tonsille (palatine tonsil) sono nettamente ipertrofiche.


Con la diffusione degli antibiotici le tonsilliti resistenti all'antibioticoterapia sono sempre meno numerose. 
Le linee guida suggeriscono:
- cinque o più episodi di tonsillite per anno,
- episodi invalidanti e tali da impedire le normali attività,
- sintomi che durano per almeno un anno.
Oggi c'è una diffusione continua di linee guida. Sono dell'opinione che ogni paziente sia un caso unico e completamente diverso dagli altri, pertanto ritengo importante che il medico faccia le sue valutazioni finalizzate al benessere del soggetto che ha di fronte.
Tant'è vero che le linee guida italiane proseguono nel modo seguente:
Utilizzare con maggiore elasticità i criteri sopra riportati in presenza di:
- adenopatia laterocervicale signficativa (> 2 cm)
- uno o più episodi di ascesso peritonsillare,
- convulsioni febbrili,
- patologie malformative dell'apparato respiratorio e cardiocircolatorio o altre gravi malattie croniche.

Una prima indicazione sono le tonsille molto voluminose che creano problemi respiratori. In questi casi è bene che si valuti il piccolo paziente sia nella vita diurna che notturna. Il sospetto di una sindrome delle apnee (o ipopnee) nel sonno è elevato. Si distinguono quindi due condizioni: l'ipertrofia adenotonsillare associata alle apnee notturne e l'ipertrofia adenotonsillare senza apnee. Nel primo caso l'indicazione alla adenotonsillectomia è pressochè certa. Nel secondo caso è possibile prendere tempo e vedere se con trattamenti medici si ottengono dei miglioramenti. Se questi non ci sono anche qui c'è indicazione alla tonsillectomia (o adenotonsillectomia).

Una indicazione particolare è costituita dall'ascesso peritonsillare. L'ascesso è una raccolta saccata di pus attorno alla tonsilla. Situazione molto rara nel bambino, più frequente nell'adulto. Questi casi vanno valutati singolarmente dallo specialista otorino. Il trattamento immediato va fatto con antibiotici e con eventuale incisione dell'ascesso. A distanza si dovrà valutare se fare la tonsillectomia. Trattandosi spesso di adulti le adenoidi hanno già raggiunto la regressione spontanea.

Esiste un'altra indicazione dove la rimozione della tonsilla si impone. E' il cancro della tonsilla. E' una situazione rara, di difficile riscontro, ma resta un problema che lo specialista deve conoscere e aver presente nella sua mente. Nelle fasi iniziali il tumore maligno a livello tonsillare è subdolo e mal distinguibile da una tonsilla normale. Con l'evoluzione della malattia si capisce sempre meglio che non è una banale tonsillite che non guarisce ma una malattia molto più grave. Il primo passo per una diagnosi è il prelievo bioptico.

Vedi anche:
- otite sieromucosa 
- cause di sindrome delle apnee notturne 
- ipertrofia adenoidea (aumento di volume delle adenoidi)

 

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di giugno 2019
c'è stato un articolo di rinologia

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2985 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26518 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 54007 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 12394 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 2278 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 99175 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 22484 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16421 visitatori
consulenze-otorinoLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili. In queste righe farò riferimento soprattutto alla Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' questa che vede più spesso le persone interessate. Le situazioni più frequenti sono gli incidenti stradali e non, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono...
Letto da 19590 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com