NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

L’idrope endolinfatica è l’aumento di pressione dell’endolinfa, è questo un liquido che si trova nell’orecchio interno, sia nella coclea che nel labirinto.

Prima di addentrarci sui concetti di perilinfa ed endolinfa ritengo opportuno porre l’attenzione sull’anatomia della coclea. E’ noto che la coclea è un organo membranoso che si trova all’interno di un analogo organo scavato nell’osso temporale. E’ un condotto arrotolato su se stesso in modo da formare quasi tre giri, molto simile ad un guscio di lumaca.

coclea osso temporale otoneurolaringologia govoni otorino orecchio interno

Nell'imagine TAC di un orecchio destro vediamo la coclea (al centro, di colore grigio). Questa è circondata da osso compatto (di colore bianco) e pertanto la coclea risulta ben visibile senza necessità di un mezzo di contrasto. Sul lato sinistro dell'immagine si osserva un corpo chiaro, apparentemente sospeso nell'aria, è l'incudine. In TAC l'aria è nera. 

labyrinth semicircular canal inner ear utricle duct cochlea govoni ent

Nei disegni non c'è l'osso, ma il suo contenuto, quindi la coclea appare molto simile al guscio di una lumaca (10).

La coclea (chiamata impropriamente chiocciola) presenta una parte centrale, modiolo, nella quale passano l’arteria cocleare e i rami del nervo cocleare. Il nervo forma un ganglio, ganglio spirale di Corti. L’arteria cocleare si distribuisce in numerosi rami, circa venti, che a loro volta percorrono il modiolo e raggiungono la componente membranosa.

 coclea organo corti orecchio bene govoni otorino idrope labirinto

Sezione della coclea  - 1: scala vestibolare;  2: scala media;  3: membrana tectoria;  4: scala timpanica;
5: ramo del nervo cocleare;  6: cellula ciliata interna;  7: cellule cicliate esterne;
8: membrana di Reissner;  9: nervo cocleare;  10: condotto uditivo interno.
Nel riquadro rosso è stato ingrandito l'organo di Corti.

 

Sono stati eseguiti parecchi studi sull'orecchio ed oggi si conosce molto bene l’anatomia della coclea.  La componente membranosa è costituita da tre condotti che prendono i nomi di scala vestibolare, scala media e scala timpanica. Di particolare interesse è la scala media o cocleare perché contiene l’organo di Corti. E’ questo l’organo fondamentale per la percezione uditiva. L’organo di Corti comprende i recettori acustici o cellule ciliate interne ed esterne. Quelle interne (6) sono disposte su un'unica fila mentre quelle esterne su tre file (7).

Le cellule ciliate sono responsabili del fenomeno più interessante per la percezione uditiva: la trasduzione meccano-elettrica. Il suono è nella pratica una vibrazione delle molecole dell’aria, queste vengono trasformate dalla membrana timpanica e dagli ossicini dell’udito in vibrazioni meccaniche. Attraverso la staffa e la finestra ovale le vibrazioni si trasmettono alla perilinfa, da qui all’endolinfa. Nella coclea il suono arriva come una vibrazione dell’endolinfa, queste vibrazioni muovono la membrana tectoria (3) e modificano le cellule ciliate. Queste ultime trasformano le vibrazioni in segnali elettrici e attraverso i fasci nervosi che formano il nervo cocleare raggiungono il cervello.

coclea perilinfa scala timpanica media corti cocleare udito govoni primo anatomia

Nel disegno si vede come nella scala vestibolare e in quella timpanica si trova la perilinfa; mentre l'endolinfa si trova solo nella scala media. L’endolinfa è un liquido con composizione simile ai liquidi intracellulari, è ricca in ioni potassio (K+).  La perilinfa è simile ai liquidi extracellulari ed è ricca di ione sodio (Na+). La perilinfa ha molte analogie col liquido cerebrospinale (o liquor) ed è in continuità con questo attraverso il dotto perilinfatico. 

        sodio   Na+        potassio  K+
  perilinfa        143 mmol/l           8 mmol/l   
  endolinfa         15 mmol/l         150 mmol/l


Non è chiaro come si formi l'endolinfa. Alcuni pensano che sia prodotta per filtrazione dalla perilinfa attraverso la membrana di Reisnner. Altri autori pensano che sia prodotta dalle cellule della stria vascolare (in colore violetto nei disegni). E’ questa una formazione vascolarizzata che si trova nella parte esterna della scala media, riceve sangue da specifiche arteriole provenienti dall’arteria cocleare e il suo drenaggio avviene attraverso specifiche venule.

Le variazioni di pressione dell’endolinfa incidono sulla genesi dei segnali elettrici che vengono inviati al cervello.

coclea idrope endolinfa scala timpanica media corti cocleare udito govoni primo anatomia

Nel disegno qui sopra vediamo l'effetto dell'idrope endolinfatica.
L'aumento della pressione endolinfatica comporta un
assotigliamento ed una distensione della membrana di Reissner. 

 

Secondo una teoria definita “meccanica” l’aumento di pressione dell’endolinfa (idrope endolinfatica) genera un disaccoppiamento tra membrana tectoria e cellule ciliate come sostenuto da Tonndorf J. 1983 (1). Nel disegno le cellule ciliate esterne sono di colore giallo, mentre quelle interne rosa. Il fenomeno del disaccoppiamento tra membrana tectoria è logico. Ritengo che le variazioni della pressione endolinfatica determinino un sollevamento della membrana tectoria, quindi si verifica la stimolazione di un minor numero di cellule ciliate, ma più verosimilmente uno schiacciamento della stessa membrana sulle cellule ciliate. In questa ultima eventualità si verificherebbero delle alterazioni nella trasmissione degli stimoli acustici, compatibili anche con la generazione di stimoli anomali, come gli acufeni. Si potrebbero quindi generare all’interno della coclea dei suoni, in assenza di uno stimolo sonoro proveniente dall'esterno.

Un’altra teoria molto suggestiva è quella della “rottura della membrana di Reissner”. Sappiamo dall’anatomia che la membrana di Reissner è molto sottile e separa la perilinfa dall’endolinfa. Se si verifica un idrope è logico pensare che la scala media che contiene l’endolinfa si distenda e si rigonfi. Già il rigonfiamento può essere responsabile di quanto appena descritto come teoria “meccanica”. Se l’idrope è massiva si potrà verificare una rottura della membrana col passaggio dell’endolinfa verso la perilinfa (vedi disegno). Con la rottura della membrana si verificherebbero quindi importanti alterazioni ioniche, ci sarebbe un incremento del potassio nella scala vestibolare ed entrerebe ione sodio (Na+) nella scala media.  

coclea rottura idrope endolinfa migliore scala timpanica media corti cocleare udito govoni anatomia

 

Alcuni Autori hanno cercato di spiegare l'esistenza dell'idrope endolinfatica attraverso l'esame istologico di orecchie di persone che in vita hanno sofferto di vertigini ricorrenti. Tale dimostrazione, in studi successivi, non è stata provata. Questo per spiegare le difficoltà esistenti sullo studio dell'idrope. Questo fenomeno viene visto da alcuni medici come un fenomeno assolutamente certo; in realtà esistono ancora molti dubbi sull'esistenza dell'idrope endolinfatica. Anche la considerazione che un acufene in una ipoacusia monolaterale neurosensoriale deriva dall'idrope è una considerazione che ritengo possibile, ma non la vedo come una certezza.

 

Bibliografia

1 - Tonndorf J.: Vestibular signs and symptoms in Meniere's disorder: mechanical considerations. Acta Otolaryngol. 1983 May-Jun;95(5-6):421-30.

Ti potrebbe anche interessare:

- acufeni e trauma acustico acuto

- malattia di Ménière

- Carlo Govoni: presenze nel WEB

- iniezioni transtimpaniche proposte come terapia per gli acufeni

- G.B. Mangioni Hospital, Lecco - interessante corso sugli impianti cocleari.

- Acufene pulsante, può essere una sindrome di Minor

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di giugno 2019
c'è stato un articolo di rinologia

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Attento a leggere un libro di medicina: potresti morire per un errore di stampa.

Mark Twain   1835 - 1910

Questa era una raccomandazione del XIX° secolo. Oggi i tempi sono cambiati, siamo evoluti, casualmente possiamo morire per un errore di stampa, ma si può anche morire per gli errori del WEB.


Ronzii nella testa o in un orecchio e uso eccessivo del WEB

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3337 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26836 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16549 visitatori
visita-otorinolaringoiatrica-per-bambiniLa maggior parte dei bambini possono soffrire di parecchie malattie, quelle più frequenti sono le patologie dell'orecchio, del naso e della gola. La visita medica serve per affrontare i problemi clinici. La visita otorinolaringoiatrica eseguita per un bambino è molto simile a quella dell'adulto. Per certi aspetti è più semplice perchè si tratta di una visita ridotta alle manovre essenziali. L'importante è...
Letto da 13915 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 22889 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 33836 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 26341 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 23400 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 56812 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com