NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

L'assistenza sanitaria integrativa è una tutela che permette di accedere ai servizi medici integrando o sostituendo le prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

L'assistenza sanitaria integrativa può essere una scelta fatta dal singolo cittadino stipulando un contratto con una compagnia di assicurazione o anche con altri enti come gli istituti di credito. In molti casi l'assistenza integrativa è tra i diritti del lavoratore ed è prevista da numerosi Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL), o da Contratti Integrativi Aziendali oppure è consigliata da alcuni Albi Professionali. Ci sono lavoratori che verosimilmente possono usufruire di una assistenza sanitaria integrativa in forza del loro contratto di lavoro e non ne sono a conoscenza. E' importante che ogni lavoratore sia informato su questo punto. I vantaggi sono notevoli, in particolare si acquisisce il diritto a rimborsi totali o parziali sulle prestazioni sanitarie usufruite in libera professione. Tutti sanno che le prestazioni fornite dal SSN richiedono un iter burocratico complesso. Sono necessari 1) impegnativa del medico di famiglia; 2) prenotazione; 3) la possibilità di effettuare la visita specialistica o altra prestazione avverrà in un preciso giorno ed orario indicato dal servizio prenotazioni. Le liste d'attesa sono notoriamente lunghe e non poche prestazioni prevedono due o tre mesi di attesa.
Questi tre punti spesso presentano per il paziente/utente una serie di problemi rilevanti. Per ottenere l'impegnativa (punto 1) occorre presentarsi dal proprio medico negli orari di apertura dell'ambulatorio (solitamente da lunedì a venerdì). La prenotazione (punto 2) è forse il passo più semplice perchè può essere fatta anche per telefono. Molto difficile è ottenere la prestazione sanitaria (punto 3), quasi sempre, anche se il medico ha scritto urgente, ci sono lunghi tempi d'attesa. L'altro problema è che la prestazione potrebbe essere erogata in un orario molto scomodo, per esempio alle dieci del mattino e questo comporta perdita di mezza giornata di lavoro. Un ulteriore problema è costituito dalle malattie che non si risolvono con una sola visita, ma che richiedono controlli ripetuti oppure un intervento chirurgico. Il Servizio Sanitario garantisce solo la prestazione, ma non vi garantisce che sarete sempre visitati dal medesimo specialista. Se vi verrà consigliato un intervento, molto spesso, chi vi visita non opera, pertanto verrete inseriti in una lista d'attesa e sarete operati dal medico che sarà in turno quella mattina. Medico che conoscerete solo poche ore prima dell'intervento.

HOME 1

I vantaggi offerti da una Assistenza Sanitaria Integrativa sono notevoli. Innanzitutto ci si rivolge solo a professionisti che svolgono libera professione. Alcuni di questi, come chi scrive ( Carlo Govoni), lo fanno in modo esclusivo. Pertanto i tempi di attesa sono molto ridotti, quasi sempre si riesce ad ottenere la prestazione nell'arco di pochi giorni. Molti sono disponibili per ricevere le chiamate tutti i giorni e non solo in determinati orari come i CUP del SSN. Altro vantaggio è costituito da una ampia flessibilità di orari, spesso si riesce ad ottenere la visita prima di andare al lavoro, o in pausa pranzo oppure nel tardo pomeriggio. Anche questa è una circostanza positiva, perchè non si interrompe l'attività lavorativa. Un ulteriore privilegio è che nel caso di trattamenti prolungati o di interventi chirurgici sarete sempre visitati oppure operati dallo stesso medico.

Ho una tutela sanitaria che non so di avere? Oggi viviamo in un mondo talmente confuso che ci sono persone che hanno diritto ad una Assistenza Sanitaria Integrativa ma non sanno di averla. Questo perchè sono titolari di una Assistenza che non hanno mai usufruito, oppure il marito o il padre hanno una tutela sanitaria integrativa, estendibile ai parenti stretti, e non ne siete a conoscenza. E' molto importante informarsi bene sul proprio contratto di lavoro oppure sull'ordine professionale di appartenenza. Qualora ci sia un'Assistenza in tal senso si dovrà vedere con quale Ente è stato stipulato il contratto. Il passo successivo sarà quello di verificare la propria copertura consultando il piano dettagliato di offerta sanitaria, quasi sempre reperibile sul sito web dell'Ente erogatore di riferimento. In un altro articolo troverete ulteriori informazioni sul tipo di lavoro e Assistenza Sanitaria Integrativa.

Fatta questa verifica occore poi sapere se la visita con un determinato specialista può essere fatta in convenzione o in forma indiretta. Quasi tutti gli Enti di Assistenza Integrativa accettano la forma indiretta. In questo caso pagherete voi lo specialista e poi cosegnerete all'Ente la ricevuta sanitaria. A seconda delle condizioni potrete avere diritto ad un rimborso parziale o totale. Solitamente la condizione richiesta è che il medico sia specialista in riferimento alla prestazione eseguita. Per esempio una fibrolaringoscopia verrà rimborsata se eseguita da un otorinolaringoiatra, ovviamente una visita otorinolaringoiatrica sarà accettata solo se eseguita da uno specialista in otorinolaringoiatria.

Per quanto attiene alla forma diretta o "in convenzione" con l'Ente di Assistenza occorre informarsi bene al momento della prenotazione, perchè ogni Ente detta le sue regole e non tutti gli ambulatori dove un medico visita sono convenzionati. Molto spesso occorre una richiesta di autorizzazione che dovrà essere fatta di solito 24 ore prima della prestazione.

  A - E' importante informarsi sull'eventuale Ente di Assistenza Sanitaria Integrativa.


  B - Accertato l'Ente occorre conoscere le regole per poter usufruire delle prestazioni.


  C - Verificare al momento della prenotazione quale forma (diretta o indiretta) si potrà utilizzare.

 

Se non ho una tutela sanitaria integrativa, posso averla? Se sono un lavoratore che non rientra tra le categorie sopra indicate oppure se sono disoccupato o se sono un pensionato posso avere egualmente una Assistenza Integrativa? La risposta è sì. In questo caso consiglio di rivolgersi ad una Compagnia di Assicurazione oppure ad un Istituto di Credito, questi vi daranno tutte le informazioni necessarie. L'Assistenza Integrativa sarà uguale ad una polizza di assicurazione che dovrete pagare. Ovviamente si dovrà pagare una quota ogni anno sia in previsione di piccole spese per visite, ma anche per un eventuale evento chirurgico importante.

Uno dei vantaggi più importanti che offre l'Assistenza Sanitaria Integrativa Privata è la libera scelta del professionista. Questo sarà possibile sia per le visite che per l'intervento chirurgico. L'assistenza sanitaria che offre il Servizio Sanitario Nazionale non prevede una personalizzazione del rapporto. Voi prenotate una visita e sarete visitati dal medico che sarà in turno quel giorno. Lo stesso vale per l'intervento, ci sono diritettori di clinica che non vi garantiscono che saranno loro ad operarvi anche se sarete ricoverati nel loro reparto.

Il rapporto medico/paziente è un rapporto fiduciario: ritengo che il più importante vantaggio offerto dall'Assistenza Sanitaria Integrativa sia proprio quello di poter personalizzare il rapporto medico-paziente. Con l'assistenza integrativa potete scegliere il professionista che vi visita, che vi seguirà o che vi opererà.

 

Ti potrebbe anche interessare:

- Che lavoro fai? Cerca in questo articolo il Fondo Integrativo del quale potresti usufruire

- FASI - Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa per Dirigenti

- FASCHIM - Fondo di Assistenza per i lavoratori del settore chimico

- FONDO EST - assistenza sanitaria integrativa commercio - turismo - servizi e settori affini

- UNISALUTE - Assicurazione Salute  

- FASDAC - Fondo di Assistenza per Dirigenti Aziendali

- CAMPA - Ente Mutua Sanitaria Privata 

 

 

 

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3631 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 27137 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 12733 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 100873 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 74632 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 13200 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 70545 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 23606 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 13055 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com