NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

La perdita dell'olfatto è una situazione rara, però si deve porre molta attenzione a questo senso e in particolare quando osserviamo diminuzioni o alterazioni sensoriali. Oggi questo argomento ha assunto una maggiore importanza perchè è uno dei sintomi iniziali dell'infezione da Covid-19. 

 

LA PERDITA DELL’OLFATTO

Molti di noi sono portati a dare molta importanza a vista e udito, trascurando gli altri sensi. Negli ultimi mesi l’olfatto e il gusto sono oggetto di maggiore interesse; il motivo è da ricercarsi nella pandemia che ha colpito il pianeta. Tra i tanti effetti negativi che riferiscono le persone che hanno avuto contatti con il virus Covid-19 c’è anche l’alterazione della percezione olfattiva e gustativa. Tra gusto e olfatto il senso più importante è certamente l’olfatto. I due sensi sono correlati, si integrano a vicenda, e quasi sempre alla perdita della funzione olfattiva si associano deficit gustativi. E’ difficile spiegare cosa significa per un essere umano perdere la capacità di riconoscere gli odori. Vivere senza sentire i profumi piacevoli ed anche i cattivi odori vuol dire perdere molte delle nostre certezze. Con la perdita dell’olfatto cessa una funzione fondamentale per la fisiologia del piacere.

Perché alcune sostanze sono odorose ed altre no? Una qualsiasi sostanza che è in grado di emettere un odore è una sostanza che ha la capacità di liberare nell’aria molecole odoranti. Questa capacità è propria dei liquidi e dei gas. Più difficile da realizzarsi per i solidi.

Ora occorre capire come facciamo a riconoscere queste molecole. Attraverso l’aria che respiriamo le molecole odoranti penetrano nelle cavità nasali e raggiungono la parte superiore. In una zona molto piccola, si tratta di circa 4-5 centimetri quadri dove sono concentrati oltre dieci milioni di recettori. I recettori olfattivi sono cellule specializzate in grado di analizzare le molecole odorose e far partire un segnale elettrico. Questa funzione si chiama trasduzione ed è fondamentale. Tutti i nostri organi di senso trasformano i segnali ricevuti, in questo caso l’incontro con sostanze volatili odorose, in un segnale elettrico. Attraverso il sistema nervoso possono viaggiare soltanto onde elettriche e le aree corticali del nostro cervello analizzano solo questi stimoli. Ogni recettore olfattivo presenta un prolungamento (assone). Diversi assoni si uniscono per formare molteplici filamenti nervosi (chiamati dai primi anatomici fila olfactoria). Questi filamenti nervosi (fila olfactoria) escono dalle fosse nasali attraverso i piccoli fori che caratterizzano la lamina cribra dell’etmoide.  Raggiungono l’interno della teca cranica e dopo un percorso molto breve raggiungono il nervo olfattivo (primo nervo cranico). Il segnale di sostanza odorosa è un segnale elettrico che percorre il nervo olfattivo, viene elaborato dal cervello per poi raggiungere la corteccia cerebrale dove avviene il riconoscimento ed anche la memorizzazione.

rinofibroscopia govoni specialista olfatto naso

 Figura 1 – Rinofibrooscopio con ottica rigida.

 

Per poter parlare di perdita della funzione olfattiva è necessario che ci sia un blocco in uno o più punti della via olfattiva.

1 – Le molecole odoranti non sono in grado di percorrere le fosse nasali e raggiungere i recettori olfattivi.

2 – I recettori olfattivi nasali pur sollecitati dalla sostanza odorosa non sono in grado far partire uno stimolo elettrico.

3 – Lo stimolo elettrico non riesce a percorrere la via nervosa olfattiva.

4 – Lo stimolo elettrico raggiunge le aree della corteccia cerebrale olfattiva ma i neuroni non riescono ad elaborare il segnale ricevuto.

Con queste quattro possibilità abbiamo schematizzato le principali tappe che deve compiere uno stimolo (molecole odoranti) per essere percepito dal nostro cervello come una sostanza odorosa.

Nello studio degli organi di senso il percorso è fondamentale perché in ognuna delle 4 tappe sopra indicate agiscono determinate cause e pertanto sono proponibili diversi trattamenti.

Il primo passo che un medico deve compiere è capire se l’olfatto del paziente è normale o se ci sono delle carenze. E’ quindi necessaria una visita medica specialistica otorinolaringoiatrica con rinoscopia, rinofibroscopia e prove olfattometriche.

La rinoscopia è la tradizionale esplorazione del naso. Oggi però la si deve completare con la rinofibroscopia a fibre ottiche rigide (figura 1) o flessibili che consente al sanitario di esplorare in modo preciso tutte le anfrattuosità delle fosse nasali.

 

Meno conosciute sono le prove olfattometriche (o olfattometria). Esistono delle prove più o meno semplici dove si chiede al paziente di riconoscere sostanze odorose (figura 2). Queste prove potrebbero anche essere falsate da risposte inventate dal paziente, ma esistono accorgimenti per superare tale problema.

Sniffin test provette olfattometria naso punte govoni

Figura 2 – Provette utilizzate nell’olfattometria,
due di queste, indicate dalla freccia sono aperte.
Come si può vedere i tamponi che liberano le sostanze odorose sono identici,
in questo modo il colore non potrà influenzare il paziente nella sua scelta.

 

E’ noto che una causa importante di perdita dell’olfatto sono i traumi. In particolare gli incidenti dove c’è un forte scuotimento della testa. Si tratta di quei casi dove c’è un trauma cranico anche solo commotivo. Il danno olfattivo complica spesso questi eventi traumatici perché la massa cerebrale subisce un forte spostamento e si spezzano i sottili filuzzi nervosi che passano dalla fossa nasale alla teca cranica attraverso i piccoli fori della lamina cribra dell’etmoide. Se c’è perdita dell’olfatto il danno è più grave e questo ha molta rilevanza sul piano assicurativo. Quindi una olfattometria con prove idonee a verificare se la perdita dell’olfatto è reale o simulata diventa una prova fondamentale.

La capacità di riconoscere gli odori viene valutata con le prove olfattometriche. Ritengo che queste prove, da sole, non siano sufficienti per fare una diagnosi. E’ importante fare una valutazione completa che si compone di 1) storia clinica del soggetto; 2) visita otorinolaringoiatrica con rinofibroscopia; 3) esami strumentali (TC e RMN) e  4) olfattometria.  Dall’unione di queste osservazioni è possibile arrivare ad una diagnosi. 

Le perdite olfattive, se complete, si chiamano anosmie. Se le perdite sono parziali si definiscono iposmie. Il paziente che ha perso l’olfatto chiede sempre se lo potrà recuperare. E’ chiaro che nelle iposmie ci sono maggiori speranze perché il deficit è parziale. Questo significa che la via nervosa per percepire le molecole odorose mantiene la sua integrità, pertanto le possibilità di recupero sono concrete.

Diversa è la situazione per le anosmie. La perdita completa di questo senso significa che c’è un ostacolo importante. Se la patologia è localizzata nelle fosse nasali è facile che la causa possa essere trattata o con farmaci o con interventi chirurgici. Ben diverso è il caso di una malattia che interessa la parte nervosa della via olfattiva.  

Qui, nella pratica, c’è solo la terapia medica e non sempre è efficace.

Come per molti problemi clinici è importante la causa e il momento dell’esordio della sintomatologia. Se la causa è traumatica e l’evento suggerisce una interruzione delle fibre nervose la lesione è spesso irreversibile. Il trauma cranico commotivo che provoca un grave e violento urto della testa, non necessariamente con fratture, è sufficiente per provocare un forte scuotimento della massa encefalica e si può verificare lo strappamento delle fila olfactoria. Questo è un danno frequente, comporta iposmia o anosmia completa, in rapporto all’entità delle fibre nervose lacerate. Trattandosi di una piccola lesione è invisibile alla TC e alla RMN, l’unico esame è l’olfattometria integrata da prove psicometriche come lo “Sniffin test” che sono utili per valutare l’entità del danno e per svelare eventuali perdite olfattive simulate.

La perdita dell’olfatto è un deficit che peggiora di molto la vita di relazione. Si perde un importante senso utile per difenderci dalle insidie della vita e per il piacere. Con questo senso possiamo riconoscere fughe di gas, capire se il cibo è avariato prima di assaggiarlo, o riconoscere un principio d’incendio senza vederlo, ecc.

Poi l’olfatto è fondamentale per il piacere. Si apprezzano gli aromi dei cibi e dei vini solo se la funzione olfattiva è perfetta. Lo stesso si verifica per  le fragranze ambientali e per i profumi corporei; poter apprezzare questi ultimi è indispensabile nei rapporti sociali e pure nei nostri momenti erotici.

La mia raccomandazione è prestare molta attenzione alla nostra funzione olfattiva. Confrontiamoci spesso con altre persone e se sospettiamo di avere dei deficit olfatto-gustativi non pensiamo che “prima o poi tutto ritornerà normale”. Se il deficit persiste è utile rivolgersi ad un medico specialista.

 

 

See also:

- Searching Audiometric Threshold 

 

- Sudden deafness

 

- Columbus Clinic Center, 48, Buonarroti street, Milan

 

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3631 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 27137 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 100873 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 13200 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 23606 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 2923 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 50248 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 57438 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 23205 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com