NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia Testa e Collo
Master in vestibologia

Tel. 3358040811  -  NO SMS  -  NO WhatsApp     

NEL SITO NON C'E' PUBBLICITA'

La sonnolenza durante la guida è responsabile del 20% degli incidenti stradali, percentuale ancor più elevata se facciamo riferimento ai soli incidenti notturni. Secondo dati raccolti dalla Polizia Stradale sembra che l'1% degli incidenti mortali sia dovuto al colpo di sonno. Si ritiene che questo dato sia sottostimato per le difficoltà di interpretare correttamente la dinamica di un sinistro anche da parte di agenti di polizia che hanno il compito di eseguire queste ricostruzioni.
Il punto fondamentale è costituito dai tempi di reazione e nei pazienti che hanno riposato poco, i tempi di reazione si allungano. Non si dovrebbe mai guidare dopo un pasto abbondante e anche dopo 17-18 ore di veglia. Altri studi hanno dimostrato che coloro che soffrono di apnee nel sonno hanno ritardi nei tempi di reazione rispetto ad un campione di soggetti che non ha questo problema. E' noto che la sindrome delle apnee nel sonno è spesso determinata da turbe respiratorie delle prime vie aree (naso, orofaringe e laringe).

Quali sono le persone più esposte alla sonnolenza durante la guida?
1 - E' evidente che coloro che dormono poco sono molto esposti a questo rischio. Le ore necessarie di sonno e la qualità del sonno sono variabili da persona a persona e anche in rapporto all'età. Si ritiene che almeno 6 ore sia necessarie in un sessantenne e almeno 7 ore in un giovane.
2 - La guida sulle strade statali o provinciali richiede più attenzione, quindi minor rischio di sonnolenza. Chi guida per lunghi tragitti in autostrada è più esposto al "colpo di sonno".
3 - I maschi, forse anche perchè sono la maggioranza degli automobilisti notturni, sono più a rischio delle donne. E' significativo che la fascia a maggior rischio è quella dei giovani non neopatentati (da 25 a 35 anni).
4 - Sono a rischio le persone affette da sindrome delle apnee nel sonno e che non hanno subito trattamenti specifici.
5 - Sono pure a rischio i lavoratori che fanno turni di notte, durante il viaggio di ritorno.
6 - Chi beve alcoolici e chi fa uso di tranquillanti sono sicuramente più a rischio sonnolenza.
7 - Sono a rischio anche coloro che fanno pranzi o cene troppo abbondanti soprattutto dopo 2-4 ore dal pasto copioso. 

Quali sono i segni che precedono la sonnolenza alla guida?
La stanchezza è il sintomo più frequente. Se ci si sente stanchi non si dovrebbe iniziare un viaggio.
Lo sbadiglio è un iniziale segno di sonnolenza.
Altro segno importante è la caduta delle palpebre. E' questo un segno molto importante e già tardivo. Se dovesse comparire è bene fermarsi.
Altri segni importanti, tipici della guida in autostrada quando si è stanchi, è accorgersi che ci sono difficoltà a tenere il veicolo su una linea retta (per esempio si esce inavvertitamente dalla propria corsia) oppure ci si accorge che si fa fatica a tenere una velocità costante e si avverte il bisogno di sfregarsi continuamente gli occhi.

Cosa si può fare per evitare la sonnolenza? 

Aprire leggermente il finestrino o far entrare in altro modo aria fresca. Tenere l'abitacolo del veicolo fresco e guidare con vestito leggero aiuta a restare svegli. Il troppo caldo induce sonnolenza.

Assumere il caffè, preferibilmente senza zucchero. E' questa una bevanda utile, anche se per chi ne beve pochi può determinare insonnia dopo che si è arrivati a destinazione. L'assunzione di caffè deve essere fatta senza esagerare.

Cercare di tenere in movimento mandibola, guance e lingua. Per esempio parlare o canticchiare. Utilizzare gomma da masticare durante la guida. 

Se siete abituati a viaggiare con lo schienale molto inclinato potete alzarlo leggermente durante i lunghi viaggi notturni.

Alcuni suggeriscono di tenere la luce dell'abitacolo accesa con lo scopo di far ridurre la produzione endogena di melatonina (è questa una sostanza endogena che induce il sonno). Questo consiglio non lo condivido. La luce accesa dentro all'abitacolo spesso rende mal utilizzabile lo specchietto retrovisore interno. Soprattutto nella guida in autostrada è importante vedere chi sono i veicoli che ci stanno raggiungendo e, in caso di sorpasso, è bene potersi accertare di avere proprio dietro il veicolo che si è superato. Sono dell'idea che l'abitacolo debba essere buio per poter veder bene le minime luminosità stradali (per esempio i catarinfrangenti di una bicicletta). Ritengo utile utilizzare lo specchio retrovisore in modalità notturna per evitare che i fari dei veicoli che stanno dietro, soprattutto se qualcuno usa gli abbaglianti, irritino gli occhi.

Qaundo si è stanchi ritengo utile, per ridurre la melatonina endogena, fermarsi e fare un riposo di 15-20 minuti. 

Il viaggio notturno o il viaggio lungo va preparato già prima di partire: mangiare pochissimo (o digiunare), non bere alcoolici, evitare i dolci e non arrivare fisicamente stanchi al momento di salire in auto.

 modena maranello ferrari auto rosso velocita hesperia otorino govoni

 

 Ti potrebbe anche interessare:

- Alimentazione e salute

 

- Alimentazione e prevenzione malattie neurologiche

 

- Preparazione agli esami ematici e ad altre indagini di laboratorio

 

- Le vertigini o instabilità posturale sono un problema, soprattutto per chi guida

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

milano columbus clinic center aree clinicheCOLUMBUS CLINIC  CENTER 

MILANO

via Michelangelo Buonarroti, 48
Zona City-Life  -  Tre Torri
parcheggio interno

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
tel. 3358040811  NO SMS

 milano columbus clinic center palazzina liberty e parte nuova

Acufeni

sono un importante problema di difficile soluzione. Chi soffre perchè percepisce rumori in uno o entrambe le orecchie pensa che non ci sia alcun rimedio. Non sempre è così. L'acufene è un sintomo di molte malattie. Importante è riuscire a trovare la causa. Gli acufeni possono dipendere da cause otologiche, ma anche extraotologiche.
Una visita otorinolaringoiatrica con esame audiometrico sono il primo passo per affrontare questo problema.
sordita schema via uditiva carlo govoni otorino

 

Vai alla sezione acufeni 

Arte&Medicina


2022 arte medicina carlo govoni copertina

Arte & Medicina
E' un libro che tratta 20 argomenti di carattere sanitario.
Tre capitoli sono stati scritti da Carlo Govoni.
Gli altri 17 capitoli hanno una presentazione storico-artistica di Carlo Govoni.

Il libro può essere acquistato richiedendolo a Diagnosi&Terapia
via del Colle 106 r - 16128 Genova
Tel. 3358040811
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 Il volume è di 496 pagine,
formato cm 16,5 x 24
€ 25,00 (iva compresa) 
+ spese spedizione

 

Eccellenze Italiane

COLUMBUS CLINIC CENTER è una prestigiosa casa di cura privata di Milano. Si trova in via Michelangelo Buonarroti, 48 - zona CITY-LIFE. Qui il dott. Carlo Govoni esegue visite specialistiche e interventi chirurgici. Il Centro è convenzionato con le più importanti assicurazioni private.

milano columbus clinic center aree cliniche

Per prenotare una visita col dott. Carlo Govoni nei giorni o negli orari in cui l'ufficio prenotazioni è chiuso potete chiamare 3358040811   NO SMS

 

 

 

INTERVISTA  a
Carlo Govoni

tempo logo carpi modena govoni otorino

Sul settimanale on-line e su carta
del 07/02/2024 c'è un articolo 
Orecchio, previeni 'tappi' e otiti

Carlo Govoni è stato intervistato da Sara Gelli.

tempo logo carpi modena govoni ottorinolaringoiatra

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefonare al
3358040811 
NO SMS   NO WhatsApp

centralinista ascolto voce cuffia musica lavoro esame audiologia govoni otoneurolaringologia

To reserve an appointment
call  (+39)3358040811 
NO WhatsApp

call calling cell cellphone 41541 modi

Pour prendre un rendez-vous
avec Docteur Carlo Govoni

(+39)3358040811
NO WhatsApp

  CORSI di RIABILITAZIONE
VESTIBOLARE
una possibilità di guarire
dalle vertigini senza
usare farmaci

equilibriste vertigine equilibrio carlo govoni esame vestibolare

a Reggio Emilia in via
Beniamino Gigli, 7 presso

Bianalisi
Medical  Center

0522282828
3892497660 

percorsi quadrato triangolo cerchio medical center riabilitazione vestibolare govoni otorinolaringoiatra

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro ad abbassamenti della voce e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 12507 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 34060 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti e permette di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Il medico che si occupa di questi problemi si definisce vestibologo o otoneurologo. Nel senso più completo del termine l'otoneurologia comprende le funzioni vestibolare e uditiva. Quest'ultima non sarà affrontata in questo articolo, ma si rimanderà ad altri articoli...
Letto da 20912 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono molto diversi tra loro.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se alcuni interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale),...
Letto da 32987 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 31263 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Con la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore oppure rinofibroscopia se eseguita con fibre ottiche) e la laringe (laringoscopia indiretta oppure...
Letto da 87094 visitatori
esame-olfattoL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di vario tipo che vengono presentate singolarmente al paziente. Questo esame prevede una standardizzazione degli odori e la registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione realistica della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi,...
Letto da 48284 visitatori
crenoterapiaLe cure inalatorie sono trattamenti benefici dove l'acqua termale per effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace medicamento naturale specifico per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e anche per alcune forme di otite.  Le più importanti terapie termali nel distretto orecchio naso e gola...
Letto da 17620 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 15217 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com