NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

IN QUESTO SITO NON C'E' PUBBLICITA'

LA VERTIGINE E I DISTURBI DELL’EQUILIBRIO

Intervista al dott. Carlo Govoni di Cristina Bertolini.
Articolo pubblicato sulla PAGINA DELLA SALUTE del quotidiano PRIMA PAGINA REGGIO del 15 aprile 2015 a pag. 11 

Dott. Govoni molte persone si lamentano per avere vertigini, si tratta sempre di vere vertigini?
No. E’ doveroso precisare che cosa d’intende per vertigine, perché alcune persone hanno idee confuse e percorrono strade sbagliate. Per vertigine intendiamo una erronea percezione dell’ambiente che ci circonda, quasi sempre con caratteristiche rotatorie. Il paziente riferisce di vedere la stanza che gira oppure dice di essere lui a non avere stabilità e pensa di compiere movimenti rotatori. Non sono vertigini la sensazione di stare per cadere, oppure il vedere scuro, o la necessità di camminare a gambe larghe.

Qual è l’organo ammalato in caso di vera vertigine?
L’organo colpito è il labirinto e le vie nervose che partono da esso. E’ questo una parte dell’orecchio interno scavata nell’osso temporale. E’ un organo poco conosciuto e particolarmente complesso dal punto di vista anatomico. E’ importante cercare di capire perché l’uomo sta in piedi e cosa succede in caso di vertigine. L’uomo riesce a mantenere la posizione eretta perché il cervello elabora informazioni provenienti da sensori presenti nelle piante dei piedi, dagli occhi e dai due labirinti. L’alterazione di un solo labirinto è sufficiente a creare uno squilibrio che è appunto la vertigine.

Perché chi ha vertigine, quindi ha un labirinto ammalato, ha strane sensazioni rotatorie?
Le malattie vestibolari sono malattie che colpiscono un labirinto oppure la via nervosa collegata a quel labirinto e di conseguenza portano informazioni sbagliate al cervello. Il sistema che regola l’equilibrio è un sistema sensoriale molto diverso da quelli che conosciamo meglio come i sistemi uditivo o visivo. In questi ultimi se c’è un occhio che non vede la persona utilizza l’altro occhio e ha un senso della vista quasi normale. Lo stesso avviene per l’apparato uditivo, mentre non è così per il sistema che regola l’equilibrio. Il cervello deve sempre analizzare contemporaneamente gli stimoli provenienti dai due labirinti, fonde le due informazioni ed agisce di conseguenza. Quando c’è un labirinto ammalato arrivano al cervello due stimolazioni diverse alle quali non sa reagire. C’è come una sorta di messa in “tilt” del sistema e la reazione del cervello è anomala: fa compiere agli occhi dei movimenti orizzontali, ritmici. Il paziente ha quindi la sensazione che l’ambiente giri attorno a lui, oppure si sente girare su se stesso.

 

Spesso le persone raccontano che vedono girare la stanza, ma si lamentano per molti altri disturbi come la nausea, dolori addominali, vomito, mal di testa. Ci sono collegamenti tra questi disturbi e la vertigine?
Certamente. La vertigine è il sintomo del disorientamento nello spazio, però si associa sempre ad altra sintomatologia variabile da soggetto a soggetto. La nausea e il vomito sono i sintomi più tipici, ma non sono i soli. 

Quali sono le forme di vertigine più frequenti?
Esiste una malattia che per frequenza supera tutte le altre: è la vertigine parossistica di posizione. E’ una vertigine che colpisce in maggioranza le donne. Alcuni, erroneamente, la chiamano labirintite. La labirintite vera è una malattia rarissima e molto grave, spesso complicanza di gravi otiti. Un’altra malattia temibile, ma anch’essa di raro riscontro, è la malattia di Ménière. Questa è una malattia invalidante in quanto alla vertigine si associa l’ipoacusia e l’acufene.

La malattia di Ménière è molto temuta perché è spesso incurabile. E’ vero?
Sicuramente è una malattia difficile da trattare, però sono possibili diverse soluzioni terapeutiche. Si pensa che alla base di questa malattia ci sia un eccesso di liquido nel labirinto; da qui il termine di idrope endolinfatica. Questo eccesso di liquido viene generalmente curato con farmaci che favoriscono la diuresi. Si associano anche farmaci sintomatici che aiutano a superare le crisi di vertigine e la nausea. In effetti non sempre si riesce a risolvere il problema con la terapia medica.

Esistono altre soluzioni?
Sì, per i casi gravi e recidivanti di malattia di Ménière sono state proposte alcune soluzioni chirurgiche. Sono possibili interventi sul sacco endolinfatico e interventi di neurectomia, cioè sezione del nervo vestibolare. Gli interventi sul sacco endolinfatico consentono, già con la decompressione, di migliorare le possibilità di espandersi dell’endolinfa. Una volta aperta la mastoide e raggiunto il sacco, come si può vedere dal disegno, sono possibili diverse manovre per l’apertura e il deflusso dell’endolinfa.

Ci può dire qualcosa sugli acufeni, è questo un problema molto diffuso?
Esatto, si stima che circa il 7-8% della popolazione abbia questo problema. Per acufene s’intende la percezione di un suono in assenza di una fonte esterna che lo generi. L’acufene è quindi un sintomo che si accompagna a moltissime malattie dell’orecchio. Non esiste una cura per l’acufene in quanto tale, esiste però la possibilità di fare un’accurata visita per cercare di capire la malattia che ha determinato l’acufene, e in alcuni casi è possibile curare la malattia con beneficio anche per il rumore che il paziente percepisce. Questo approccio metodologico può essere fatto nel corso di normali visite specialistiche otorinolaringoiatriche in qualsiasi ambulatorio.

Quali sono i problemi più importanti per chi soffre di vertigini?
E’ molto difficile che una malattia vertiginosa si presenti con una instabilità persistente e incurabile. I problemi più frequenti sono il superamento della fase acuta e prevenire la recidiva. Le possibilità terapeutiche in fase acuta sono legate all’uso di farmaci specifici e di farmaci sintomatici. Questi ultimi sono molto utili per rendere più sopportabili le ore e i giorni successivi alla crisi vertiginosa.
Alcuni medici sostengono di recuperare i pazienti attraverso specifiche manovre della testa. La base fisiopatologica è che la vertigine è provocata da una alterazione di alcuni cristalli (otoliti – spesso chiamati anche sassolini) che sono finiti in una sede diversa da quella dove dovrebbero stare. Con la manovra l’otolita uscito dalla sua sede rientra e quindi il paziente non dovrebbe più avere la vertigine. L’applicazione pratica di questo concetto non è semplice in quanto questa fuoriuscita dell’otolita non è un evento che vediamo, ma è solo una nostra interpretazione sulla base della visita medica che abbiamo fatto. E’ sempre una nostra interpretazione affermare che l’abbiamo riposto nella sua sede. Il rischio che si corre nell’affidarsi unicamente a queste manovre è appunto quello di non risolvere il problema.

Si può fare qualcosa per prevenire le recidive?
Sono dell’opinione che il medico debba curare i pazienti cercando anche di prendere provvedimenti perché la loro vita futura migliori. E’ importante cercare di cambiare le abitudini di una persona, in particolare stimolare l’attività fisica. Ritengo anche utile l’apporto di integratori e polivitaminici che possono essere somministrati per un lungo periodo.

Cosa possiamo dire a chi soffre di vertigine?
Innanzitutto si deve cercare di risolvere la fase acuta con l’aiuto dei medici, solitamente il medico di famiglia è in prima linea. Il ricorso allo specialista è necessario nelle forme di vertigine acute e resistenti al trattamento. Lo specialista dovrà definire la diagnosi ricorrendo ad eventuali accertamenti strumentali come le prove audiologiche, vestibolari, la Risonanza Magnetica e gli esami ematici. Si dovrà anche indirizzare il paziente verso diverse abitudini di vita e predisporre un trattamento a lungo termine per evitare il ripresentarsi di episodi vertiginosi.

2015 vertigine prima pagina intervista a carlo govoni

Vedi anche:

Attività otorinolaringoiatrica del dott. Carlo Govoni a Reggio nell'Emilia

 

Il sistema di orientamento spaziale

 

La vertigine nelle persone anziane

 

 

 

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

Arte&Medicina


2022 arte medicina carlo govoni copertina

Arte & Medicina
E' un libro che tratta 20 argomenti di carattere sanitario.
Tre capitoli sono stati scritti da Carlo Govoni.
Gli altri 17 capitoli hanno una presentazione storico-artistica di Carlo Govoni.

Il libro può essere acquistato richiedendolo a Diagnosi&Terapia
via del Colle 106 r - 16128 Genova
Tel. 3358040811
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 Il volume è di 496 pagine,
formato cm 16,5 x 24
€ 25,00 (iva compresa) 
+ spese spedizione

 

COLUMBUS CLINIC CENTER è una prestigiosa casa di cura privata di Milano. Si trova in via Michelangelo Buonarroti, 48. Qui il dott. Carlo Govoni esegue visite specialistiche e interventi chirurgici. Il Centro è convenzionato con le più importanti assicurazioni private.

milano columbus clinic center aree cliniche

Nei giorni o negli orari in cui l'ufficio prenotazioni è chiuso potete chiamare 3358040811   NO SMS  

 

 

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie

diagnosi e terapia rivista


nel numero di dicembre 2020
è stato pubblicato un articolo

scritto da Carlo Govoni 

www det.it  category/articoli/otorinolaringoiatria/

Visite di otorinolaringoiatria
a Milano

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
by appointment
tel. 0258103023
3358040811  

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

 

 

Questo sito contiene informazioni di carattere sanitario, non c'è pubblicità

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 7025 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 30335 visitatori
visita-specialistica-domicilio-pazienteQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 22765 visitatori
esame-olfattoL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 42782 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 17722 visitatori
esame-audiometrico-audiologiaLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 61766 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Con la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore oppure rinofibroscopia se eseguita con fibre ottiche) e la laringe (laringoscopia indiretta oppure...
Letto da 79848 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è in gran parte erogata dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività,...
Letto da 4718 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 14076 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com