NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia Testa e Collo
Master in vestibologia

Tel. 3358040811  -  NO SMS  -  NO WhatsApp     

NEL SITO NON C'E' PUBBLICITA'

Per inquinamento acustico s'intende l'esposizione a rumori di qualsiasi origine e di intensità media o elevata. Per intensità si intende il volume di un suono o di un rumore. Per quanto riguarda l'inquinamento acustico si è soliti parlare di rumore. Rumore e suono sono simili, semplicemente il rumore (NOISE) è un suono aperiodico, come si può vedere nel grafico sottostante.

 

differenza suono rumore diagramma temporale carlogovoniDifferenza tra suono (SOUND) e rumore (NOISE)

 

Ai fini dell'inquinamento è importante l'intensità o volume. Come tutti i fenomeni acustici se l'intensità è lieve i danni alla salute sono inesistenti. Se i suoni hanno una intensità tra 65 e 80 dB possono essere fastidiosi. Se l'intensità è superiore a 80 dB si considerano potenzialmente otolesivi per le persone più sensibili. Per poter parlare di potenziale otolesività per la maggior parte delle persone si devono superare 85 dB. Per determinare un danno all'apparato uditivo sono fondamentali l'intensità dei rumori e la durata dell'esposizione.
L'intesità di un rumore si esprime in decibel (dB) e corrisponde al volume. Per esempio noi possimo schiacciare un tasto di un pianoforte delicatamente (bassa intensità, cioè pochi decibel), oppure premerlo con forza, in tal caso il volume sarà alto e il rumore sarà intenso.  E' irrilevante l'intensità media di un rumore. Sono fondamentali i picchi che il rumore raggiunge. Se per 50 minuti un lavoratore è esposto ad un rumore di 60 dB e per 10 minuti ad un rumore di 100 dB non si può dire che la sua esposizione media è di 66,6 dB e pertanto quella esposizione non è otolesiva. Il danno è costituito dall'esposizione a 100 dB per 10 minuti ogni ora, ovviamente ci vorrà un tempo prolungato ma questa esposizione produrrà un danno al lavoratore.

Se in alcuni momenti un suono ha le caratteristiche di rumore esplosivo (per esempio 120 - 130 dB) è chiaro che sarà sufficiente una breve esposizione per determinare un danno. In questi casi non si parla di trauma acustico cronico (TAC), ma di trauma acustico acuto (TAA)

muletto lavoro stabilimento rumore medicina preventiva govoni otoneurologo
Altro elemento importante per valutare l'inquinamento acustico è il luogo e il momento della giornata in cui il rumore è presente.
Per esempio un rumore di 60 dB all'interno di un ambiente di lavoro è sopportabilissimo e sarebbe ridicolo definire quell'ambiente rumoroso. Il problema cambia totalmente se quel rumore fosse presente in una camera da letto. Chi dovrà dormire in quella stanza avrà seri problemi per addormentarsi. Secondo l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) una rumorosità superiore 40 dB negli ambienti dove si dorme è lesiva per la salute.
Ricordo il caso di un paziente che vive in un condominio e per decisione assembleare sono state montate delle valvole ad ogni termosifone per misurare il consumo di calore. Queste valvole fanno un rumore minimo e questo signore non riesce a prendere sonno.

Per inquinamento acustico indichiamo un rumore ambientale che, per generare fastidi o danni all'apparato uditivo, dovrà essere valutato in intensità e durata e soprattutto si dovrà tener conto in quali ore della giornata è presente e in quali luoghi.

Per valutare la rumorosità di un ambiente si utilizza un particolare strumento denominato fonometro

saldatore industria lavoro audiologia industriale rumore govoni apparato otoneurolaringologico

 

Gli stabilimenti industriali sono oggi una delle sedi più importanti dove l'uomo vive per parecchie ore immerso nel rumore. E' importante fronteggiare adeguatamente il rumore in questi luoghi. I medici possono solo segnalare il problema, la soluzione va però trovata a livello politico, legislativo ed economico.

verbania vco industria chimica

 

E' importante riconoscere tre tipi di inquinamento ambientale:
A) Inquinamento da rumore industriale.

B) Inquinamento da suoni musicali o rumori voluttuari

C) Inquinamento da rumore ambientale urbano

Il concetto fondamentale che ci fa riconoscere un ambiente inquinato dai suoni è il rumore. Per rumore si intende un fenomeno sonoro irregolare, aperiodico. E' la forma dell'onda acustica che ci permette di distinguere un suono da un rumore.

Il danno all'uomo deriva dall'intensità del rumore come ho già espresso all'inizio di questo articolo. Quando supera gli 85 dB dobbiamo preoccuparci. Negli stabilimenti e nei cantieri esiste un sistema ben strutturato di prevenzione. Un sistema simile esiste anche per le discoteche. All'interno di questi locali non si dovrebbe superare i 100 dB.

Affronto ora il problema che ho indicato con la lettera B). Sono soprattutto i giovani che ascoltano musica in continuazione ad essere particolarmente esposti a questa forma di inquinamento acustico. I suoni intensi raggiungono le nostre orecchie quando si balla nelle discoteche e quando si partecipa a concerti rock. Nelle discoteche l'ambiente è stretto e il rumore è molto intenso. Nei concerti gli spazi sono grandi, ma diventa fondamentale la posizione del singolo nei confronti delle casse di amplificazione. Se si sta vicino i rischi di subire un danno acustico esistono.
Ho inserito in questo gruppo anche una esposizione a rumore che definisco voluttuaria: intendo il rumore percepito per uso di armi da fuoco, esercitazioni di tiro, pratica della caccia, e anche il rumore di motori a scoppio a scarico libero come avviene in tutte le competizioni motoristiche.

otoprotettori govoni pixabayOtoprotettori - ovvero tappi insonorizzanti
per difendersi dai suoni intensi

 

Il vero problema è come difendersi? Per coloro che usano armi o veicoli a scarico libero la protezione individuale è relativamente facile: basta mettersi tappi nelle orecchie come un qualsiasi lavoratore in ambiente rumoroso. Più problematica è la difesa dell'udito del cacciatore e di chi ascolta musica o ha fatto della musica la sua professione. In commercio esistono otoprotettori ad andamento lineare, cioè abbassano tutte le frequenze in eguale misura, pertanto si apprezzano tutti i suoni, ma questi vengono attenuati. Non sono in grado di dire che questi otoprotettori mantengono effettivamente quanto promesso, ma sono, per oggi, l'unico rimedio possibile. 

 

Molto diverso il l'inquinamento da rumore ambientale urbano (C).  Qui parliamo di suoni che ci coinvolgono da quando usciamo di casa al mattino fino a quando non spegniamo la luce della camera da letto. Tutti i giorni sentiamo il rumore dell'auto, o della metropolitana, o del traffico, o le sirene delle ambulanze o il chiacchierio delle persone. Su questo argomento si è espressa l'Organizzazione Mondiale della Sanità ed ha indicato come una sonorità ambientale superiore a 65 dB durante il giorno (e 55 dB di notte) è dannosa per l'organismo.   Se stiamo nella fascia compresa tra 65 e 80 dB il danno uditivo è praticamente inesistente. Diverso però è il danno psichico: aumenta lo stato d'ansia e disturbi ad addormentarsi, facile irritabilità. Alcuni psicologi vedono un incremento degli stati di depressione. Il rumore ambientale urbano ci mette in difficoltà. Non si riesce a dimostrare un danno quantificabile, c'è però un sempre più frequente riferimento a turbe di tipo neuropsichico. 
Nei cittadini si crea anche un problema ulteriore. I disturbi legati allo stress e allo stato ansioso sono provocati da numerosi fattori che nulla hanno a che vedere con il rumore percepito, pertanto accusare il comune o l'azienda dei tram del nostro malessere sarà una battaglia persa in partenza, a patto di non riuscire a provare con ripetute fonometrie che il rumore ambientale è veramente elevato (almeno attorno a 78 / 80 dB).
Per questo tipo di inquinamento, cioè da rumorosità urbana, non esistono veri rimedi. L'unico consiglio è insonorizzare al meglio la propria abitazione o il proprio ufficio e cercare di passare il più possibile ore di silenzio. Per gli spazi interni adottare serramenti di qualità e doppi o tripli vetri è una misura efficace. Nelle abitazioni esistono comunque apparecchi rumorosi dei quali non possiamo fare a meno: frullatori, grattugie. lucidatrici, ecc. Questi apparecchi normalmente si usano per periodi molto brevi e pertanto l'inquinamento acustico all'interno degli edifici è molto scarso.

 

L'inquinamento acustico è un vero problema dal quale è difficile difendersi. E' importante che tutti ne abbiano consapevolezza, perchè avere coscienza che il rumore è dannoso è il primo passo per poi poterci difendere.

 

discoteca rock musica rumore audience govoni pubLa discoteca è sinonimo di divertimento e di libertà,
occorre come sempre non eccedere e sapere che può portare a dei danni.

Perché ritengo importante avere la consapevolezza che l'inquinamento acustico può danneggiarci? Se usciamo da una discoteca o da un autodromo con le orecchie ovattate è abbastanza normale, ma se questo sintomo persiste, se all'ovattamento si associa un fischio (o acufene) che non cessa; se il giorno dopo abbiamo ancora gli stessi sintomi allora è bene rivolgersi ad un otorinolaringoiatra. Una otoscopia e un esame dell'udito possono essere utili per capire se c'è stato un danno vero e come fronteggiarlo.

 giornaleradio FM 2022 carlo govoni milano

Il giorno 5 aprile 2023 il dott. Carlo Govoni è stato intervistato a  GIORNALE RADIO.FM 
per parlare di inquinamento acustico negli spazi urbani

 

Se hai letto questo articolo ti potrebbe interessare:

Rumorosità ambientale

 

Quali danni provoca il rumore? 


Perdita o diminuzione uditiva da trauma acustico cronico


Perdita o diminuzione uditiva da trauma acustico acuto 

 

 

 

Acufeni

sono un importante problema di difficile soluzione. Chi soffre perchè percepisce rumori in uno o entrambe le orecchie pensa che non ci sia alcun rimedio. Non sempre è così. L'acufene è un sintomo di molte malattie. Importante è riuscire a trovare la causa. Gli acufeni possono dipendere da cause otologiche, ma anche extraotologiche.
Una visita otorinolaringoiatrica con esame audiometrico sono il primo passo per affrontare questo problema.
sordita schema via uditiva carlo govoni otorino

 

Vai alla sezione acufeni 

Arte&Medicina


2022 arte medicina carlo govoni copertina

Arte & Medicina
E' un libro che tratta 20 argomenti di carattere sanitario.
Tre capitoli sono stati scritti da Carlo Govoni.
Gli altri 17 capitoli hanno una presentazione storico-artistica di Carlo Govoni.

Il libro può essere acquistato richiedendolo a Diagnosi&Terapia
via del Colle 106 r - 16128 Genova
Tel. 3358040811
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 Il volume è di 496 pagine,
formato cm 16,5 x 24
€ 25,00 (iva compresa) 
+ spese spedizione

 

Eccellenze Italiane

COLUMBUS CLINIC CENTER è una prestigiosa casa di cura privata di Milano. Si trova in via Michelangelo Buonarroti, 48 - zona CITY-LIFE. Qui il dott. Carlo Govoni esegue visite specialistiche e interventi chirurgici. Il Centro è convenzionato con le più importanti assicurazioni private.

milano columbus clinic center aree cliniche

Per prenotare una visita col dott. Carlo Govoni nei giorni o negli orari in cui l'ufficio prenotazioni è chiuso potete chiamare 3358040811   NO SMS

 

 

 

INTERVISTA  a
Carlo Govoni

tempo logo carpi modena govoni otorino

Sul settimanale on-line e su carta
del 07/02/2024 c'è un articolo 
Orecchio, previeni 'tappi' e otiti

Carlo Govoni è stato intervistato da Sara Gelli.

tempo logo carpi modena govoni ottorinolaringoiatra

a MILANO

Visite di otorinolaringoiatria
dott. Carlo Govoni

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

per un appuntamento
by appointment
tel. 3358040811

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

 

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefonare al
3358040811 
NO SMS   NO WhatsApp

centralinista ascolto voce cuffia musica lavoro esame audiologia govoni otoneurolaringologia

To reserve an appointment
call  (+39)3358040811 
NO WhatsApp

call calling cell cellphone 41541 modi

Pour prendre un rendez-vous
avec Docteur Carlo Govoni

(+39)3358040811
NO WhatsApp

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro ad abbassamenti della voce e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 12515 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 34065 visitatori
biopsia-prelievoLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 75711 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 19086 visitatori
chirurgia-ambulatorialeInterventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si eseguono in anestesia locale sulle persone collaboranti e in buone condizioni di salute. Le malattie che si possono curare con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè...
Letto da 30474 visitatori
consulenze-tecnicheLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili, qui esporrò le mie idee in tema di Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' in questa che viene spesso interpellato l'otorinolaringoiatra. Le circostanze più frequenti sono gli incidenti stradali, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono problemi di carattere...
Letto da 26322 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 69922 visitatori
visita-specialistica-domicilio-pazienteQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 28273 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 15220 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com