Per ogni medico che cura le malattie dell'orecchio una domanda molto frequente è "l'otite è contagiosa?" 
Prima di rispondere faccio una precisazione. Occorre tener presente che le forme principali di otite sono due: esterna e media. Si tratta di malattie molto diverse tra loro, anche se hanno lo stesso nome.

Per otite esterna s'intende una malattia che colpisce la pelle del condotto uditivo fino alla membrana timpanica. Con otite media si fa riferimento ad una infiammazione che colpisce la cassa del timpano, cioè quella parte dell'orecchio che sta più internamente rispetto alla membrana. Le otiti medie si distinguono in acute e croniche. Qui si farà riferimento alle forme acute.

L'otite esterna è dovuta alla penetrazione di germi o miceti (funghi) che entrano nel condotto. Molto spesso l'infezione avviene con l'acqua infetta di laghi o piscine, più rara è l'infezione veicolata dall'acqua del mare. La trasmissione da uomo a uomo è difficile. Per esempio se una persona affetta da otite esterna fa il bagno in una piscina dove c'è una persona sana è teoricamente possibile il passaggio di germi o miceti (= funghi) da un orecchio all'altro. Normalmente nell'acqua delle piscine ci sono sostanze (es. il cloro) che inibiscono la crescita di microrganismi e quindi impediscono il contagio.  I sintomi principali dell'otite esterna sono la sensazione di orecchio chiuso e il dolore. Se l'otite è molto sviluppata è possibile vedere una secrezione. Nei soggetti affetti da otite esterna è abbastanza frequente il ricorso ai bastoncini auricolari, questi sono inutili e spesso dannosi perché col loro movimento si spingono le secrezioni all'interno, favorendo il persistere della malattia. Per curare le forme batteriche sono necessari gli antibiotici anche per uso topico, cioè sotto forma di goccie auricolari.
I miceti sono molto più difficili da combattere, sono necessari prodotti specifici: gli antimicotici.

L'otite media acuta è sostenuta da virus o da germi. I batteri di più frequente riscontro sono gli streptococchi, gli stafilococchi, il piocianeo e il proteus. La malattia si caratterizza per dolore e per sensazione di ovattamento auricolare. Nelle forme a timpano chiuso non c'è secrezione. L'uso dei bastoncini auricolari è inutile. La terapia è quella antibiotica per via generale. I prodotti otologici per uso topico (goccie auricolari), anche se contengono antibiotici sono inutili. E' utile l'associazione con antidolorifici assunti per via generale. Sono molto utilizzati il ketoprofene, l'ibuprofene e la nimesulide. L'otite media acuta non è contagiosa. Può esserci contagio attraverso le secrezioni, ma in una società moderna è molto difficile che questo si realizzi.

 

membrana timpanica paini

 

Sempre sullo stesso argomento:

L'otite media sieromucosa. 

Sono utili i rimedi popolari nella terapia delle otiti?  

L'otoscopia: una manovra semplice e molto utile per la diagnosi di otite. 

Otalgia o dolore nell'orecchio

Definizioni dei termini maggiormente utilizzati in otologia

prenota visita otorinolaringoiatrica online carlo govoni

http://www.cmsangiuseppe.com/articoli/42-otiti-labirintiti-salpingiti-otosclerosi-neuroniti-e-malattie-dell-orecchio