NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Giuseppe Bozzuto è stato il primo medico a diagnosticare un caso di peste a Napoli nel febbraio del 1656. Egli era un medico che lavorava per la Casa Santa dell'Annunziata. La documentazione sulla storia di questo bravo e sfortunato medico è scarsa. E' noto un libro del medico Salvatore de Renzi che ricostruisce la storia di quell'anno e venne pubblicato nel 1867 dal titolo: "Napoli nell'anno 1656". Un secondo scritto interessante è di Francesco Montanaro: "La peste del 1656 nel casale di Frattamaggiore: i fatti nei documenti originali dell'epoca."

Francesco Montanaro ha scritto. "Il medico Giuseppe Bozzuto, napoletano verace e borghese, nel febbraio [1656] vide i primi bubboni e le prime petecchie (1) e subito fece diagnosi. Uno degli eletti della città [Napoli] avendo ascoltato il medico, riferì la temibile diagnosi al Vicerè che, invece di prendere provvedimenti, fece imprigionare il Bozzuto. Solo verso la fine di maggio si cominciò ad ammettere e ad avvisare la popolazione che si trattava di peste, ma oramai il contagio si era diffuso. Lo stesso povero Bozzuto contrasse la peste in prigione e gli fu concesso solo di morire nella propria casa."

 

bozzuto giuseppe medico peste napoli 1656Giuseppe Bozzuto
il primo medico a riconoscere la peste a Napoli nel 1656

 

La peste era stata portata dai soldati spagnoli presenti in Sardegna e proprio alcuni di loro andarono a Napoli. Uno di questi si presentò in ospedale e il Bozzuto lo ebbe in cura. Giuseppe Bozzuto vedendo i gonfiori e le petecchie (1) comprese subito che si trattava di una grave malattia: la peste. In quel tempo il regno di Napoli era un dominio del Re di Spagna e veniva governato da Garcia de Avellaneda y Haro, Conte di Castrillo (1588 - 1670). Il Conte di Castrillo divenne Vicerè nel 1653 e terminò il suo incarico nel 1658. Durante questo periodo egli dovette affrontare i problemi della guerra franco-spagnola in Italia. Era suo dovere aiutare le truppe spagnole nel settentrione. Purtroppo la peste rese molto diffcile il suo lavoro.

Perché il Vicerè non ha ammesso l'esistenza della peste ed ha fatto chiudere in carcere il medico Giuseppe Bozzuto?

 

Esistono almeno due motivazioni ed entrambe si possono ritenere valide.

Un primo motivo è non interrompere la produzione e la fornitura di materiale necessario per le truppe spagnole a Milano. Nell'estate del 1655 ci fu una ripresa delle ostilità da parte delle truppe franco-piemontesi, ma vennero respinte. La tensione comunque a Milano era molto alta. Quindi il vicerè di Napoli: Conte di Castrillo si sentiva impegnato a sostenere i soldati spagnoli al nord.

Il secondo motivo è stato scoperto più di recente. Da una analisi storica delle relazioni che il Conte di Castrillo faceva al Re di Spagna si trovarono atti che dimostrano una volontà persecutoria nei confronti della popolazione partenopea. Erano ben presenti in quest'uomo i ricordi della rivolta di Masaniello dal 7 al 16 luglio 1647. Una frase contenuta in una di queste relazioni è particolarmente significativa: "Se vogliamo continuare a governare questa città [Napoli] ... dobbiamo cauterizzare tale sentimento con ferro incandescente".
Quindi è logico pensare che il Vicerè di Napoli non fece un errore di valutazione nel giudicare Bozzuto, ma ritenne più importante mantenere gli aiuti ai militari spagnoli presenti nell'Italia settentrionale lasciando che la Peste dilagasse. Si dovette aspettare il mese di maggio per ufficializzare la disastrosa situazione sanitaria che si era creata. Gli interessi economici e militari sono prevalenti rispetto alla salute di migliaia di persone. 

Tra i registri amministrativi della Casa Santa dell'Annunziata sono noti due accrediti in favore di Giuseppe Bozzuto, entrambi di 14,11 ducati. Il primo è del 9 febbraio e il secondo del 10 maggio 1656. Verosimilmente il medico è morto poco prima o dopo il secondo accredito.

Quello che rende questa storia orribile è che era evidente che Giuseppe Bozzuto abbia fatto una diagnosi corretta; è stato condannato e mai venne riabilitato. Nel 1658 il Conte di Castrillo andò via da Napoli e venne nominato Presidente del Consiglio di Castiglia, incarico che tenne fino al 1668. La sua carriera fu splendida e dopo fece parte del Consiglio di Reggenza in quanto il Re di Spagna Carlo II° era minorenne.

Giuseppe Bozzuto è un medico dimenticato da tutti. 

Purtroppo la storia si ripete: Li  Wenliang è il medico cinese che ha descritto pubblicamente i primi casi di Covid 19 negli ultimi giorni del 2019, purtroppo ha subito pressioni dalle autorità sanitarie del suo paese, è stato licenziato e poi assunto di nuovo. La sua storia non deve essere dimenticata.  E' morto al Central Hospital di Wuhan il 7 febbraio 2020 - colpito da quella nuova malattia che stava cercando di capire e di curare. 

 

_________
1)  Petecchia: è una emorragia cutanea puntiforme.

 

Se hai letto questo articolo ti potrebbe interessare anche:

- La diminuzione dell'olfatto come segno utile nella diagnostica da Covid-19

 

- La sordità 

 

- Come togliere il cerume nelle orecchie da soli. Consigli per cercare di non uscire di casa con epidemia in corso.

 

- Fumo di sigaretta e Covid-19

 

eccellenze italiane odeon tv televisione

 

   Intervista televisiva del dott. Carlo Govoni sulla perdita dell'olfatto nei lavoratori affetti da Covid-19

 

 

- Corpo estraneo nell'orecchio: un caso molto particolare

 

 .

 

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro ad abbassamenti della voce e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 11435 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 33472 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 14945 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 30762 visitatori
chirurgia-ambulatorialeInterventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si eseguono in anestesia locale sulle persone collaboranti e in buone condizioni di salute. Le malattie che si possono curare con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè...
Letto da 29565 visitatori
esame-vestibolare-visita-vestibologicaLa visita vestibologica è quella visita che comprende l'esame vestibolare o esame otovestibolare ed è finalizzata a curare i soggetti affetti da vertigine. La vertigine è l'alterazione del senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma è anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto...
Letto da 86121 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti e permette di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Il medico che si occupa di questi problemi si definisce vestibologo o otoneurologo. Nel senso più completo del termine l'otoneurologia comprende le funzioni vestibolare e uditiva. Quest'ultima non sarà affrontata in questo articolo, ma si rimanderà ad altri articoli...
Letto da 20307 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Con la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore oppure rinofibroscopia se eseguita con fibre ottiche) e la laringe (laringoscopia indiretta oppure...
Letto da 85869 visitatori
biopsia-prelievoLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 73715 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com