NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia Testa e Collo
Master in vestibologia

Tel. 3358040811    

NO SMS      NEL SITO NON C'E' PUBBLICITA'

Vivere con privazione olfattiva significa vivere senza una importante fonte di piacere e con la costante preoccupazione di aver perso un meccanismo naturale di difesa.   La perdita del senso dell'olfatto è un danno particolarmente grave del quale non sempre nè comprendiamo l'importanza. Riporto qui un articolo  - UN MONDO SENZA ODORI - che è stato pubblicato nel mese di settembre 2017 sulla rivista Diagnosi & Terapia.

 

2017 07 46 olfatto govoni

 

L’olfatto è un senso poco conosciuto. Per tutti noi è normale apprezzare continuamente odori e facciamo fatica a capire come può essere una vita senza olfatto. Solo coloro che hanno perso completamente il senso dell’odorato si rendono conto della sua importanza e quanto si modifichi l’esistenza quando si è costretti a vivere senza profumi e anche senza odori cattivi.

 

Possiamo percepire le sostanze odorose solo quando queste sono presenti in microscopiche goccioline nell’aria che respiriamo. Queste particelle devono raggiungere la parte superiore delle fosse nasali dove sono situati i recettori olfattivi. Si tratta di cellule nervose specializzate in grado di trasformare il contatto con la sostanza odorosa in una serie di stimoli elettrici che poi si propagano lungo una fibra nervosa. Alla base di ogni recettore olfattivo c’è appunto un sottile filamento nervoso che attraverso una sinapsi, cioè un particolare contatto tra due cellule, fa sì che il segnale elettrico dal recettore passi alla fibra. Queste fibre sono paragonabili a fili elettrici, attraversano la lamina cribra dell’etmoide, si raccolgono in un fascio più grande e ben visibile nei preparati anatomici: il primo nervo cranico. Il primo nervo, detto anche nervo olfattorio, è dedicato esclusivamente alla sensibilità olfattiva.

Esistono non pochi misteri sul funzionamento del sistema olfattorio. Non è chiaro, per esempio, come da recettori olfattivi microscopicamente uguali, sia possibile ricavare sensazioni olfattive molto diverse tra loro. Sicuramente la frequenza degli impulsi elettrici inviati dai recettori al cervello è importante nella distinzione tra i vari odori, ma questi segnali, per ora, non sono interpretabili.

[ Ulteriori notizie sul funzionamento del sistema olfattorio le trovate nell'articolo sulla perdita dell'olfatto ]

Molti studi sono stati eseguiti a livello psicologico, ma anche questi lasciano spazio a diverse interpretazioni e, a tutt’oggi, l’olfatto è ancora un senso misterioso.

Le valutazioni quantitative e qualitative dell’olfatto sono difficili da eseguire. Come tutti i sensi, anche l’olfatto tende a modificarsi per effetto dell’età. Le modificazioni sono in senso riduttivo, cioè un anziano ha una capacità di riconoscere gli odori inferiore a quella di un giovane.

IPOSMIE e ANOSMIE

Una prima valutazione importante è il deficit olfattivo. Questo può essere una semplice diminuzione del senso dell’olfatto (iposmia), oppure una perdita completa (anosmia).

Altra distinzione importante è capire se la perdita olfattiva è dovuta ad una ostruzione meccanica o a un danno nervoso. Per esempio una malattia come la poliposi nasale impedisce alle sostanze odorose presenti nell’aria di raggiungere i recettori olfattivi. Ipotizziamo che questa malattia porti ad una perdita completa dell’olfatto ed allora parleremo di anosmia di trasmissione. In tutti gli organi di senso, e questo concetto si applica perfettamente all’olfatto, abbiamo due fasi. La prima fase è di tipo fisico-meccanico o chimico, nello specifico è il raggiungimento di opportuni stimoli ai recettori. Quando la malattia altera questa prima fase parliamo di un ostacolo alla trasmissione. Negli organi di senso sono presenti cellule specializzate che trasformano i segnali meccanici in segnali elettrici. Queste cellule specializzate si chiamano recettori. Sono recettori i coni e i bastoncelli della retina, oppure le cellule ciliate dell’organo dell’udito, come pure i recettori olfattivi delle fosse nasali. I recettori compiono un’azione fondamentale per la nostra sensibilità: la trasduzione meccano-elettrica. Questa azione consiste nella trasformazione di uno stimolo fisico-chimico (nello specifico le particelle odorose) in uno stimolo elettrico. Dal recettore parte uno stimolo che attraverso la sinapsi si trasmette alle fibre nervose che raggiungono i nuclei del nervo olfattorio, per poi arrivare a specifiche aree della corteccia cerebrale per il riconoscimento di odori e per la loro memorizzazione. Questa seconda fase, totalmente nervosa, viene definita percezione. Distinguiamo quindi anosmie e iposmie di trasmissione e di percezione.

 


  Nel naso e nelle fosse  
  nasali c'è un ostacolo

  Le sostanze odorose non riescono a raggiungere 
      i recettori olfattivi

 Esempi: poliposi nasale, 
     tumori del naso  
  IPOSMIA o ANOSMIA  
    DI TRASMISSIONE
  Il naso e le fosse nasali
  sono normali;
  non c'è alcuna ostruzione  

  Le sostanze odorose raggiungono le
    zone all'interno del naso dove si trovano i
    recettori olfattivi, ma i recettori o le fibre 
    nervose non riescono a trasmettere segnali 
    adeguati alle aree della corteccia cerebrale 
    deputate al riconoscimento

 Esempi: ischemie, tumori
   delle vie nervose, tumori
   encefalici, danni cerebrali, 
   traumi cranici
  IPOSMIA o ANOSMIA
    DI PERCEZIONE

 

Molto importante è questa diagnosi perché quando la causa è di tipo percettivo le possibilità terapeutiche sono minime e spesso siamo costretti a parlare di danno olfattivo permanente.

Le malattie che possono portare a danni dei recettori, delle vie nervose olfattive e delle aree specifiche cerebrali di riconoscimento degli odori sono numerose: ischemie, traumi, tumori, ecc.

 

2017 07 47 olfatto govoni

 

POLIPOSI NASALE

Una malattia che spesso comporta riduzioni dell’olfatto è la poliposi nasale. Chi è affetto da questo problema si accorge che progressivamente il suo olfatto si riduce. E’ possibile che con trattamenti farmacologici (es. uso di cortisonici) la respirazione nasale ed anche la percezione olfattiva migliorino. Questi miglioramenti sono spesso limitati nel tempo.

La soluzione più drastica è quella chirurgica. Esiste però il rischio non infrequente di una recidiva. La facilità di recidiva dei polipi nasali è notevole. Ho conosciuto persone che sono state operate anche cinque o sei volte. Le tecniche più moderne che si eseguono in videoendoscopia consentono una migliore eradicazione della malattia, ma non garantiscono il rischio di recidiva.

TRAUMI CRANICI

Una causa non infrequente di perdita dell’olfatto è il trauma cranico. Un violento urto della testa comporta uno scuotimento della massa encefalica. Le fibre nervose olfattive penetrano nella scatola cranica attraverso una serie di piccoli fori della lamina cribra dell’etmoide. Qui le fibre sono molto sottili e se la massa del cervello subisce un movimento rapidissimo c’è il rischio che le fibre si spezzino. Da questa lesione possiamo avere una perdita completa e irreversibile del senso dell’olfatto.

Come sempre i traumatizzati cranici sono ricoverati in ospedali e molte volte anche in rianimazione. Hanno, subito dopo l’incidente, problemi gravi e raramente ho visto fare indagini precise sull’etmoide. Spesso nelle cartelle cliniche si legge, quando il paziente è prossimo alla dimissione, che avverte disturbi olfattivi. A volte la perdita dell’olfatto non è nemmeno menzionata. Non è infrequente che al paziente venga detto di aspettare perché l’olfatto si recupererà col tempo. (1)

2017 07 48 olfatto govoni

 

Come ho detto quando le fibre sono state tranciate il recupero non ci potrà essere e il danno sarà irreversibile. Spesso i traumi cranici sono conseguenza di un incidente stradale o di un infortunio e coesistono problemi assicurativi. In molte occasioni ho visto che vengono fatte TAC e risonanze magnetiche che dicono che non c’è nulla e pertanto ai pazienti non viene riconosciuto alcun deficit olfattivo. Purtroppo non abbiamo mezzi diagnostici per vedere le terminazioni nervose olfattive e i forellini della lamina cribra. A volte viene chiesto ai medici che difendono la persona che ha subito una perdita dell’olfatto di dimostrare la lesione. Purtroppo per le caratteristiche delle doccie olfattorie non esistono esami strumentali idonei a dimostrare questi danni. Si sarebbe potuto, nei giorni immediatamente successivi al trauma, vedere con le immagini sangue in prossimità delle lamine cribrose, ma quasi mai si eseguono TAC o risonanze mirate sulla base cranica anteriore.

Esiste un test, l’olfattometria, che serve per valutare se un paziente sente o non sente gli odori, ma questo test è soggettivo. Alcuni medici fanno anche richieste assurde come test oggettivi per la valutazione olfattiva e il paziente non riesce a trovare alcun centro che li esegua, perché non esistono come esame clinico. Il risultato è che il paziente con turbe olfattive perde tempo e spesso il suo deficit non viene riconosciuto come danno da indenizzare.

Le prove olfattometriche sono diverse, si integrano con test psicometrici. Servono per riconosce la normosmia, l’iposmia e l’anosmia in soggetti collaboranti.

 

CONCLUSIONI

Sono del parere che il riconoscimento della perdita dell’olfatto debba essere il risultato di tre azioni cliniche: uno studio anamnestico, una rinofibroscopia ed una olfattometria.   

• Lo studio anamnestico deve valutare se, attraverso la documentazione clinica, sia compatibile un deficit olfattivo.

• La rinofibroscopia è un esame che consente allo specialista, attraverso appositi strumenti rigidi (o flessibili) di apprezzare le più piccole irregolarità presenti nelle fosse nasali. La rinofibroscopia però non è in grado di vedere lesioni dei recettori o dei nervi olfattivi.

• Le prove olfattometriche integrano queste valutazioni.

 .

endoscopio fibroscopia ottica video videofibroscopia flessibile flexible endoscope pediatrico govoni specialista otorino

endoscopio rigido videoendoscopia fibra ottica rinofibroscopia laringofibroscopia govoni specialista nasoEsempi di rinofibroscopi a fibre ottiche: in alto un modello flessibile
e sotto uno rigido

 

sniffin test provette olfattometria govoniStrumenti per indagini olfattometriche: sniffin test.

____________________

1 - L'articolo è stato scritto e pubblicato nel settembre 2017, cioè prima del Covid-19 e in quel periodo l'interesse per la funzione olfattiva era molto limitato.

.

.

 

milano columbus clinic center aree clinicheCOLUMBUS CLINIC  CENTER 

MILANO

via Michelangelo Buonarroti, 48
Zona City-Life  -  Tre Torri
parcheggio interno

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
tel. 3358040811  NO SMS

 milano columbus clinic center palazzina liberty e parte nuova

Arte&Medicina


2022 arte medicina carlo govoni copertina

Arte & Medicina
E' un libro che tratta 20 argomenti di carattere sanitario.
Tre capitoli sono stati scritti da Carlo Govoni.
Gli altri 17 capitoli hanno una presentazione storico-artistica di Carlo Govoni.

Il libro può essere acquistato richiedendolo a Diagnosi&Terapia
via del Colle 106 r - 16128 Genova
Tel. 3358040811
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 Il volume è di 496 pagine,
formato cm 16,5 x 24
€ 25,00 (iva compresa) 
+ spese spedizione

 

Eccellenze Italiane

COLUMBUS CLINIC CENTER è una prestigiosa casa di cura privata di Milano. Si trova in via Michelangelo Buonarroti, 48 - zona CITY-LIFE. Qui il dott. Carlo Govoni esegue visite specialistiche e interventi chirurgici. Il Centro è convenzionato con le più importanti assicurazioni private.

milano columbus clinic center aree cliniche

Per prenotare una visita col dott. Carlo Govoni nei giorni o negli orari in cui l'ufficio prenotazioni è chiuso potete chiamare 3358040811   NO SMS

 

 

a MILANO

Visite di otorinolaringoiatria
dott. Carlo Govoni

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

per un appuntamento
by appointment
tel. 3358040811

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

 

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefonare dal lunedì al venerdì
preferibilmente dalle 10:00 alle 12:00
3358040811  NO SMS

centralinista ascolto voce cuffia musica lavoro esame audiologia govoni otoneurolaringologia

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
from Monday to Friday
from 10:00 to 12:00

call calling cell cellphone 41541 modi

Pour prendre un rendez-vous
avec Docteur Carlo Govoni

(+39) 3358040811
du lundi au vendredi
de 10:00 à 12:00

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro ad abbassamenti della voce e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 12149 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 33916 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 69588 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono molto diversi tra loro.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se alcuni interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale),...
Letto da 32680 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 31170 visitatori
esame-olfattoL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di vario tipo che vengono presentate singolarmente al paziente. Questo esame prevede una standardizzazione degli odori e la registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione realistica della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi,...
Letto da 48089 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 19023 visitatori
chirurgia-ambulatorialeInterventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si eseguono in anestesia locale sulle persone collaboranti e in buone condizioni di salute. Le malattie che si possono curare con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè...
Letto da 30266 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti e permette di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Il medico che si occupa di questi problemi si definisce vestibologo o otoneurologo. Nel senso più completo del termine l'otoneurologia comprende le funzioni vestibolare e uditiva. Quest'ultima non sarà affrontata in questo articolo, ma si rimanderà ad altri articoli...
Letto da 20780 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com