NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Le alterazioni della voce (disfonie) nei bambini sono frequenti, spesso si tratta di fenomeni conseguenti a sforzi vocali o a fenomeni infiammatori acuti come faringo-laringiti.

Molti genitori sono preoccupati perchè i loro figli spesso arrivano alla sera completamente afoni. Questo problema colpisce soprattutto i maschi, ma anche le femmine non sono immuni. La causa è quasi sempre l'abuso vocale. Durante il giorno questi bambini gridano e molte volte lo fanno senza un preciso motivo. Alzare la voce diventa un modo per imporsi sui loro coetanei. 

Il gridare spesso è dannoso. Per capire il problema occorre fare un passo indietro e capire come si forma la voce. Tutti gli uomini durante l'espirazione sono in grado di stringere le corde vocali ed emettere dei suoni. I suoni prodotti dalle corde vocali (fonemi vocalici) sono i suoni delle vocali  a - é - è - i - ò - ó - u.  In fonetica le vocali non sono cinque, ma sette.  Questi suoni si modificano muovendo adeguatamente lingua, il palato, la boccae si ottendono i suoni consonantici. Affinchè l'uomo possa produrre un suono è indispensabile che le corde vocali siano accostate sulla linea mediana e l'aria che fuoriesce dai polmoni abbia una forza tale da assumere le caratteristiche di suono.

bambino pediatria otite sorriso otorinolaringologia pediatrica govoni

Le corde vocali si muovono in forza di muscoli intrinseci alla laringe e battono una contro l'altra. Se i movimenti sono violenti, come quando si grida, è facile che si arrivi alla formazione dei noduli. I noduli sono ispessimenti del margine libero delle corde vocali.

larynx vocal cord

 

laringe noduli corde vocali otorinico

 

Nei due disegni si vede, in alto, le corde vocali normali e, in basso, la presenza di noduli. Vedere le corde vocali nel bambino non è semplice. Ormai molti propongono la fibrolaringoscopia. Con uno strumento flessibile a fibre ottiche si passa attraverso una narice e si possono vedere le corde vocali durante la fonazione. Questo esame è difficile da eseguire in un bambino per la sua naturale irrequietezza. Anche usare anestetici locali serve a poco. Personalmente sono contrario ad eseguire questo tipo di indagine in bambini molto piccoli. Si corre il rischio di traumatizzarli e alcuni non vogliono più sottoporsi a questo tipo di esame. La fibrolaringoscopia eseguita nelle persone collaboranti è un esame che non provoca dolore, al massimo qualche fastidio; non è così nei bambini. Io suggerisco nel bambino la visione delle corde vocali con lo specchietto laringeo.

specchietti laringei pediatrici cucchiaini govoniIn questa immagine ho fotografato alcuni specchietti laringei 
e due cucchiaini da caffè. Si può vedere che gli specchietti sono più
piccoli rispetto ai cucchiaini, sono completamente rotondi e indolori.
La laringoscopia che si fa con questi strumenti è una tecnica antica, perfezionata
prima dell'invenzione della lampadina, però ha il vantaggio di essere indolore
e questo è molto importante nelle visite pediatriche.

 

Fatto questo esame si farà una breve relazione e si invia il piccolo ad una logopedista. Il trattamento consiste soprattutto nel riuscire a far cambiare le abitudini del bambino.  Ecco qui alcuni consigli per evitare la formazione di noduli nei bambini.

1 - Quando la voce si abbassa o diventa rauca è importante il riposo vocale. Il piccolo non dovrà parlare o limitarsi allo stretto necessario.

2 - Cercare di parlare al bambino con tono di voce moderato. Eliminare tutto ciò che genera rumori nell'ambiente. Stare vicini al piccolo, guardarlo negli occhi e fargli capire indirettamente che alzare la voce non serve a nulla.

3 - Insegnare al bambino a parlare con calma. Molto spesso i bimbi accavallano le parole e le frasi. Questo è un atteggiamento da correggere. Devono imparare a respirare in modo adeguato e a parlare con molta calma.

4 - Utilizzare la voce quando ci si trova di fronte, evitare di chiamare il bambino da una stanza all'altra.

5 - Se si deve parlare e contemporaneamente c'è un apparecchio elettroacustico in funzione (per esempio la TV), mai alzare la voce per sovrastare il suono dell'apparecchio. E' molto più educativo abbassare il volume del televisore, o togliere l'audio, quando si parla.

6 - Come già detto una buona respirazione è alla base di una buona fonazione. Non si deve parlare quando si fanno sforzi fisici, per esempio quando si corre o quando si fanno attività impegnative.

 

 

Ti potrebbe anche interessare

 

- L'otite nel bambino

 

- Come parlare ad un bambino che ha difficoltà uditive

 

- Fonochirurgia - ovvero la chirurgia delle corde vocali

 

- Il bambino con ipertrofia adenoidea (adenoidi)

 

- Fonastenia

 

 

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2581 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26142 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 67903 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 53247 visitatori
visita-specialistica-domicilio-paziente-govoniQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 18785 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12861 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16296 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 22818 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 22053 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com