NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Si parla molto di protesi acustiche, alcuni dicono che non servono a nulla, altri non possono farne a meno: vediamo in cinque punti che cosa sono realmente e quali risultati si possono ottenere con una protesi acustica.

1 - Generalità sulle protesi acustiche.
2 - Protesi retroauricolari - BTE.
3 - Protesi endoauricolari - ITE.
4 - Protesi da inserire completamente nel canale uditivo - CIC 
5 - Protesi incorporate negli occhiali. 

1 - Generalità sulle protesi acustiche.
La protesi acustica è un presidio medico oggetto di molte discussioni. 
Vediamo subito: che cos'è una protesi acustica? Si tratta di un dispositivo formato da un microfono, un amplificatore e un ricevitore o altoparlante.
Oggi esistono in commercio due tipi di apparecchi: analogici e digitali. 
Il microfono di un apparecchio analogico trasforma i suoni in un segnale elettrico, li invia all'amplificatore che aumenta l'intensità e poi la corrente elettrica amplificata viene trasformata nuovamente in suono dall'altoparlante.
Da diversi anni si sono diffusi gli apparecchi digitali dove il suono viene trasformato dal microfono in un codice binario ( 0 - 1 ). Il suono così trasformato viene elaborato da un microprocessore che l'amplifica in intensità e poi viene ritrasformato in segnale acustico per mezzo di uno specifico altoparlante.
Le differenze tra tecnologia analogica e digitale sono parecchie. Con i modelli digitali si riesce ad elaborare il suono con minime interferenze. Questo vantaggio qualitativo è importante per una migliore fedeltà sonora e per una maggiore tollerabilità degli apparecchi acustici da parte di chi li deve utilizzare. Ovviamente per fare queste azioni tutti gli apparecchi necessitano di energia, questa è fornita da apposite batterie.

2 - Protesi retroauricolari - BTE, ovvero behind-the-ear. Sono gli apparecchi più diffusi. Si caratterizzano per un corpo che sta dietro al padiglione auricolare, per una sua porzione ricurva ("curvetta") che si continua con un sottile tubicino trasparente, di materiale plastico, che si continua con la chiocciola. Quest'ultima s'inserisce nel condotto uditivo. Il microfono si trova nella parte superiore dell'apparecchio. Sono dispositivi leggeri e ben miniaturizzati, ma non così eccessivamente come i due modelli che descriveremo dopo (ITE e CIC). La non eccessiva miniaturizzazione comporta dei vantaggi sul piano tecnico, in quanto è possibile distanziare bene i componenti e quindi evitare interferenze. L'interferenza peggiore che può presentare un apparecchio acustico è l'effetto Larsen, cioè il ripresentarsi del suono amplificato al microfono e questo comporta una ulteriore amplificazione che sfocia in un fischio estremamente fastidioso. Nella fotografia si vede una protesi retroauricolare di vecchio tipo, le moderne protesi mantengono la stessa morfologia, ma sono più piccole. I tubicini sono più sottili e le chiocchiole sono anch'esse ridotte di dimensioni e più leggere.

protesi acustica retroauricolare migliorare udito

Nella fotografia un esempio di moderna protesi acustica di tipo retroauricolare.
Si vede a sinistra il corpo dell'apparecchio, poi il tubicino di raccordo molto sottile, praticamente invisibile,
che termina con la chiocciola, molto piccola e leggera.

3 - Protesi endoauricolari - ITE ovvero in-the-ear. Sono apparecchi molto piccoli che alloggiano nel condotto uditivo esterno e sporgono leggermente nella concha auris. Hanno il vantaggio di sfruttare l'effetto conca del padiglione auricolare e quindi portano ad un ascolto più fisiologico. Sono anche poco visibili e pertanto ben accettati da molti utenti.

4 - Protesi da inserire completamente nel canale uditivo - CIC ovvero completely-in-the-canal. Sono le protesi più piccole presenti sul mercato, vengono anche indicate come protesi invisibili, in quanto sono contenute nel condotto uditivo. Sono indicate solo per sordità lievi.

5 - Protesi ad occhiale. Queste protesi possono essere di due tipi: per via aerea e per via ossea.
Una protesi ad occhiale per via aerea non è altro che una protesi retroauricolare dove tutti i componenti sono contenuti nella stanghetta dell'occhiale. Dalla stanghetta si stacca il tubicino per la chiocciola, quest'ultima si deve collocare nel condotto uditivo esterno esattamente come si deve fare per la protesi retroauricolare. I vantaggi sono praticamente gli stessi di quelli di una protesi retroauricolare.
Protesi ad occhiale per via ossea. E' questa una protesi molto diversa dalle altre che sono state descritte. L'altoparlante è sostituito da un vibratore per via ossea. Queste protesi sfruttano la forma dell'occhiale che diventa una specie di molla per comprimere i vibratori contro le mastoidi. Le protesi per via ossea sono indicate per tutti coloro che soffrono per otiti croniche, soprattutto secretive e hanno ipoacusie trasmissive.

o o o o O o o o o

In un altro paragrafo è stato descritto quando una protesi acustica può migliorare l'udito.

Esistono anche altri tipi di ausili per migliorare l'udito, molto diversi da quelli qui descritti, come le protesi impiantabili. Le protesi impiantabili aprono nuovi orizzonti alla lotta contro la sordità. Uno dei mezzi più efficaci sono gli impianti cocleari.

Ti potrebbe interessare anche:

Come è fatto un apparecchio acustico

La protesi acustica fissa sull'osso: BAHA

La sordità infantile edizioni scientifiche Oppici - un libro di Carlo Govoni

Corso avanzato sugli impianti cocleari presso il G.B. Mangioni Hospital di Lecco (LC)

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 4251 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 27802 visitatori
esame-olfattoL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 35985 visitatori
consulenze-tecnicheLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili, qui esporrò le mie idee in tema di Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' in questa che viene spesso interpellato l'otorinolaringoiatra. Le circostanze più frequenti sono gli incidenti stradali, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono problemi di carattere...
Letto da 20745 visitatori
visita-otorinolaringoiatrica-pediatricaLa maggior parte dei bambini possono soffrire di parecchie malattie, quelle più frequenti sono le patologie dell'orecchio, del naso e della gola. La visita medica serve per affrontare i problemi clinici. La visita otorinolaringoiatrica eseguita per un bambino è molto simile a quella dell'adulto. Per certi aspetti è più semplice perchè si tratta di una visita ridotta alle manovre essenziali. L'importante è...
Letto da 14507 visitatori
visita-specialistica-domicilio-pazienteQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 20138 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 56437 visitatori
esame-vestibolare-visita-vestibologicaLa visita vestibologica è quella visita che comprende l'esame vestibolare o esame otovestibolare ed è finalizzata a curare i soggetti affetti da vertigine. La vertigine è l'alterazione del senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma è anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto...
Letto da 71838 visitatori
chirurgia-ambulatorialeInterventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in anestesia locale in pazienti collaboranti. Le malattie che si possono curare con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di un...
Letto da 24118 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com