NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia Testa e Collo
Master in vestibologia

Tel. 3358040811  preferibilmente dalle 10,30 alle 12,00   

NO SMS      NEL SITO NON C'E' PUBBLICITA'

L’apparato uditivo dell’uomo è, come altri apparati sensoriali, in uno stato di eccitazione continua, non c'è mai una condizione di completo riposo.

La domanda che mi pongo: esiste il silenzio per il nostro apparato uditivo?

Non si può rispondere con un sì o con un no. Il problema è più complesso di quanto si possa immaginare. Ritengo che si debbano prendere in considerazione due aspetti: a) quello che avviene all’esterno del nostro corpo e b) quello che si verifica all’interno dell'orecchio.

carlo govoni the best otorhinolaryngologist tinnitus silence

All’esterno del corpo umano c’è l’aria e questa si muove e vibra. Perché nell’aria ci sia assenza di suono questa dovrebbe essere ferma. Ma vento e spostamenti dell’aria in conseguenza delle diverse temperature esistono sempre. L’uomo per poter vivere deve essere immerso nell’aria. Le vibrazioni dell’aria inferiori a 20-30 cicli al secondo ( 20-30 Hertz) sono suoni non udibili dall’orecchio umano. Prendono il nome di infrasuoni, ma sono pur sempre dei suoni che arrivano al nostro apparato uditivo. L’apparato sensoriale acustico è sottoposto a continue sollecitazioni anche se non tutte sono percepite come suono. Sappiamo dalla fisica che l’unico vero isolante del suono è il vuoto. L’assenza di suono e di rumore esiste solo nel vuoto d’aria, ma l’uomo non può vivere nel vuoto. Sul fatto che il suono non si propaghi nel vuoto c'è una dimostrazione molto semplice che ho descritto in altro articolo.

 

La percezione dei suoni avviene per opera delle cellule cigliate della coclea. Le cellule cigliate si dividono in interne ed esterne [in giallo e in rosa nella prima figura sottostante], sono circa 17.000 e si trovano nel dotto cocleare. Queste cellule hanno un potenziale interno negativo (- 60 / - 80 mV) e sono avvolte dall’endolinfa della scala media. Quest’ultima ha un potenziale di + 80 mV (potenziale endococleare). Il fatto che si mantenga all’interno dei recettori un potenziale negativo significa che, in assenza completa di stimoli sonori, devono esserci delle pompe metaboliche che lavorano di continuo. Le pompe metaboliche consumano energia e sono all’interno dei recettori. Per mantenere queste differenze di potenziale le cellule devono consumare energia. Il gradiente è pertanto di 150 mV, questo viene anche chiamato potenziale di riposo. Affinché una cellula cigliata stia nel silenzio e non svolga alcuna attività recettoriale sonora è necessario consumo di ossigeno e di energia, tali da mantenere una differenza di potenziale di 150 mV.

coclea scala timpanica media corti cocleare udito govoni primo anatomiaNel disegno qui sopra sono indicate le cellule cigliate,
in giallo una interna (6) e in rosa tre cellule cigliate esterne (7).

 

coclea organo corti orecchio bene govoni otorino idrope labirinto

Il particolare è stato ingrandito, queste cellule (6 e 7),
sono i recettori dell'organo di Corti e sono sempre in attività.

 

E’ logico pensare che queste attività metaboliche svolte di continuo dai recettori abbiano degli effetti sulla percezione sonora. Quindi quando una persona si chiude in una cabina silente o in una camera anecoica non ha onde sonore udibili che provengono dall’esterno, ma non percepisce una assenza di suono assoluta. Dei suoni si generano all'interno del suo apparato uditivo.

E’ difficile descrivere quello che un uomo sente quando è in completo silenzio. Le descrizioni su questo argomento sono diverse, alcuni parlano di un fruscio, uno scorrere dell’acqua, un televisore mal sintonizzato.

Secondo altri quando si è nel completo silenzio si possono percepire suoni pulsanti. Questi, secondo questa teoria, sono i suoni prodotti dal cuore durante la sua attività. Qui è difficile capire se le pulsazioni cardiache arrivano a stimolare i recettori cocleari. Il mio pensiero è che non ci siano suoni pulsanti. Il flusso del sangue a livello periferico, cioè all’interno della coclea, può determinare un suono, ma non credo ci sia l’effetto di una pulsazione sincrona col battito cardiaco.

 

L’orecchio umano, ovviamente di persona viva, è sempre in attività e richiede costantemente, anche se minimo, un consumo di ossigeno ed energia. Queste azioni si svolgono nei recettori, pertanto si genera un potenziale (potenziale endococleare) che si trasmette lungo la via nervosa acustica e viene percepito dal cervello. 17.000 cellule nervose devono mantenere una differenza di potenziale di 150 mV, consumano energia e generano un suono di bassissima intensità.

In altre parole il silenzio inteso come assenza di attività dei recettori, pertanto assenza di potenziale endococleare, non può esistere perché non è compatibile con la vita.

In senso fisico il silenzio è l'assenza di vibrazioni, questa condizione esiste solo nel vuoto.

Cerco ora di rispondere alla domanda che ho posto all'inizio, cioè se esiste il silenzio per il nostro apparato uditivo. Se intendiamo il silenzio come assenza di stimolazioni esterne e assenza di attività elettrica sensoriale uditiva si deve rispondere che questa condizione non esiste per l'uomo vivente. Esiste però la situazione di scarsissime stimolazioni esterne non percepibili dall'orecchio umano e di conseguenza una attività elettrica liminare dei recettori acustici che recepiamo soggettivamente come "silenzio".

Una ricerca a volte esasperata del silenzio avviene da parte di coloro che soffrono di acufeni. Queste persone cercano di migliorare gli isolanti di porte e finestre, utilizzano tappi prima di andare a letto. Questa ricerca la ritengo errata sia per coloro che cercano sollievo da acufeni ma anche per tutta la popolazione in generale. Ovviamente mi riferisco ad una rumorosità ambientale che ritengo normale, cioè i comuni rumori cittadini per chi abita in una città, o i rumori di un ufficio oppure di un normale mezzo di trasporto. Il rumore lieve, come può essere quello di qualche auto che passa in lontananza, o lo scorrere dell'acqua di un ruscello, o il cinguettio degli uccelli o lo stridere delle cicale sono tutte percezioni sonore che entrano in nell'ambito della normalità. Per coloro che soffrono di acufeni è bene che percepiscano questi rumori, hanno un effetto mascherante sul loro disturbo. 

otoprotettori govoni pixabay

 

Ricordo che un mezzo che in particolari casi rende più sopportabile un acufene è la TRT, cioè un dispositivo che produce un suono riconosciuto come piacevole dal paziente. Non è quindi il silenzio che fa migliorare l'acufene, ma il contrario.

Sconsiglio l'uso di tappi insonorizzanti per andare a dormire o per concentrarsi quando si studia. Occorre usare dispositivi di protezione dal rumore solo quando il rumore è elevato, almeno di 80 dBA. Ovviamente se si fanno attività particolari come se si usano strumenti rumorosi o si guida una moto o un'auto da corsa a scarico libero è evidente che la protezione sarà necessaria. 

 

 

 

Se ti ha interessato questo articolo ti potrebbero anche interessare:

Risonanza Magnetica Nucleare a Collecchio (Parma)

 

Columbus Clinic Center Milano

 

Covid-19 e perdita del gusto e dell'olfatto

 

medical services via Marzabotto San polo enza otorino govoni

 


modena hesperia hospital ospedale privato accreditato logo

 

bianalisi spa migliore otorino reggio modena colore

 

 

 

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

Arte&Medicina


2022 arte medicina carlo govoni copertina

Arte & Medicina
E' un libro che tratta 20 argomenti di carattere sanitario.
Tre capitoli sono stati scritti da Carlo Govoni.
Gli altri 17 capitoli hanno una presentazione storico-artistica di Carlo Govoni.

Il libro può essere acquistato richiedendolo a Diagnosi&Terapia
via del Colle 106 r - 16128 Genova
Tel. 3358040811
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 Il volume è di 496 pagine,
formato cm 16,5 x 24
€ 25,00 (iva compresa) 
+ spese spedizione

 

COLUMBUS CLINIC CENTER è una prestigiosa casa di cura privata di Milano. Si trova in via Michelangelo Buonarroti, 48. Qui il dott. Carlo Govoni esegue visite specialistiche e interventi chirurgici. Il Centro è convenzionato con le più importanti assicurazioni private.

milano columbus clinic center aree cliniche

Nei giorni o negli orari in cui l'ufficio prenotazioni è chiuso potete chiamare 3358040811   NO SMS

 

 

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
Potete trovare articoli scritti da Carlo Govoni

diagnosi e terapia rivista

 

www det.it  category/articoli/otorinolaringoiatria/

 

INTERVISTA  al
dott. Carlo Govoni

tempo logo carpi modena govoni otorino

Sul settimanale on-line e su carta
c'è un articolo 
Orecchio, previeni 'tappi' e otiti

https://temponews.it/2024/02/07/orecchio-previeni-tappi-e-otiti/

Carlo Govoni viene intervistato da Sara Gelli.

Visite ORL a MILANO

Visite di otorinolaringoiatria
a Milano - dott. Carlo Govoni

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

per un appuntamento
by appointment
tel. 3358040811

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

 

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro ad abbassamenti della voce e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 11338 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 33431 visitatori
esame-vestibolare-visita-vestibologicaLa visita vestibologica è quella visita che comprende l'esame vestibolare o esame otovestibolare ed è finalizzata a curare i soggetti affetti da vertigine. La vertigine è l'alterazione del senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma è anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto...
Letto da 85975 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 30723 visitatori
impedenzometriaL'impedenzometria o esame impedenzometrico serve per studiare la motilità della membrana timpanica e altre funzioni uditive in modo oggettivo. Per valutazione oggettiva si intende un esame eseguito completamente da una macchina, senza la necessità della collaborazione del paziente. L'esame impedenzometrico è una metodica strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Proprio perché...
Letto da 69401 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Con la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore oppure rinofibroscopia se eseguita con fibre ottiche) e la laringe (laringoscopia indiretta oppure...
Letto da 85758 visitatori
visita-specialistica-domicilio-pazienteQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 27430 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti e permette di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Il medico che si occupa di questi problemi si definisce vestibologo o otoneurologo. Nel senso più completo del termine l'otoneurologia comprende le funzioni vestibolare e uditiva. Quest'ultima non sarà affrontata in questo articolo, ma si rimanderà ad altri articoli...
Letto da 20259 visitatori
consulenze-tecnicheLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili, qui esporrò le mie idee in tema di Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' in questa che viene spesso interpellato l'otorinolaringoiatra. Le circostanze più frequenti sono gli incidenti stradali, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono problemi di carattere...
Letto da 25637 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com