NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Giuseppe Bozzuto è stato il primo medico a diagnosticare un caso di peste a Napoli nel febbraio del 1656. Egli era un medico che lavorava per la Casa Santa dell'Annunziata. La documentazione sulla storia di questo bravo e sfortunato medico è scarsa. E' noto un libro del medico Salvatore de Renzi che ricostruisce la storia di quell'anno e venne pubblicato nel 1867 dal titolo: "Napoli nell'anno 1656". Un secondo scritto interessante è di Francesco Montanaro: "La peste del 1656 nel casale di Frattamaggiore: i fatti nei documenti originali dell'epoca."

Francesco Montanaro ha scritto. "Il medico Giuseppe Bozzuto, napoletano verace e borghese, nel febbraio [1656] vide i primi bubboni e le prime petecchie (1) e subito fece diagnosi. Uno degli eletti della città [Napoli] avendo ascoltato il medico, riferì la temibile diagnosi al Vicerè che, invece di prendere provvedimenti, fece imprigionare il Bozzuto. Solo verso la fine di maggio si cominciò ad ammettere e ad avvisare la popolazione che si trattava di peste, ma oramai il contagio si era diffuso. Lo stesso povero Bozzuto contrasse la peste in prigione e gli fu concesso solo di morire nella propria casa."

 

bozzuto giuseppe medico peste napoli 1656Giuseppe Bozzuto
il primo medico a riconoscere la peste a Napoli nel 1656

 

La peste era stata portata dai soldati spagnoli presenti in Sardegna e proprio alcuni di loro andarono a Napoli. Uno di questi si presentò in ospedale e il Bozzuto lo ebbe in cura. Giuseppe Bozzuto vedendo i gonfiori e le petecchie (1) comprese subito che si trattava di peste. In quel tempo il regno di Napoli era un dominio del Re di Spagna e veniva governato da Garcia de Avellaneda y Haro, Conte di Castrillo (1588 - 1670). Il Conte di Castrillo divenne Vicerè nel 1653 e terminò il suo incarico nel 1658. Durante questo periodo egli dovette affrontare i problemi della guerra franco-spagnola in Italia e la peste del 1656. 

Perché il Vicerè non ha ammesso l'esistenza della peste ed ha fatto chiudere in carcere il medico Giuseppe Bozzuto?

Esistono almeno due motivazioni ed entrambe si possono ritenere valide.

Un primo motivo è non interrompere la produzione e la fornitura di materiale necessario per le truppe spagnole a Milano. Nell'estate del 1655 ci fu una ripresa delle ostilità da parte delle truppe franco-piemontesi, ma vennero respinte. La tensione comunque a Milano era molto alta. Quindi il Conte di Castrillo si sentiva impegnato a sostenere i soldati spagnoli nell'Italia settentrionale.

Il secondo motivo è stato scoperto più di recente. Da una analisi storica delle relazioni che il Conte di Castrillo faceva al Re di Spagna si trovarono atti che dimostrano una volontà persecutoria nei confronti della popolazione partenopea. Erano ben presenti in quest'uomo i ricordi della rivolta di Masaniello dal 7 al 16 luglio 1647. Una frase contenuta in una di queste relazioni è particolarmente significativa: "Se vogliamo continuare a governare questa città [Napoli] ... dobbiamo cauterizzare tale sentimento con ferro incandescente".
Quindi è logico pensare che il Vicerè di Napoli non fece un errore di valutazione nel giudicare Bozzuto, ma ritenne più importante mantenere gli aiuti ai militari spagnoli presenti nell'Italia settentrionale lasciando che la Peste dilagasse. Si dovette aspettare il mese di maggio per ufficializzare la disastrosa situazione sanitaria che si era creata. Gli interessi economici e militari sono prevalenti rispetto alla salute di migliaia di persone. 

Tra i registri amministrativi della Casa Santa dell'Annunziata sono noti due accrediti in favore di Giuseppe Bozzuto, entrambi di 14,11 ducati. Il primo è del 9 febbraio e il secondo del 10 maggio 1656. Verosimilmente il medico è morto poco prima o dopo il secondo accredito.

Quello che rende questa storia orribile è che era evidente che Giuseppe Bozzuto abbia fatto una diagnosi corretta; è stato condannato e mai venne riabilitato. Nel 1658 il Conte di Castrillo andò via da Napoli e venne nominato Presidente del Consiglio di Castiglia, incarico che tenne fino al 1668. La sua carriera fu splendida e dopo fece parte del Consiglio di Reggenza in quanto il Re di Spagna Carlo II° era minorenne.

Questo è un medico dimenticato da tutti. 

 

_________
1)  Petecchia: è una emorragia cutanea puntiforme.

 

Se hai letto questo articolo ti potrebbe interessare anche:

- La diminuzione dell'olfatto come segno utile nella diagnostica da Covid-19

 

- La sordità 

 

- Come togliere il cerume nelle orecchie da soli. Consigli per cercare di non uscire di casa con epidemia in corso.

 

 

 

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2155 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 25617 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16134 visitatori
consulenze-otorinoLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili. In queste righe farò riferimento soprattutto alla Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' questa che vede più spesso le persone interessate. Le situazioni più frequenti sono gli incidenti stradali e non, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono...
Letto da 18816 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 11830 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 21527 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 66703 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 52365 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12729 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com