NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Il mantenimento della posizione eretta nell'uomo avviene per effetto di un complesso meccanismo di integrazione di risposte sensoriali afferenti da tre principali apparati: propriocettori muscolari, sistema visivo e sistema vestibolare. Il sistema che permette all'uomo di stare in piedi viene definito sistema posturale.

Per postura si intende la posizione completa del corpo e degli arti superiori e inferiori, uno rispetto agli altri e il loro orientamento spaziale.

Leonardo da Vinci uomo vitruviano 1490


La posizione eretta si intende stabile quando le varie parti sono allineate tra loro. I muscoli interessati devono eseguire una serie ripetuta di aggiustamenti per sostenere il corpo e la testa contro la forza di gravità e altre forze esterne che contrastano questa posizione. Il baricentro della massa corporea si mantiene all'interno della base d'appoggio al suolo. La base d'appoggio è costituita dalle piante dei piedi. Nella normale posizione eretta il baricentro si proietta in mezzo ai piedi. I meccanismi neuromuscolari che consentono il mantenimento della posizione si riconducono a due tipi.


A - Meccanismi anticipatori - Meccanismi a feed-forward -  Sono movimenti che si eseguono in previsione di possibili disturbi che potrebbero insorgere nell'esecuzione di un movimento. Si generano delle risposte preprogrammate finalizzate al mantenimento della stabilità. Queste risposte sono acquisite dall'essere umano con l'esercizio, migliorano con l'esperienza ed anche con l'allenamento. Questi meccanismi si attuano prima dell'inizio dei movimenti volontari. La sede di questi riflessi è la corteccia frontale.


B - Meccanismi compensatori - Meccanismi a feed-back - Sono meccanismi di reazione immediata dopo la perdita dell'equilibrio. In seguito ad una oscillazione il corpo tenderebbe a cadere, per evitare questo scattano aggiustamenti posturali automatici velocissimi (si parla di tempi di reazione anche di 100 mt/sec.). La via dei meccanismi a feed-back è quella spino-cerebellare.

L'uomo pertanto mantiene la posizione eretta statica ed anche quando cammina grazie all'intervento di meccanismi anticipatori e compensatori.

Come fa il cervello dell'uomo a capire che il corpo sta per cadere?

Le informazioni al cervello arrivano attraverso tre apparati.


1 - Propriocettori muscolari. Si tratta di strutture anatomiche poste all'interno dei muscoli e rilevano variazioni di tensione e di lunghezza. E' verosimilmente il sistema più rapido che porta al cervello l'informazione che parti del nostro corpo stanno andando verso una situazione di disequilibrio.

2 - I recettori vestibolari. Questi recettori sono situati nella parte posteriore dell'orecchio intenrno: il labirinto. I recettori sono situati nelle creste ampollari dei tre canali semicircolari e nelle macule del sacculo e dell'utricolo. Le informazioni si trasmettono al cervello attraverso il nervo vestibolare che è una parte del nervo vestibolo-cocleare (ottavo nervo cranico). I recettori vestibolari servono per fornire informazioni sull'orientamento della testa nello spazio e rispetto al corpo.


3 - Le afferenze visive. Col senso della vista abbiamo una esatta percezione dell'ambiente che ci circonda. I recettori sono i coni e i bastoncelli della retina, le afferenze percorrono il nervo ottico (secondo nervo cranico) Questo sistema funziona solo se abbiamo una buona visione e se c'è una luminosità ambientale sufficiente. 

L'uomo in posizione eretta su due piedi, sia che abbia gli occhi aperti o sia ad occhi chiusi, è sempre in una posizione dinamica, cioè subisce una oscillazione ed immediatamente il cervello comanda una correzione. Definiamo poligono d'appoggio il poligono che si disegna unendo tutti i punti estremi che uniscono le piante dei nostri piedi.

 statokinesigramma poligono appoggio labirintite govoni vestibologo  

Le linee blu delimitano il poligono di appoggio di un uomo. La proiezione al suolo delle forze gravitazionali affinchè il corpo stia in posizione eretta deve sempre cadere all'interno del poligono di appoggio e normalmente cade nel mezzo delle piante dei piedi. 

Lo statokinesigramma evidenzia proprio i movimenti del centro di pressione del corpo umano, detto gomitolo [in rosso nell'immagine successiva] durante il mantenimento della posizione eretta con i piedi leggermente divaricati. 

statokinesigramma stabilometria normale labirintite govoni vestibologo

Esistono tre meccanismi di controllo che portano al mantenimento della posizione eretta. Si parla di controllo automatico della postura.


Controllo spinale - è il controllo dei propriocettori muscolari attraverso il riflesso da stiramento e il riflesso tonico del collo.


Controllo vestibolare - è il controllo dei riflessi vestibolari, riflessi a partenza dai recettori labirintici (vedi sopra)


Controllo visivo - attraverso gli occhi si realizzano riflessi visivo-posturali. 

Dall'interazione di questi tre sistemi si realizza il complesso meccanismo che permette all'uomo di stare in piedi e di camminare.

Il controllo automatico della postura avviene perchè dai recettori cutanei posti vicino alle articolazioni partono una serie di risposte riflesse (riflessi posturali) che correggono continuamente la nostra posizione. Si distinguono riflessi posturali statici e stato-cinetici.
Quando il controllo della postura è deficitario alla stabilometria si possono osservare situazioni come quella qui sotto rappresentata. 

statokinesigramma stabilometria patologico labirintite govoni vestibologo

Ti potrebbe anche interessare:

- la vertigine di posizione

 

- la malattia di Menière

 

 

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2566 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26136 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 97896 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 22808 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 73101 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 54939 visitatori
consulenze-otorinoLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili. In queste righe farò riferimento soprattutto alla Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' questa che vede più spesso le persone interessate. Le situazioni più frequenti sono gli incidenti stradali e non, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono...
Letto da 19218 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 22039 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12858 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com