NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Un problema che coinvolge molte persone è la rinite cronica ostruttiva, cioè una persistente difficoltà a respirare dal naso. Con questo termine s'intendono diverse patologie (le più frequenti sono l’ipertrofia dei turbinati, la deviazione del setto e la poliposi nasale) che determinano un vero e proprio blocco della respirazione nasale. In questi casi la sensazione di naso chiuso dura tutto il giorno, ed anche la notte. Queste malattie si differenziano dalle riniti acute (per es. il banale raffreddore) dove l’impossibilità a respirare dal naso dura qualche giorno.

pianura padana reggio emilia parma modena

Pianura padana in inverno: un clima freddo-umido
favorisce l'instaurarsi di flogosi del distretto rino-sinusale.

 

reggio emilia chiesa san giorgio neve nevicata carlo govoni otorino

Le cause della rinite cronica ostruttiva sono numerose. Il clima è importante, in particolare il freddo umido della pianura padana predispone a queste forme di rinite. Ritengo importanti nel determinismo di queste malattie i traumi nasali. Questi comportano spesso deviazione del setto e ipertrofia dei turbinati.

Altre cause di ostruzione sono i polipi nasali, a volte di natura allergica. Sappiamo che contribuiscono a determinare una rinite cronica ostruttiva anche altre cause come l’inquinamento atmosferico, il fumo di sigaretta, i fumi e vapori che si possono respirare durante il lavoro. Particolare attenzione va rivolta ai lavoratori del cuoio, ai falegnami ed ai pavimentisti che utilizzano i legni duri. Questi lavoratori necessitano di una accurata rinofibroscopia. Altra causa di rinite cronica ostruttiva è costituita dall’abuso di decongestionanti nasali con vasocostrittori. Questi prodotti si trovano facilmente in farmacia e molti tendono ad usarli continuamente. In un primo tempo hanno benefici, poi questi si riducono fino ad arrivare ad una ipertrofia persistente dei turbinati.

La rinite cronica ostruttiva è anche una patologia che contribuisce a determinare la roncopatia, cioè il russamento (le ronflement dei francesi). La roncopatia è un problema oltremodo complicato che qui non affronto, in quanto merita una trattazione a sé.

La valutazione specialistica è semplice: una rinofibroscopia è sufficiente per osservare le cavità nasali e porre una corretta diagnosi.

Il vero problema è scegliere il trattamento più adeguato.
Schematicamente le proposte terapeutiche sono di quattro tipi.

  1 – Trattamento dell’ipertrofia dei turbinati con Laser
  2 – Trattamento dell’ipertrofia dei turbinati con Radiofrequenze
  3 - Trattamento della ipertrofia dei turbinati con Debrider
  4 – Trattamento completo delle diverse forme di Rinite cronica ostruttiva con intervento chirurgico mirato

1 – Trattamento dell’ipertrofia dei turbinati con Laserchirurgia.
Il raggio Laser esegue una vaporizzazione del turbinato in eccesso. Nella sua azione il Laser vaporizza e coagula e pertanto il sanguinamento è quasi inesistente. L’intervento lo si esegue in anestesia locale. Un teorico dell’uso del Laser è il Prof. Yves Victor Kamami di Parigi. Egli ha allargato l’uso del Laser alla roncopatia.
Nella riduzione del volume dei turbinati col Laser si riduce il volume degli stessi intervenendo al di sotto della mucosa.
Con la laserchirurgia il paziente non sente dolore. Il tamponamento finale è molto semplice e quando si stampona non c’è dolore.

2 – Trattamento dell’ipertrofia dei turbinati con Radiofrequenze
Lo ritengo uno dei trattamenti elettivi per la sola ipertrofia dei turbinati, senza complicanze. L'intervento si esegue in anestesia locale con degenza di alcune ore. Anche in questo caso si interviene con tecnica microinvasiva al di sotto della mucosa.
Con le RadioFrequenze non c’è dolore. Il paziente è sempre sveglio e cosciente, se sentirà un minimo di dolore si approfondirà l’anestesia locale. Le radiofrequenze sono onde elettromagnetiche ad elevata frequenza. Queste "vaporizzano" le cellule e i turbinati si riducono di volume. Con questa metodica il sanguinamento è minimo e non si formano croste sieroematiche.  Alla fine dell'intervento si collocano alcune garze grasse nelle narici, la loro rimozione avviene in modo semplice, senza dolore.

3 - Trattamento della ipertrofia dei turbinati con Debrider
Il Debrider (o microdebrider) è uno strumento d'acciaio delle dimensioni di un refil di una penna biro. Presenta nella sua estremità un congegno in grado di aspirare e triturare i tessuti. Nello specifico caso viene inserito al di sotto della mucosa nasale e la sua azione riduce il volume del turbinato dall'interno. Questa tecnica è piuttosto dolorosa e pertanto la si utilizza in anestesia generale. Normalmente si operano in questo modo pazienti che oltre all'ipertrofia dei turbinati hanno anche altre problematiche. E' facile il ricorso a questa tecnica nel caso si debba correggere una deviazione del setto e l'ipertrofia dei turbinati.

4 – Trattamento completo delle diverse forme di Rinite cronica ostruttiva con intervento chirurgico mirato
E’ questa la soluzione più completa. Il paziente deve essere ricoverato in Clinica e l’intervento verrà eseguito in narcosi. Le varianti chirurgiche sono molte. I vantaggi sono costituiti dal fatto che si riesce ad eseguire un intervento molto specifico per i problemi del paziente e non c'è la necessità di finire l'atto chirurgico in tempi brevi.
Molti temono lo stamponamento. Su questo punto mi sono già espresso e rimando a quell’articolo. Qui ribadisco che lo stamponamento non è doloroso se eseguito da un medico che prende specifici accorgimenti quando tampona e poi agisce con molta cautela nello stamponare.

 

Per prenotazioni on-line   https://www.miodottore.it/elenco-dei-dottori/carlo-govoni 

Ti potrebbe anche interessare:

http://www.cmsangiuseppe.com/articoli/45-difficolta-respiratorie-nasali

 

- Intervento con radiofrequenze per ridurre l'ipertrofia dei turbinati

 

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2983 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26518 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 22484 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 12338 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 23125 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 25947 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16421 visitatori
visita-otorinolaringoiatrica-per-bambiniLa maggior parte dei bambini possono soffrire di parecchie malattie, quelle più frequenti sono le patologie dell'orecchio, del naso e della gola. La visita medica serve per affrontare i problemi clinici. La visita otorinolaringoiatrica eseguita per un bambino è molto simile a quella dell'adulto. Per certi aspetti è più semplice perchè si tratta di una visita ridotta alle manovre essenziali. L'importante è...
Letto da 13697 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 73714 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com