NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Si descrive un caso clinico di un esteso basalioma cutaneo del dorso del naso che è stato asportato e il dorso nasale è stato ricostruito mediante un lembo miocutaneo prelevato dalla fronte.

INTRODUZIONE

I tumori della priamide nasale sono in prevalenza tumori cutanei. La neoplasia più frequente è il basalioma, una neoformazione a malignità locale, che nella maggioranza dei casi non dà metastasi, ma può estendersi ed infiltrarsi fino alle strutture osteo-cartilaginee. In qualche caso può determinare importanti perdite di sostanza.
Sul piano istologico si distinguono diverse varietà: il basalioma nodulare, il basalioma piano cicatriziale, l'epitelioma basocellulare pagetoide, l'epitelioma basocellulare pigmentato, l'ulcus rodens, l'epitelioma basocellulare sclerodermiforme e l'epitelioma basocellulare cistico. I primi due tipi istologici sono più frequenti, nettamente più rari gli altri.
Esistono anche altre neoformazioni che possono colpire la piramide nasale, fra queste ricordiamo l'epitelioma annessiale, l'epitelioma intermediario, il cheratoacantoma, il tricopeitelioma e l'epitelioma spinocellulare.
Per tutte queste forme il trattamento d'elezione è l'exeresi chirurgica.

(Omissis)

DESCRIZIONE DI UN CASO

Il Sig. C.F. di anni 92, giunse alla nostra osservazione nell'ottobre 1994. Ci riferì che alcuni anni prima, in altra sede, era stato sottoposto a due interventi a breve distanza l'uno dall'altro per una neoformazione della piramide nasale. Il paziente presentava sul dorso del naso, nella stessa sede dei precedenti interventi, una neoformazione vegetante, ipertrofica, del diametro di due cm. La lesione era caratterizzata da piccole ulcerazioni centrali, due aree necrotiche, una superiore ed una inferiore, ed era ben aderente ai tessuti profondi. (Omissis)

lesione cutanea dorso naso anziana dermochirurgia govoni otorino milano

TECNICA CHIRURGICA

Il lembo miocutaneo ad isola della linea frontale mediana è un lembo particolarmente interessante per colmare difetti di dimensioni medio-grandi (4-5 cm di diametro) del dorso del naso. E' un lembo peduncolato che comprende anche il tessuto muscolare sottostante. Il peduncolo è costituito da un'arteriola, una venula e da tessuto muscolare. Questo conferisce al lembo un ottimo trofismo ed una buona motilità. Inoltre, trattandosi si un lembo prelevato a distanza, è praticamente impossibile che vi sia un'infiltrazione misconosciuta della neoformazione.

Cenni anatomici.
Il muscolo frontale, nella porzione mediana, è irrorato dalle arterie sopratrocleari e dai loro rami. L'irrorazione arteriosa della zona mediana è formata da piccole arteriole, provenienti da entrambi i lati, che si distribuiscono al muscolo e in parte di anastomizzano tra loro. Per effetto di queste anastomosi la sezione dei rami arteriosi di un lato, non danneggia in modo evidente il trofismo del margine opposto al peduncolo.
Il muscolo frontale è sottile e si scolla piuttosto agevolmente dal piano periosteo dell'osso frontale.
Lo spessore del lembo (cute, sottocute e porzione muscolare) è di circa 3-4 mm.

Anestesia.
Trattandosi di tumori superficiali che spesso colpiscono persone anziane, l'anestesia d'elezione è quella locale per infiltrazione. Nel caso descritto sono stati utilizzati circa 10 cc di carbocaina senza adrenalina sul naso e altrettanti sulla fronte.

Intervento chirurgico.
L'intervento inizia con una fase demolitiva dove si esegue l'exeresi della neoformazione con un buon margine in tessuto sano (fig. 1). L'esame istologico ci confermerà che i margini sono indenni.
Il primo tempo della fase ricostruttiva è la misurazione dell'area cruentata e il disegno di un'analoga superficie sulla fronte del paziente. Il disegno del lembo viene poi esteso in altro e in basso con due triangoli di Burrow. Il lembo viene scolpito con bisturi, avendo l'accortezza di non approfondire il taglio oltre il sottocute (fig. 2). L'incisione viene regolarizzata in profondità con forbici.
Dopo si esegue uno scollamento sottocutaneo della regione della glabella; tale scollamento va esteso maggiormente dal lato dove si vuole ricavare il peduncolo.
S'incide con bisturi il piano muscolare dal lato opposto al peduncolo, fino al periostio, e si completa l'incisione con forbici. Mediante uno scollatore si stacca il lembo miocutaneo.
Si deve individuare bene l'arteria sopratrocleare per non danneggiarla e, sempre con le forbici, si deve cercare di ricavare un peduncolo il più lungo possibile. Il peduncolo deve arrivare fino all'arcata sopracigliare.
Alla fine di questo tempo chirurgico si ottiene un lembo di forma lanceolata, completamente mobile, dotato di un peduncolo artero-venoso di almeno 2 cm di lunghezza.
Per poter meglio utilizzare il lembo si tolgono i due triangoli di Burrow.
Dopo divaricazioni successive, si realizza un tunnel sottocutaneo fino ad arrivare al dorso del naso. Il tunnel dovrà essere particolarmente ampio, ma occorre procedere con cautela quando si arriva in prossimità del canto interno degli occhi.
Si fa passare il lembo attraverso il tunnel fino al dorso del naso (fig. 3).
Il lembo viene regolarizzato e viene fissato nella sua sede definitiva con punti in filo riassorbibile. E' importante assotigliare le parti periferiche del lembo, in quanto la cute e il sottocute del dorso del naso sono particolarmente sottili. Questa operazione facilita l'attecchimento e migliora il risultato estetico.
Il lembo viene fissato alla cute del naso con punti staccati in seta.
Il sito donatore frontale viene suturato in duplice strato (figg. 4 e 5).

CONCLUSIONI

Il caso descritto è molto significativo per illustrare le possibilità offerte dal lembo miocutaneo ad isola della linea mediana frontale nel trattamento dei tumori maligni.
Vogliamo qui indicare alcune caratteristiche di questa tecnica.
1 - E' possibile asportare ampie zone di tessuto nasale, avendo la sicurezza di incidere in tessuto sano.
2 - Si chiude immediatamente la breccia chirurgica con un lembo vascolarizzato, quindi con ottime possibilità di attecchimento.
3 - L'intervento si esegue in anestesia locale, pertanto può essere eseguito su qualsiasi paziente, senza limiti di età.
4 - La ricostruzione in un sol tempo ha permesso, dopo circa trenta giorni dall'intervento, un risultato estetico accettabile (fig. 6).

 

 

Per prenotazioni on-line   https://www.miodottore.it/elenco-dei-dottori/carlo-govoni 

carlo govoni best otorhinolaryngologist consultant ear nose troath surgeon milan

Ti potrebbe interessare:

Tipi di protesi acustiche

La chirurgia dei turbinati nasali con radiofrequenze

Acufeni oggettivi, ovvero ronzii o rumori che possono essere ascoltati anche da chi sta accanto al paziente

La sindrome da instabilità posturale negli anziani

 

 

  If you don't understand italian language,  
  select a translation in the top right.  

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di dicembre 2020
è stato pubblicato un articolo

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Visite di otorinolaringoiatria
a Milano

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
by appointment
tel. 0258103023
3358040811  

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3944 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 27476 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 12862 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 75070 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 26902 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16706 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 23839 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 51346 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 71172 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com