NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

Molte persone si rivolgono al medico perché avvertono uno strano rumore come se fosse nell'orecchio o all'interno della testa e pensano di avere gravi malattie. Questi rumori sono descritti dai pazienti con una notevole varietà di termini; può essere un fastidio, un fruscio di foglie, una sirena, una pulsazione continua, un cinguettio di uccellini, una cascatella d'acqua, un televisore mal sintonizzato, ecc.
E' importante precisare che questi strani rumori non sono provocati da stimolazioni sonore provenienti dall'ambiente in cui il paziente vive, ma sono generati e percepiti all'interno del nostro corpo e sono definiti "acufeni".

Gli acufeni, nella maggioranza dei casi, sono un fenomeno soggettivo, cioè è percepito solo dal paziente. Molto eccezionalmente possiamo parlare di rumori o acufeni oggettivi, cioè suoni o rumori che possono essere percepiti anche dall'esaminatore per mezzo di un fonendoscopio.

Le nostre conoscenze su questo sintomo sono molto scarse. Sappiamo che ha una elevata frequenza: circa l'8% delle persone adulte ne soffre e se si analizzano le sole persone anziane la percentuale è ancora più elevata. 

Un paziente è facile che di propria iniziativa o su consiglio del medico si rvolga ad uno specialista otorinolaringoiatra. Può succedere che esca dall'ambulatorio sentendosi dire che non esiste terapia e dovrà tenersi il ronzio per tutta l'esistenza. 

 Ad alcune persone che soffrono di questo disturbo sono state proposte terapie specifiche, come l'uso di stimolazioni laser oppure l'agopuntura o sono stati consigliati mascheratori di acufeni (TRT). Purtroppo mi risulta che molte persone che hanno affrontato questi trattamenti sono rimasti delusi.

Altro aspetto importante è individuare la malattia che ha portato all'acufene. Questo è un sintomo frequentissimo e compare nella quasi totalità delle malattie dell'orecchio e anche in molte malattie che non sono di competenza otologica.

Ho sempre scritto che l'acufene è un sintomo, non è una malattia. Quindi molte malattie possono provocare questi fastidiosi ronzii.

Oggi purtroppo i medici devono fare una battaglia contro l'informazione digitale. Il WEB è pieno di siti dove si parla di acufene come se fosse il primo sintomo di un tumore al cervello. Tutto può succedere nella vita, ma non si può pensare che un sintomo che, per esempio, in Italia colpisce circa cinque milioni di persone ci siano cinque milioni di persone dove verrà diagnosticato un tumore al cervello. Sicuramente, trattandosi di un sintomo così frequente, tra questi cinque milioni di persone ci sarà qualcuno dove verrà diagnosticato un tumore endocranico, ma quello che è importante è che le percentuali sono praticamente uguali a quelle della popolazione che non soffre di acufeni. "I tumori primitivi del sistema nervoso centrale hanno in Europa un'incidenza di cinque casi su 100.000 abitanti/anno, senza significative differenze tra le varie nazioni europee." (1)  In queste linee guida si legge che questa incidenza è maggiore in coloro che hanno superato i 65 anni. Indirettamente si deduce che sotto ai 65 anni l'evento è più raro.
Quello che ritengo importante sottolineare che non c'è un rapporto evidente tra acufene e tumore al cervello. Questo è determinato dal fatto che le persone che soffrono di acufeni sono moltissime.

Le descrizioni dei vari sintomi, oggi facilmente reperibili in Internet, servono solo ad alimentare stati d'ansia ingiustificati. Tutte le persone nel momento in cui si autoanalizzano sono portate a far propri i sintomi che stanno leggendo nei vari articoli. Il vero problema lo vedo nella descrizione dei sintomi. Un esempio classico è l'associazione del sintomo acufene e ipoacusia monolaterale. Le persone che hanno un ronzio in testa o in un orecchio e pensano di sentire meno da un orecchio sono numerosissime. I due sintomi sono del tutto aspecifici. Tra tutte le persone che hanno un calo di udito in un orecchio almeno il 95% riferiscono di avere un acufene. Il risultato pratico è che tutte queste persone si presentano al medico con gli stessi sintomi.

Qualcuno potrebbe chiedersi, ma come fanno i medici a capire le differenze tra un caso e un altro se tutti raccontano la stessa sintomatologia?

La capacità del medico risiede proprio in questo: i racconti delle persone sono molto simili, ma le diagnosi sono diverse e le terapie, ovviamente, sono differenti.

Nel caso di una persona che dice di avere un calo di udito in un orecchio e un acufene il medico deve semplicemente verificare i due problemi. L'analisi dell'acufene è un percorso che deve essere seguito, ma è complesso e infido. Considero l'acufene un sintomo aspecifico che ben difficilmente, da solo, potrà portarmi ad una diagnosi.
Molto più importante è lo studio del calo di udito (ipoacusia). Con le prove audiometriche possiamo capire se esiste veramente un calo di udito e, in ipotesi affermativa, di quanto. Non dobbiamo dimenticare che esistono fenomeni strani, alcuni pazienti pensano di sentire poco da un orecchio e poi, alla luce di un esame audiometrico, le due orecchie sentono allo stesso modo. 
Analizzare l'ipoacusia è importante, pensiamo ora a chi effettivamente sente poco da un orecchio. Il primo ragionamento da fare è che la malattia che ha portato al calo uditivo sia la stessa che ha determinato l'acufene. Già da questa prima affermazione si dovrebbe capire che il cervello non c'entra. L'analisi va fatta sulla perdita uditiva, quindi ci si deve concentrare sull'apparato uditivo.
Dagli esami audiometrici e impedenzometrici si capisce se la perdita uditiva è di trasmissione o percettiva o mista. Pertanto si stringe il campo delle possibilità a determinate malattie localizzate in una parte dell'orecchio.

audiogram transmission mild hearing loss

audiogram sudden deafness

Qui sono rappresentati gli esami di due pazienti molto diversi tra loro. 
Entrambi riferiscono di avere un acufene e una perdita uditiva in orecchio sinistro.
Il primo ha una lieve ipoacusia di trasmissione e il suo problema è localizzato 
nella cassa del timpano (orecchio medio).
Il secondo ha una ipoacusia percettiva o neurosensoriale, 
la sede della malattia è quindi la coclea (orecchio interno).

[Per approfondire vedi "come si legge un esame audiometrico?"]

 

L'approccio del paziente ai problemi di salute attraverso l'analisi dei propri sintomi e confrontarli con quanto si leggeva sulle enciclopedie mediche ed oggi su Internet è un approccio negativo che comporta esegerati stati d'ansia, del tutto ingiustificati. Le valutazioni eseguite da un medico sono completamente diverse rispetto alle valutazioni (o autovalutazioni) che si possono fare da soli. Il mio consiglio è utilizzare Internet per conoscere i medici, per acquisire nozioni generali sulle malattie, ma non per fare autodiagnosi e peggio ancora per fare autoprescrizioni. 

Ricordo che già all'inizio del ventesimo secolo c'è stato chi poneva l'attenzione sull'eccessivo utilizzo delle enciclopedie mediche e raccomandava molta attenzione per non correre il rischio di morire "per un errore di stampa" (2). Oggi occorre stare ancor più attenti: si corre il rischio di farsi del male "per gli errori di stampa e per gli errori del WEB". 

 

Bibliografia:
1 - Associazione Italiana di Oncologia Medica "Linee guida neoplasie cerebrali", Edizione 2016.
2 - Mark Twain (1835-1910) ha scritto "attento a leggere i libri di medicina: potresti morire per un errore di stampa."

 

 

 

  

 Ti potrebbe anche interessare:
Che cosa si intende per acufene?

Tumore glomico

Uno strano ronzolio nell'orecchio, cosa posso fare?

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

ambulatorio di via Ruggeri, 9   REGGIO EMILIA  

Per prenotazioni  3358040811   NO SMS
Per orari di apertura e per prenotazioni on-line   https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

reggio emilia studio via ruggeri 9 otorinolaringoiatria govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di giugno 2019
ci sarà un articolo di rinologia

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

Attento a leggere un libro di medicina: potresti morire per un errore di stampa.

Mark Twain   1835 - 1910

Questa era una raccomandazione del XIX° secolo. Oggi i tempi sono cambiati, siamo evoluti, casualmente possiamo morire per un errore di stampa, ma si può anche morire per gli errori del WEB.


Ronzii nella testa o in un orecchio e uso eccessivo del WEB

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 552 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 23948 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 50082 visitatori
consulenze-otorinoIl dott. Govoni è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici (medico otorinolaringoiatra) presso il Tribunale di Reggio nell’Emilia. Ha eseguito numerose consulenze tecniche (perizie) per Magistrati (dette anche Consulenze Tecniche d'Ufficio - CTU). Ha redatto anche relazioni tecniche per coloro che reclamano un danno (perizie di parte). E' disponibile per effettuare consulenze tecniche solo per malattie di competenza...
Letto da 17272 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 26658 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 89530 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12176 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 10754 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 69306 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com