NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

E’ stato fatto uno studio dove alcuni ricercatori hanno valutato i casi di persone decedute che potevano essere strappate alla morte negli stati dell'Unione Europea.

Secondo il rapporto Eurostat nella Unione Europea (UE) nell’anno 2013 sono morte un milione e settecentomila persone con meno di 75 anni e di queste 577.535 si sarebbero potute salvare se avessero ricevuto cure migliori. Secondo questo studio, e non è il solo, in Europa il 33,7% delle persone morte con meno di 75 anni si sarebbe potuta salvare. Sempre secondo chi ha elaborato questo studio in Italia la percentuale di persone che si sarebbero potute salvare sarebbe di pochissimo migliore della media (33,0%).  

Secondo il rapporto Eurostat gli stati dove c’è l’assistenza migliore sono la Francia (23,8%), la Danimarca (27,1%) e l’Olanda (29,1%). Già questi valori lasciano perplessi, secondo chi fa studi statistici dove c’è la miglior sanità si registra che ogni 4 persone morte, una poteva essere salvata.

Il problema è estremamente complicato. Sono del parere che quando si devono affrontare problemi complicati non si dovrebbero mai fare analisi statistiche. Una analisi statistica va bene per calcolare parametri semplici come l’altezza media di una popolazione o l’andamento secondo l’età. In un altro articolo ho spiegato che non ha alcun significato fare studi per stabilire qual è il miglior ospedale o il miglior medico, proprio perché il miglior ospedale e il miglior medico non esistono.

Sappiamo che una analisi statistica sulle persone decedute riguarda un gran numero di soggetti che vengono valutati in modi diversi. Delle persone decedute possiamo avere due fonti d’informazione: la scheda di morte (esiste per tutti) e la cartella clinica (solo per coloro che sono morti in un ospedale o in una clinica).

Sappiamo che per ogni persona deceduta un medico compila la scheda di morte. In Italia per tutte le persone decedute esiste una scheda ISTAT che viene compilata da un medico. Il compilatore della scheda ha conoscenze mediche molto diverse, può essere il medico di famiglia che ha seguito il paziente per molti anni oppure il medico di un pronto soccorso che vede la persona per la prima volta, oppure se il soggetto arriva all’ospedale cadavere la scheda viene compilata da chi esegue l’autopsia. E’ chiaro che le conoscenze sul singolo caso sono variabilissime, avremo schede di morte ben compilate e altre schede compilate in modo molto approssimativo. L’approssimazione non è per negligenza medica, ma in certi casi, per esempio persona trovata morta lungo una strada non è possibile conoscere le sue malattie.

ambulanza pronto soccorso stradale intervento otorino ospedale govoni

Chi fa studi statistici può prendere visione della cartella clinica solo per coloro che sono morti in ospedale. E’ chiaro che raramente, soprattutto se si tratta di una morte evitabile, troveremo una relazione dettagliata di ciò che è stato fatto. Quindi sarà molto difficile trovare se ci sono state delle carenze assistenziali. Nelle cartelle cliniche non si parla mai di errori sanitari o di carenze nell'assistenza.

Altro problema fondamentale è: chi stabilisce che la persona poteva essere salvata? 

Per un medico, per esempio un consulente del Pubblico Ministero, sarà molto difficile stabilire se quella persona poteva essere salvata quando si possiede una cartella clinica e si procederà ad una autopsia. Questi casi penso che rappresentino meno dell’uno per mille dei casi di morte.

Nella migliore delle ipotesi un medico dovrebbe rispondere che non può affermare con certezza che quella persona poteva essere salvata almeno nel 50% dei casi sottoposti ad autopsia. Negli altri casi i dubbi interpretativi dovrebbero essere superiori al 90%.

Il concetto importante è che molte volte i ricercatori e gli amanti delle statistiche si pongono dei problemi molto importanti, come lo stabilire attraverso la lettura di schede, se una persona poteva essere salvata o no. La valutazione fatta da chi si occupa di statistica è semplicente una analisi delle cause di morte scritte sulle relazioni mediche.

Nel 2013 ci sono stati nella UE 577.535 decessi di persone con età inferiore a 75 anni, di queste circa un terzo (184.000persone) sono morte per attacchi cardiaci e infarto del miocardio. Il 16% (93.900 persone) sono morte per ictus (infarto cerebrale), il 12% (67.000 persone) per cancro al colon, il 9% (50.800 donne) per cancro al seno; il 5% (28.700 persone) per complicanze dell’ipertensione arteriosa e il 4% (24.100 persone) per polmonite.

I teorici delle statistiche hanno praticamente stabilito che tutti i tumori maligni del colon e della mammella sono curabili, che non si può morire per ictus o per infarto, ecc. La realtà la vedo molto diversa, ogni uomo fa storia a sé, per esempio ci sono tumori maligni molto aggressivi ed anche in persone che hanno fatto screening di prevenzione sono state colpite da queste malattie e nonostante le cure sono morte.
Suscita perplessità il leggere che in un anno ventiquattromila persone in Europa sono morte per polmonite. Forse perché non sono stati somministrati antibiotici? Purtroppo per i medici lo stato di salute è un concetto molto complicato. Può essere che sulla scheda di morte sia stato scritto “polmonite” semplicemente perché ad una sommaria indagine quello sembrava il problema più importante. Quasi certamente non sono state fatte autopsie, non sono stati eseguiti accertamenti precisi ed è stata scritta la diagnosi più semplice. Nelle schede ISTAT di morte negli ospedali italiani si usa moltissimo la causa “arresto cardiaco”, semplicemente perché è una diagnosi semplice e tutti coloro che sono morti hanno il cuore che non batte.

Nello specifico affermare che nella popolazione ci sono persone che sono morte ma potevano essere salvate è una affermazione che poi, venendo diffusa dalla stampa [per esempio “Il giorno” 25 maggio 2016] mette sfiducia nella sanità. Fa quasi pensare che in 577.535 casi i medici abbiano dormito di fronte a persone che stavano per morire e che potevano essere salvate.

Ritengo che queste analisi statistiche dovrebbero essere vietate perché non è possibile attraverso la lettura di cause di morte, stando seduti davanti ad un computer, stabilire quali sono le persone che sono morte e che la moderna medicina avrebbe potuto salvare.

Dove è la sanità migliore? Ricercare l'eccellenza nella medicina specialistica sembra un argomento di notevole interesse. Ritengo che non abbia senso stabilire che in Francia, Danimarca e Olanda c’è la migliore sanità europea. Sono stato in ospedali universitari francesi e olandesi e non mi sono mai accorto che lì la sanità sia migliore rispetto agli ospedali italiani di buon livello.

Sono dell'avviso che per la buona assistenza sanitaria sia importante il rapporto medico-paziente. Questo è un rapporto fiduciario e ritengo che l'attività privata, proprio perchè consente di personalizzare il rapporto, abbia un enorme vantaggio rispetto alla sanità pubblica. Nel sistema pubblico il paziente si rivolge ad un servizio, oggi incontra un medico, domani un altro. Nella libera professione il rapporto è sempre con il medico che è stato scelto dal paziente. Ritengo che l'eccellenza medica risieda soprattutto in un rapporto fiduciario personale tra paziente e medico e questo si realizza molto più facilmente nella libera professione.

 

 

Ti potrebbe anche interessare:

presenze di Carlo Govoni nel WEB 

 

- Columbus Clinic Center (ex Casa di Cura Columbus) Milano

 

- L'importanza della diagnosi audiologica precoce nell'integrazione scolastica e sociale dei bambini sordi - di Carlo Govoni con prefazione di Guerrino Giocolieri 

 

 

 

 

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

Se tu hai una mela ed io ho una mela, e ce le scambiamo, tutti e due abbiamo una mela. ... Ma se tu hai un'idea ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.

George Bernard Shaw (26 luglio 1856 - 2 novembre 1950)

 

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di dicembre 2020
è stato pubblicato un articolo

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Visite di otorinolaringoiatria
a Milano

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
by appointment
tel. 0258103023
3358040811  

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 4469 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 27980 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono molto diversi tra loro.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se alcuni interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale),...
Letto da 24002 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 3442 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Con la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la valutazione...
Letto da 75885 visitatori
esame-vestibolare-visita-vestibologicaLa visita vestibologica è quella visita che comprende l'esame vestibolare o esame otovestibolare ed è finalizzata a curare i soggetti affetti da vertigine. La vertigine è l'alterazione del senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma è anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto...
Letto da 72204 visitatori
fibroendoscopia-nasale-laringeaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 102641 visitatori
biopsia-prelievoLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 52755 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 56755 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com