NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Coloro che sentono poco (ipoacusici) sono molti, si parla di oltre sei milioni in Italia, si tratta in massima parte di persone anziane. Col passare dell'età la diminuzione dell'udito è fisiologica.

percentuale ipoacusici

 

Più della metà di coloro che soffrono di ipoacusia presentano disturbi considerati lievi o moderati (cioè hanno perdite uditive da 25 a 40 dB). Queste persone, in ambiente silenzioso, dove parla una persona alla volta, comprendono tutto. Può sfuggire loro qualche parola. Però queste stesse persone, quando le condizioni d’ascolto non sono ottimali, presentano problemi di comprensione.
Sul piano sociale è più importante la fascia degli ipoacusici medio – gravi che comprende circa un terzo di tutte le persone ipoacusiche. In Italia si tratta di circa due milioni di persone. Per sordità media o grave s’intende una ipoacusia da 40 a 70 dB di perdita sensoriale acustica. Queste hanno difficoltà a comprendere un discorso anche quando chi parla lo fa in ambiente silenzioso. In questi casi il ricorso alle protesi acustiche (o apparecchi acustici) è fondamentale. Esistono anche ipoacusici molto gravi, sono coloro che perdono oltre 70 dB nella media delle tre frequenze centrali. Vengono definiti sordi profondi coloro che hanno più di 90 dB di perdita uditiva. In questo sito è presente un articolo sui livelli di perdita uditiva.
Le cause dell'ipoacusia possono essere le più svariate, ma, nella stragrande maggioranza dei casi, i deficit uditivi sono provocati dalla morte (o degenerazione) delle cellule ciliate dell'orecchio interno (situate nella coclea). La perdita uditiva per effetto della sola età è un fenomeno complesso che comprende la degenerazione delle cellule acustiche, ma anche altri fenomeni. La diminuzione dell'udito in conseguenza dell'età prende il nome di presbiacusia e si evidenzia facilmente con gli esami strumentali eseguiti sui pazienti già dall'età di 40 / 50 anni. La perdita uditiva tende a peggiorare progressivamente e le persone iniziano ad accorgersene di solito attorno ai 60 anni. I maschi sono leggermente più colpiti rispetto alle femmine. Infatti le tabelle di tipo statistico che valutano la perdita uditiva per effetto dell’età sono diverse per il sesso maschile e per quello femminile.

La protesi acustica è un presidio che va prescritto da un medico specialista in otorinolaringoiatria o in audiologia. Il primo passo che si deve compiere è una visita con esame dell’orecchio (otoscopia) e valutazione dell’udito (esame audiometrico). Un esame pure importante è l'impedenzometria. L'esame audiometrico è un esame soggettivo e va interpretato. Il medico non valuterà solo la perdita uditiva, ma dovrà capire la persona e le sue necessità uditive. Lo specialista sa che l’udito naturale è meglio di qualsiasi protesi acustica, anche la più raffinata, pertanto cercherà, se ci sono problemi curabili (es. cerume, catarro tubarico, perforazione timpanica, ecc.) di proporre le soluzioni più idonee per risolverli o per migliorare la situazione. Solo nei casi in cui la sordità è importante e c’è una necessità di sentire meglio si arriverà alla prescrizione di una protesi.

protesi acustica retroauricolare orecchio govoni otorino otoneurolaringologia

E’ con il referto scritto e con l’esame audiometrico firmati dallo specialista che il paziente dovrà entrare nel negozio del venditore di apparecchi acustici.

 Esistono due tipi fondamentali di protesi acustiche: quelle tradizionali che si possono mettere e togliere tranquillamente (protesi retroauricolari, endoauricolari e ad occhiale) ed esistono anche protesi permanenti, dette protesi impiantabili o protesi ancorate all'osso. Una protesi impiantata nell'osso temporale è l'impianto cocleare. Il ruolo dello specialista otorinolaringoiatra è fondamentale per aiutare il paziente nella scelta tra protesi tradizionale, protesi impiantabile e impianto cocleare.

protesi acustica retroauricolare chiocciola batteria govoni orecchio otite

Protesi acustica di tipo retroauricolare. Questa è una protesi tradizionale che si mette dietro al padiglione auricolare, viene anche chiamata "protesi da indossare".

 

impianto cocleare naida impiantabile.

impianto cocleare naida parte esterna

Impianto cocleare. Nella foto sopra la parte che viene impinantata, cioè con un intervento si provvede ad inserire l'elettrodo nella coclea. Nella foto qui sopra la parte esterna, molto simile alla protesi tradizionale.

Altri argomenti di interesse simile:

- come leggere un esame audiometrico

- BAHA, protesi impiantabile

- tipi di protesi acustiche esterne

- visita otorinolaringoiatrica

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di giugno 2019
c'è stato un articolo di rinologia

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3180 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26665 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 13046 visitatori
visita-specialistica-domicilio-paziente-govoniQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 19260 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 56364 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 26148 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 69508 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 33301 visitatori
consulenze-otorinoLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili. In queste righe farò riferimento soprattutto alla Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' questa che vede più spesso le persone interessate. Le situazioni più frequenti sono gli incidenti stradali e non, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono...
Letto da 19758 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com