NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

La vascolarizzazione dell'orecchio interno prende origine dal sistema arterioso vertebro-basilare.

Le arterie vertebrali (n. 11 nel disegno) una per ciascun lato, sono un ramo della succlavia, queste penetrano nella fossa cranica posteriore e a livello del bulbo la destra si unisce con la sinistra dando origine al tronco basilare (n. 9 nel disegno).
Dal tronco basilare si dipartono le due arterie cerebellari anteriori inferiori (Dx e Sn - 10). L'arteria uditiva interna (o labirintica) è un ramo della cerebellare anteriore inferiore. In alcuni casi le arterie uditive si staccano direttamente dal tronco basilare. 

arterie della base encefalica e poligono del Willis


Il tronco basilare (9) si divide in due rami terminali che sono le arterie cerebrali posteriori (7). Un ramo importante della cerebrale posteriore è la comunicante posteriore (6) che si unisce alla carotide interna (3). Quest'ultima si continua con l'arteria cerebrale media (detta anche Silviana - 4). Altro ramo importante della carotide interna è l'arteria cerebrale anteriore (2). Le due arterie cerebrali anteriori si dirigono in avanti (verso la fronte) e decorrono parallele. Queste a loro volta presentano una arteria che le unisce: arteria comunicante anteriore (1). I vasi che ho descritto formano una sorta di eptagono denominato "poligono del Willis".   

L'orecchio interno è irrorato dall'arteria uditiva interna (o arteria labirintica). Quest'ultima può staccarsi direttamente dal tronco basilare oppure si presenta come ramo dell'arteria cerebrale anteriore inferiore (aica) (10). L'arteria uditiva interna affianca il pacchetto formato dal nervo acustico (VIII°) e dal nervo facciale (VII°), assieme a questi nervi percorre il condotto uditivo interno (cui) e qui si divide quasi sempre in due rami, uno per la coclea (arteria cocleare comune) ed uno per il labirinto membranoso (arteria vestibolare anteriore). L'arteria cocleare comune si divide subito in due rami, una destinanata al modiolo della coclea ed un altra che si distribuisce al giro basale della coclea e al labirinto.

Per completare la descrizione delle arterie della base del cranio col n. 8 viene indicata l'arteria cerebellare superiore; col n. 12 l'arteria spinale anteriore e col n. 13 l'arteria cerebellare posteriore inferiore (pica). 

Alcune considerazioni pratiche. Lo studio della vascolarizzazione di un organo è importante per comprendere il suo funzionamento. Innanzitutto l'orecchio interno è un organo a circolazione terminale, ecco che piccoli danni possono creare lesioni irreversibili, per esempio molte ipoacusie monolaterali improvvise sono conseguenza di un difetto nella vascolarizzazione.

Altra considerazione è la scarsa influenza della pervietà delle carotidi sull'orecchio interno. Molti medici continuano a chiedere esami doppler dei tronchi sopraortici. Questi esami li vedo piuttosto inutili in quanto le arterie uditive interne si staccano dal tronco basilare, quindi dall'unione delle due arterie vertebrali. La circolazione della coclea e del labirinto non è influenzata dal flusso ematico carotideo. Il danno circolatorio della coclea e del labirinto, per esempio inevitabile nella presbiacusia e nelle presbistasia, trovano la loro causa nella piccola circolazione di questi organi.

Importante è anche il difetto di vascolarizzazione come causa di acufene. Mi sento di affermare che tutte le volte che c'è un deficit circolatorio nell'orecchio interno c'è sempre la comparsa di un acufene monolaterale. L'acufene colpisce quindi un orecchio solo, può essere ad insorgenza improvvisa, ma in molti casi insorge lentamente e il paziente non si accorge quando è iniziato. Nel primo caso siamo di fronte a difetti di circolazione tipo piccole trombosi o microemorragie; nel secondo caso (insorgenza lenta) la causa la vedo nella microangiopatia. Quest'ultima spesso è conseguenza del diabete, dell'arteriosclerosi o dell'ipertensione.

Bibliografia:
Varricchio A., Capasso M., De Lucia A.: Patologie vestibolari e ruolo del mesoglicano. Argomenti di Acta Otorhinolaryngologica Italica 2014; 8(3):1-8

Naviga tra le altre pagine della sezione "acufeni"

Potrai trovare altri articoli su questo argomento:
Acufene nei soggetti normoacusici
- La visita otorinolaringoiatrica per un paziente affetto da acufeni

Carlo Govoni - MioDottore.it

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

Attività chirurgica otorinolaringoiatrica
Dott. Carlo Govoni

Casa di Cura Columbus
via Buonarroti, 48 - MILANO

milano columbus clinic center otorino ent

 

Hesperia Hospital
via Arquà, 80 - MODENA

hesperia modena govoni

info:  3358040811   NO SMS

ambulatorio di via Ruggeri, 9   REGGIO EMILIA  

Per prenotazioni  3358040811   NO SMS
Per orari di apertura e per prenotazioni on-line   https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

reggio emilia studio via ruggeri 9 otorinolaringoiatria govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 1014 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 24526 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 51447 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 70406 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12361 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 15727 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 20353 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 63570 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 40842 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com