NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia Testa e Collo
Master in vestibologia

Tel. 3358040811    

NO SMS      NEL SITO NON C'E' PUBBLICITA'

Testi

Se vogliamo sapere come si fa a pulire le orecchie e interroghiamo un motore di ricerca troveremo cento sciocchezze e una verità; il difficile è saper riconoscere la verità. Molti sostengono che l'acqua ossigenata è il rimedio giusto per la pulizia delle orecchie; altri dicono che non è vero.
Purtroppo Internet è una piazza "democratica" dove tutti hanno il diritto di parlare, ma quando si parla di salute non dovrebbe essere così.

Sarebbe auspicabile che si potesse capire subito chi ha scritto l'articolo. Una cosa è chi parla o scrive quando ha una cultura scientifica alle spalle, tutt'altra cosa è chi scrive perchè ricorda quello che gli ha detto la nonna o la vicina di casa. La medicina è una scienza molto complicata, dove il medico è un po' scienziato e un po' artista. L'otologia è una parte della medicina che racchiude i concetti di arte e scienza, è quindi un argomento complesso, dove esistono ancora dubbi e certezze.

Il pericolo attuale più importante è che chiunque può aprire un sito Internet e scrivere su qualsiasi argomento. Uno degli argomenti più richiesti dai navigatori sono proprio i consigli sulla salute. Così ci sono molti siti e ogni sito per soddisfazione di chi lo amministra e, anche per motivi economici, viene creato per essere visitato da molte persone. Se un sito è frequentato allora alcune ditte sono disposte a pagare per inserire la loro pubblicità in quelle pagine WEB. La logica del profitto è superiore alla logica della morale. Ai proprietari di un sito Internet non importa nulla se i testi espongono concetti rigorosi sul piano scientifico o riportano le fantasie della raccontate dalla vicina di casa. L'importante è che i testi siano avvincenti per i navigatori e siano letti. Molte volte si trovano articoli dove l'unica cosa interessante è il titolo, ma non certo il contenuto. Purtroppo per la logica di chi ha creato Internet e i motori di ricerca è importante che quell'articolo richiami l'attenzione di molte persone. Una macchina non potrà mai giudicare il contenuto di un testo. Forse con l'intelligenza artificiale ci avvicineremo a risolvere questo problema, ma al momento ho ancora parecchi dubbi.

Tra le tante sciocchezze che si leggono nelle pagine WEB ci sono i consigli per pulire le orecchie. Tutti sognano dal punto di vista chimico di trovare il solvente per il cerume e sperano di creare un prodotto in spray o in goccie per poterlo commercializzare. Tantissime persone si ingegnano con siringhe senz'ago, perette, bastoncini cotonati o altre diavolerie simili e sperano di non aver mai bisogno del medico. Oggi queste persone appaiono come persone generose e competenti che diffondono i loro consigli. In realtà vogliono solo attirare l'attenzione al loro sito.

Il fai da te nella pulizia delle orecchie è meglio non farlo.  Solo in casi di emergenza si potrà cercare di fare qualcosa autonomamente.

Il primo passo per pulire un orecchio sarà sempre guardare dentro i condotti uditivi e vedere se sono pulite o sporche. NESSUNO RIESCE A GURADARE DENTRO ALLE PROPRIE ORECCHIE. Qualora sia presente del cerume la sua rimozione dovrà essere fatta dallo specialista con gli strumenti più idonei per quel particolare tipo di situazione. Anche tra gli specialisti otorinolaringoiatri non esiste il modo giusto per pulire le orecchie di tutti. La mia opinione è che SI DEVE CERCARE IL MIGLIOR MODO PER ASPORTARE IL CERUME AL PAZIENTE CHE SIEDE DI FRONTE A NOI.  Lo specialista deve essere in grado di mettere in atto diverse tecniche ed adattarle allo specifico caso.

Se uno specialista otorinolaringoiatra vi dice che "TUTTI I TAPPI DI CERUME SI DEVONO TOGLIERE COSI' .... e descrive la sua tecnica" il mio suggerimento è semplice: cambiate specialista!   Il cerume ha caratteristiche diverse da persona a persona ed anche i condotti uditivi sono diversi da persona a persona. Lo specialista deve scegliere la tecnica più idonea per il caso che ha di fronte.

 

orecchio spray gocce pulizia auricolare lavaggio cerumenolitici govoni

In questa foto due prodotti per pulizia auricolare che si possono acquistare in farmacia senza ricetta.
1 - prodotto spray      2 - prodotto in gocce
Questi prodotti sono un valido aiuto per la salute delle orecchie.
Andrebbero usati molto spesso quando l'orecchio è pulito.
Se nell'orecchio c'è un tappo di cerume questi prodotti vanno usati ugualmente, 
ma provocano un senso di orecchio chiuso peggiore rispetto a quanto avevate prima di usarli.
In questi casi al loro uso deve seguire una visita otorinolaringoiatrica

 

In alcuni siti vengono dettate delle procedure per la pulizia delle orecchie dal cerume. Quasi tutte queste procedure sono perentorie e non ammettono dubbi. Per tutti coloro che dettano norme per la pulizia auricolare il guardare dentro l'orecchio, cioè fare una otoscopia, è una manovra inesistente. Faccio un esempio. Dicono che si deve prendere acqua ossigenata al 3% (10 volumi) e diluirla in parti uguali con acqua tiepida. Alcuni dicono di mettere la miscela così ottenuta con un contagoccie nel condotto uditivo, lasciare agire per 5 minuti e poi lavare il condotto con il contagoccie. Faccio l'otorinolaringoiatra da oltre trent'anni ed ho sempre sostenuto che gli strumenti per fare il lavaggio (siringe o siringoni) devono essere scelti con cura, perchè solo con alcuni si riesce a fare la pulizia auricolare. Ritengo impossibile riuscire a togliere un tappo di cerume con un contagoccie. Non l'ho mai fatto, ma la pressione che si esercita con un contagoccie è talmente minima che mai potrà essere sufficiente per togliere un tappo. Mi sono fatto un'idea del perché tra i consigli sanitari che si trovano in Internet ci siano tante assurdità. Scrivere testi validi è difficile e ci vuole tempo. Credo che alcuni copywriter (scrittori pubblicitari) prendono testi stranieri, li traducono con un traduttore automatico, e poi li diffondono nei loro siti. Alcune parole sono tradotte in modo inappropriato e il contenuto viene stravolto. Al gestore del sito non interessa nulla, l'iportante è che le persone leggano quel testo e, ancor meglio, se lo commentano e lo premiano con 5 stelle.

L'otoscopia, cioè vedere dentro al condotto e capire quale tipo di cerume dovrà essere rimosso, è un passo fondamentale. Il cerume non è sempre uguale. Ci sono tappi di cerume secchi e duri, altri di consistenza molle, altri ancora sono formati da pelle desquamata. Altri nascondono una otite esterna o una micosi.

Togliere il cerume non è una manovra semplice.
Tutti i condotti uditivi sono diversi tra loro, alcuni sono particolarmente stretti e angolati.
Tutti i tappi di cerume sono diversi, alcuni contengono polveri dell'ambiente di lavoro, altri sono molli, altri ancora duri. Alcuni tappi sono dove la natura li ha creati, altri sono stati spinti e compressi dall'uomo contro la membrana facendo un largo uso di bastoncini acuricolari. Ci sono anche persone che si grattano le orecchie con chiodi o con forcine per capelli, a volte si provocano piccole ferite e il sangue si mescola al cerume.
I tappi possono anche non essere di cerume, ma micotici, oppure contenere molte cellule desquamate come nella psoriasi, a volte sono delle secrezioni purulente diventate secche e dure.
La variabilità dei tappi di cerume è notevole, inoltre l'orecchio è un organo delicato. Solo in momenti particolari come i primi mesi dell'infezione da Covid-19 dove non si poteva uscire di casa era logico che chi si sentiva l'orecchio tappato cercasse di provvedere con automanovre, ma escluso quei particolari momenti, il tappo di cerume richiede la visita di un medico.

Qualcuno potrà ribattere che invece di acqua tiepida come usano usualmente gli otorinolaringoiatri bisogna usare acqua ossigenata 3% diluita. L'acqua ossigenata diluita in parti uguali con acqua (ma lo stesso sarebbe se fosse utilizzata pura) non fa nulla sul cerume. Il cerume è una sostanza grassa e l'acqua ossigenata NON è un solvente dei grassi. L'acqua ossigenata, detta più propriamente perossido di idrogeno (H2O2) ha un debole potere battericida, quindi è un disinfettante, ma il cerume è un prodotto naturale delle ghiandole sebacee, nel comune tappo di cerume non c'è alcuna infezione. Pertanto mettere un liquido disinfettante nell'orecchio è inutile e non favorisce la rimozione di un tappo. Tutti sanno che l'acqua ossigenata ha un effetto sbiancante, ma sul tappo di cerume anche questo è un effetto inutile. E' irrilevante che il tappo da bruno scuro diventi bruno chiaro.
In molti siti che consigliano di instillarsi nelle orecchie acqua ossigenata si dice che oltre a liberare l'orecchio dal cerume fa guarire da eventuali infezioni. Questo è in parte vero. Ho appena scritto che l'acqua ossigenata è un disinfettante e quindi può uccidere qualche germe. Germi deboli possono morire sotto l'effetto di queste soluzioni con acqua ossigenata, ma quelle persone che pensano di curare le otiti con l'acqua ossigenata non sanno che nelle secrezioni auricolari da otite esterna si trovano parecchi germi. Cito i più frequenti: Pseudomonas Aeruginosa, Proteus Mirabilis, Enterobacter Cloacae, Acinetobacter, Klebsiella pneumoniae, Enterobacter aerogenes, Streptococchi, ecc. Tutti germi molto resistenti, nei confronti dei quali l'acqua ossigenata non fa nemmeno solletico. Tutte otiti esterne che sono curabili molto bene con adeguata terapia antibiotica.
Qualcuno potrebbe dire: «sarà pur vero che l'acqua ossigenata non fa nulla, però non fa male.»
Anche questa è una parziale verità. E' vero che non peggiora la situazione ma se uno mette acqua ossigenata nelle orecchie e vede che i suoi problemi restano invariati, non pensa immediatamente che il rimedio non funziona. Pensa che ci vorrà tempo, poi è facile che il dolore e i fastidi provocati da un'otite abbiano un andamento oscillante e qundi ci sia un miglioramento. Se ci sarà un miglioramento è facile che questo venga attribuito all'acqua ossigenata. Cosa succede? Il tempo passa, chi ha una otite esterna non guarisce, i germi dentro all'orecchio proliferano. Lo specialista si trova costretto a combattere con germi che hanno avuto il tempo di proliferare anche per settimane, le loro secrezioni vengono ad avere una strana colorazione. Sono più chiare (effetto sbiancante dell'acqua ossigenata) e quindi la diagnosi diventa più difficile. Lo specialista con l'otoscopia non riesce ad individuare esattamente il germe che ha provocato l'otite, ma il colore della secrezione lo aiuta molto nel fare una diagnosi precisa. Il vedere tutto bianco fa perdere un parametro utile per la diagnosi.
Quando vedo secrezioni auricolari molto chiare chiedo ai pazienti se hanno instillato acqua ossigenata nel condotto. Alcuni dicono di sì, altri temono di essere sgridati e dicono di no. E' interessante cercare di capire la psicologia di queste persone. Sono coscienti di aver fatto una sciocchezza, ma non lo vogliono ammettere per non passare per creduloni.
Preciso che l'acqua ossigenata può sbiancare anche i peli presenti all'interno del condotto uditivo. Se lo specialista vede qualche pelo bianco (normalmente i peli sono neri) è evidente che la persona ha fatto uso di perossido di idrogeno.

Tra le malattie più difficili da curare dell'orecchio esterno ci sono quelle sostenute da miceti. Molti miceti appartengono al genere "Candida Albicans" e pertanto si presentano come una secrezione biancastra, spesso simile ad un tappo. Se abbiamo usato una sostanza sbiancante (acqua ossigenata) diventa difficile la diagnosi differenziale tra candidosi e otite esterna batterica. Se avete usato l'acqua ossigenata correte il rischio che lo specialista non riesca a distinguere una otomicosi da una otite comune. In un certo senso lo avete indotto a sbagliare e ad una diagnosi errata conseguirà ovviamente una terapia sbagliata.

Un'ultima considerazione. Gli animali si mettono l'acqua ossigenata nelle orecchie? Non credo proprio. Cosa fanno per la cura delle loro orecchie? Nulla. Con l'eccezione dei cani che hanno le orecchie basse, tutti gli altri animali difficilmente si ammalano di otite e non si puliscono le orecchie.
Fate altrettanto. Quando sentite un prurito irresistibile o lamentate dei fastidi andate da un medico che con l'otoscopio vi guarderà le orecchie e deciderà cosa fare. Dentro ad un condotto si può trovare di tutto. Per esempio un tappo di cerume o una otite o una otomicosi o un corpo estraneo (in un orecchio ne ho trovati due) o un tumore maligno del condotto o una stenosi del condotto o una ipertricosi o un osteoma o qualsiasi altra malattia o .... anche nulla.

Provate ad immaginare una persona che si convinca che per pulirsi le orecchie deve instillare acqua ossigenata. Immaginiamo che dalla sensazione di sottile gorgoglio ricavi un beneficio e aspetti qualche giorno. Continuamo a pensare che la sensazione di orecchio chiuso persita da un lato. La persona continua a insitillare acqua ossigenata tutti i giorni, anche due volte al giorno. Dopo un anno sente ancora l'orecchio chiuso, non ha dolore e vede una goccia di sangue sul cuscino. Si preoccupa e va dal medico. La diagnosi è carcinoma del condotto uditivo. Non è mio costume fare allarmismo, questo è solo un esempio. Tenete presente che avere comportamenti irrazionali può avere conseguenze disastrose. Nello specifico il comportamento irrazionale è curare da soli un problema che non si è in grado di comprendere.

 

otoscopi orecchio visione suono govoni otoneurolaringologoEsempio di set per otoscopia 

 

Quando avete dei fastidi ad un orecchio andate dal medico e chiedetegli di guardarvi l'interno del condotto con l'otoscopio. Una volta molti medici eseguivano lavaggi. Oggi lo fanno in pochi. L'importante è che il vostro medico di fiducia vi dica se vede le vostre orecchie pulite e se vede una membrana timpanica normale. Se l'orecchio contiene cerume e il sanitario non si sente in grado di puliverlo prendete atto. A questo punto dovete fare una cosa sola: andare da uno specialista ... e non chiedere a un motore di ricerca che cosa devo fare.

 

orecchio padiglione suono govoni otoneurolaringologo

 

Non curate mai da soli un problema otologico.
Nella visita medica per l'orecchio è importante guardare,
nessuno è in grado di vedere l'interno del proprio orecchio.

Solo un medico, dopo aver guardato, potrà darvi un consiglio serio.
Non esisterà mai il motore di ricerca che vi dirà cosa dovete fare se avete fastidio ad un orecchio.

 

Per prenotare una visita ORL col dott. Carlo Govoni   tel. 3358040811 
Se vuoi leggere notizie generali su questo sito vai alla pagina di Benvenuto ...

 

Ti ha interessato questo argomento? 

Allora potrebbe anche interessarti anche "che cos'è il cerume?" e "cosa fare per la pulizia auricolare".

 

Intervista al dott. Carlo Govoni condotta da Sara Gelli sul settimanale TEMPO  in tema di otiti e pulizia auricolare

 

Vedi anche: Presenze nel WEB

 

La libera professione in otorinolaringoiatria

 

Carlo Govoni visita ed opera presso il Columbus Clinc Center di Milano e l'Hesperia Hospital di Modena.

 

 .

 

 

152088   200122

 

 

 

 

 

Una domanda che mi sono sentito rivolgere tante volte è: come si puliscono le orecchie? A questa domanda non c’è una risposta univoca. L’importante è sapere che cosa è possibile fare e che cosa non si deve fare.

L’orecchio e in particolare il condotto uditivo esterno è rivestito da cute dove ci sono ghiandole che producono una sostanza molle di colore giallo/bruno che si chiama cerume. Il cerume ha una debole azione battericida, ha quindi una funzione protettiva nei confronti delle infezioni (otiti esterne). Una minima presenza  di cerume nelle orecchie è quindi normale ed è utile.  I problemi avvengono quando il cerume si accumula in gran quantità e il condotto si occlude quasi completamente (vedi figura 1).

condotto uditivo con cerume

Figura 1 – Condotto uditivo con presenza di cerume.
Il cerume in molte occasioni non occlude totalmente il condotto.

 

dove si forma il cerume orecchio esterno

Figura 2 - In questo disegno si vede dove abitualmente si forma il cerume (EARWAX).
Questo si forma circa a metà condotto e spesso non raggiunge la parete superiore del condotto.
Questo spiega perchè il lavaggio auricolare, cioè il passaggio di acqua spinta contro la parete
superiore del condotto uditivo (external acoustic meatus) questa raggiunge la membrana
(tympanic membrane) e poi nell'uscire trascina verso l'esterno il tappo.

 

Occorre stare attenti perché quando si usano i bastoncini auricolari in modo non corretto oppure si usano tappi per proteggersi dal rumore è facilissimo spingere il cerume all’interno e facilitare la formazione del tappo. Una prima cosa da NON FARE è l’uso di bastoncini cotonati.

La presenza di abbondante cerume nelle orecchie determina calo dell’udito (ipoacusia), fastidiosa sensazione di orecchio pieno (fullness) e rimbombo della propria voce. Raramente si arriva al dolore.

Occorre tenere presente che quello che avverte il paziente è il fastidio determinato dall’orecchio chiuso, ma non sempre la sensazione di orecchio chiuso coincide col tappo di cerume. Alcune situazioni molto frequenti sono la perdita di udito per una malattia dell’orecchio o il tappo prodotto da un fungo (otomicosi).

Lo specialista otorinolaringoiatra nel corso della visita si accorge se l’ipoacusia non è dovuta al tappo di cerume. E’ sufficiente osservare l’orecchio con l’otoscopio e in condizioni normali si deve vedere la membrana timpanica come in figura 3.

condotto uditivo normale

Figura 3 – Membrana timpanica normale.
Ecco quello che un medico vede con l'otoscopio quando non c’è cerume.
L’ossicino centrale ben visibile nella figura è il martello.

 

In questi casi saranno necessari altri esami (i primi sono le prove audiometriche e l’impedenzometria) che permetteranno di definire la diagnosi. In altri casi si vede un tappo di materiale strano e maleodorante, spesso di colore  biancastro. Questo è il tappo micotico. La terapia è solo specialistica e l’otomicosi è una malattia difficile da curare anche per un bravo otorinolaringoiatra. La fine dell’estate e l’autunno sono le stagioni dove è più facile vedere micosi dell’orecchio. Il bagno in mare, nel lago o in piscina sono spesso fonte di infezione micotica.

E’ evidente che la rimozione di un tappo di cerume non è cosa semplice. Molti pensano che instillarsi nelle orecchie acqua ossigenata oppure acqua tiepida con una peretta sia una buona regola. Nulla di più falso. La prima regola per capire che cosa c’è in un orecchio è fare una otoscopia, cioè guardare dentro l’orecchio.  Il secondo consiglio fondamentale è: PRIMA DI FARE QUALSIASI MANOVRA NELL’ORECCHIO BISOGNA GUARDARE DENTRO NEL CONDOTTO UDITIVO. E’ evidente che nemmeno una persona esperta può far qualcosa per le proprie orecchie, deve necessariamente farsele vedere da un altro medico.

L’otoscopia è una manovra specialistica complessa, si sono scritti parecchi libri su questo argomento, però nelle sue linee essenziali è alla portata di molti medici. Quindi è importante che un medico guardi l’interno dell’orecchio. Questo può essere fatto anche dal medico di famiglia. Se il vostro medico non vi guarda le orecchie oppure manifesta dubbi interpretativi è bene andare periodicamente da uno specialista. Non esiste una periodicità valida per tutti. Nei bambini e negli adulti asintomatici suggerisco un controllo ogni 3 o 4 anni. Se c’è tendenza a formare cerume il controllo andrebbe fatto più spesso: ogni uno o due anni. Nelle persone con età superiore a 70 anni consiglio un controllo annuale, perché il tenere pulite le orecchie consente un ascolto migliore, ma anche perché si instaurano processi regressivi dell’udito che è bene tenere sotto controllo (presbiacusia).  

Quale sia la tecnica migliore per togliere un tappo non la si conosce. Ogni specialista ha le sue tecniche preferenziali. L’importante è che lo specialista adatti la tecnica al problema che ha di fronte. Molto usato è il lavaggio auricolare, però si usa anche l’estrazione con aspiratore o con l’uncino, o con apposite curette.

Vediamo ora cosa è bene NON FARE.

Abbiamo già sconsigliato l’uso dei bastoncini auricolari perché si comprime il cerume all’interno.
Altre manovre strane sono instillare olio tiepido, oppure lavarsi i condotti uditivi con la doccetta del bagno. Tutte azioni non propriamente dannose, ma che spesso non portano ad alcun risultato. Non raggiungere risultati di per sè non è un danno, però si perde del tempo.

Esistono dei comportamenti, a volte obbligati, che facilitano la formazione dei tappi di cerume. Il portare un apparecchio acustico è tra le manovre che facilitano la formazione di un tappo. Anche l’uso di tappi insonorizzanti (detti anche otoprotettori - figura 4) per coloro che lavorano con strumenti rumorosi facilita la formazione dei tappi di cerume.

otoprotettori govoni pixabayFigura 4 - Una coppia di otoprotettori nella loro scatola.
La scatola è importante perché consente di mantenerli
puliti, in quanto devono essere spesso disinfettati.

 

Passo ora ad illustrare quei casi piuttosto rari dove alcune persone pensano che ci sia un tappo perché sentono poco e sperano in una rapida soluzione con gocce otologiche o con un lavaggio.

Esistono delle anomalie del condotto uditivo come il restringimento del condotto (stenosi) o gli osteomi del condotto (vedi figura 5). Questi sono dei restringimenti anomali che facilitano la formazione del tappo. E’ importante la visita specialistica perché oltre alla pulizia del condotto si ricevono preziosi consigli per prevenire questi accumuli di cerume. In alcuni casi è anche indicato uno specifico intervento chirurgico denominato canalplastica.

osteomi condotto

Figura 5 – Condotto uditivo che presenta due osteomi del condotto (o esostosi)
che ne restringono il lume e ne alterano la morfologia.

 

Altra situazione difficile è il l’otite esterna acuta, dove le pareti del condotto sono gonfie e si fa fatica ad introdurre l’otoscopio. La chiusura del condotto è determinata dall’edema che gonfia le sue pareti. Molte volte non c’è cerume. La terapia è antibiotica, pertanto solo un medico può affrontare correttamente queste patologie.

Una eventualità rara che colpisce soprattutto le persone di età media o avanzata è l’ipoacusia improvvisa. Il paziente pensa di avere un tappo, molte volte ha già provato degli autolavaggi o si è messo dei coni di cera nelle orecchie (altro prodotto da NON USARE) e non ha ottenuto alcun risultato. In questi casi l’orecchio esterno è perfetto, il problema è un danno vascolare o un virus che ha colpito la coclea. Si tratta di una piccola trombosi del microcircolo cocleare, patologia estremamente seria e di esclusiva competenza specialistica. L’ipoacusia improvvisa è una vera urgenza otorinolaringoiatrica perché le possibilità di guarigione sono alte se si interviene nella prima settimana, sono molto scarse se si interviene dopo un mese.

Altra situazione rara è il corpo estraneo nel condotto uditivo. Non è infrequente nei bambini. Qui l’otoscopia è fondamentale e l’estrazione è spesso una manovra complessa che solo uno specialista è in grado di eseguire.

Cosa fare per prevenire il tappo di cerume?

Come ho detto la sua produzione è un fatto naturale e non può essere contrastata. L’importante è utilizzare prodotti che rendano il cerume fluido in modo che quando facciamo una doccia o una nuotata ne possiamo perdere piccole quantità. In questo modo il tappo non si forma o si forma molto più lentamente. Le gocce più usate contengono  Il vostro farmacista di fiducia saprà consigliarvi al meglio.

Ritengo importante che il lettore comprenda che dietro alla sensazione di orecchio chiuso c’è il tappo di cerume solo in alcune occasioni. Molte volte si trovano malattie diverse, alcune anche gravi, che se trattate tempestivamente si possono risolvere. Il corpo umano nasconde spesso delle insidie e le persone devono tener presente questo concetto affrontando razionalmente ogni problema. Non è razionale affidarsi al consiglio di un amico. Tenete presente che i farmacisti ed i medici lavorano per darvi un aiuto. Soprattutto è importante prendere atto che la pulizia delle orecchie non può essere fatta da soli. E' indispensabile che una persona competente guardi le vostre orecchie.

 

Questo articolo è stato pubblicato sul numero 8 della rivista DIAGNOSI E TERAPIA, anno 2016, pagine 18, 19 e 20.

2016 8 come pulire orecchie DET

2016 8 pag18

2016 8 pag19

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

- Una cosa da NON fare: mettere acqua ossigenata per pulirsi le orecchie

 

- La protesizzazione acustica 

 

- Impianto cocleare, una realtà per sconfiggere la sordità profonda.

 

Bilancio audiologico

 

- Argomenti di otoneurolaringologia - la percezione sonora

 

 .

 

La salute mentale è un bene che sovrasta tutti gli altri e il 26 ottobre 2016 c'è stato un interessante dibattito tra neurologi e psicoanalisti presso l'Auditorioum Loira di Carpi.

Lo slogan di questo incontro è molto preciso: "Non c'è salute senza salute mentale". L'argomento è di massimo interesse perché tutto il nostro organismo è finalizzato a mantenere vitale ed efficiente il nostro cervello.

 

encefalo laterale risonanza carlo govoni otorino

Il cervello è un organo che per molti aspetti è ancora sconosciuto. E' costituito da circa dieci miliardi di neuroni. Il neurone è la cellula nervosa e ciascuna ha diecimila connessioni con altri neuroni. Il cervello è quindi l'organo dove al suo interno c'è una importante attività elettrica ed uno scambio continuo di informazioni e segnali.  

Una delle domande che più spesso viene rivolta agli otorinolaringoiatri è: cosa si deve fare per lavarsi bene le orecchie?

Innanzitutto cerchiamo di capire perchè le orecchie si sporcano. Nella pelle che riveste i condotti uditivi sono presenti delle ghiandole che producono cerume. E' questa una sostanza naturale e, contrariamente a quello che molti pensano, è utile perchè ha un debole potere battericida. Pertanto ci difende dalle lievi infezioni dell'orecchio. Il cerume spesso si compatta nei condotti e forma un ammasso consistente denominato tappo di cerume. Provoca fastidio, sensazione di orecchio chiuso (fullness) e rimbombo della propria voce (autofonia). Il tappo si forma per motivi naturali, ma a volte il comportamento di alcune persone ne favorisce la sua formazione. Desidero qui elencare le situazioni che facilitano la formazione di tappi.

 

Il poliambulatorio privato Città di Carpi è un centro polispecialistico all'avanguardia per le dotazioni strumentali e i medici che vi operano ed è situato tra le province di Modena e Reggio Emilia. Questo centro offre una assistenza sanitaria ambulatoriale completa, cioè sono presenti tutte le più importanti attività specialistiche. Presso questa struttura opera anche il dott. Carlo Govoni, specialista in otorinolaringoiatria.

Il centro (oggi CENTRO DI MEDICINA - CITTA' di CARPI) si trova in via Ivano Martinelli, 8, nella frazione di Fossoli, nel comune di Carpi (MO). Dal centro di Carpi si percorre la strada provinciale 413 in direzione Novi di Modena, Moglia (Mantova). Fossoli è la prima frazione che si incontra e l'ambulatorio è a pochi metri dalla strada provinciale.

carpi poliambulatorio citta otorino ottorino govoni carloIngresso del Centro di Medicina - Poliambulatorio Città di Carpi
Via Ivano Martinelli - 8 - località Fossoli - Carpi (prov. Modena)

 centro di medicina citta di carpi otorino govoni

 

 

Presso questo centro il dott. Carlo Govoni esegue tutte le principali attività ambulatoriali di carattere otorinolaringoiatrico. In particolare visite specialistiche otorinolarinogoiatriche per adulti e bambini (anche neonati). Esami audiometrici, otoscopie, rinofibroscopie e laringofibroscopie, esami vestibolari e cocleo-vestibolari (esame clinico della funzionalità vestibolare), prove per la funzionalità olfattiva (olfattometrie).

Le visite e gli esami sono erogati esclusivamente a carattere privato. Non è necessaria l'impegnativa del medico di base. Si eseguono anche visite ed esami in convenzione con le più importanti assicurazioni private con le quali il Centro di Medicina è convenzionato.

Per prenotare una visita otorinolaringoiatrica col dott. Carlo Govoni
telefonare al  3358040811

 

centro di medicina citta di carpi lineare orl carlo govoni

 

La località Fossoli di Carpi, dove è situato il poliambulatorio, si raggiunge facilmente con la strada provinciale n. 413. Per chi viene da più lontano si consiglia l'autostrada A22 (Modena - Brennero) uscita Carpi, oppure uscita Reggiolo / Rolo.  Carpi è facilmente raggiungibile da Correggio (Reggio Emilia), dalle località del modenese interessate dal terremoto del 29 maggio 2012 come Medolla, Cavezzo, Mirandola, Concordia sulla Secchia. Carpi è anche facilmente raggiungibile dalle località mantovane della destra del Po come Pegognaga, Moglia, San Benedetto Po e Poggio Rusco.

carpi fossoli poliambulatorio incrocio prov 413 chiesaSe arrivate a Fossoli e siete partiti da Reggio Emilia o da Modena o dal centro di Carpi troverete questo incrocio.
La grande costruzione a sinistra, in mattoni, è la chiesa dedicata alla Nascita della Beta Vergine.
Sulla strada c'è un semaforo e a destra  c'è il Centro di Medicina - Poliambulatorio Città di Carpi.
La laterale di destra è via Ivano Martinelli e il Centro si trova al numero civico 8.

 

migliore parcheggio esperienza qualit govoni carlo esperto otorino bambini

 

  Raggiunto il Centro, si parcheggia facilmente in via Ivano Martilelli, davanti all'ingresso del Poliambulatorio Città di Carpi ed anche nella via Aguzzoli, adiacente il centro.

 

Carpi è un centro industriale molto importante. E' noto agli sportivi per aver visto crescere Dorando Pietri (1885 - 1942), vincitore morale della maratona di Londra del 1908. Dorando arrivò per primo, ma negli ultimi dieci minuti di gara cadde più volte e venne aiutato a rialzarsi, per questi aiuti ricevuti venne squalificato.

 

carpi modena dorando petri correre corsa piedi govoniLa statua in ricordo di Pietri si trova a Carpi (Modena)
nella rotonda tra via Ugo da Carpi e via Cattani 

 

Questa statua è molto apprezzata da Carlo Govoni, vestibologo ed otoneurologo, perché nella corsa a piedi l'equilibrio del corpo è importantissimo. La persona che corre sta sempre in posizione eretta su un piede solo. Nel centro poliambulatorio Città di Carpi è possibile ottenere visite specialistiche finalizzate allo studio di tutte le forme di vertigine e di disequilibrio. Una buona stabilità è importante per gli anziani, ma anche i giovani, soprattutto per coloro che fanno attività sportiva, è possibile ottenere miglioramenti nelle attività come la corsa, dove una postura perfettamente equilibrata è fondamentale per ottenere le migliori prestazioni.

 

 Se volete leggere informazioni generali su questo sito andate alla pagina di BENVENUTO

 

Studio medico a Reggio nell'Emilia in via Ruggero Ruggeri, 9

 

.

 

.

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

Eccellenze Italiane

COLUMBUS CLINIC CENTER è una prestigiosa casa di cura privata di Milano. Si trova in via Michelangelo Buonarroti, 48 - zona CITY-LIFE. Qui il dott. Carlo Govoni esegue visite specialistiche e interventi chirurgici. Il Centro è convenzionato con le più importanti assicurazioni private.

milano columbus clinic center aree cliniche

Per prenotare una visita col dott. Carlo Govoni nei giorni o negli orari in cui l'ufficio prenotazioni è chiuso potete chiamare 3358040811   NO SMS

 

 

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
Potete trovare articoli scritti da Carlo Govoni

diagnosi e terapia rivista

 

www det.it  category/articoli/otorinolaringoiatria/

 

INTERVISTA  a
Carlo Govoni

tempo logo carpi modena govoni otorino

Sul settimanale on-line e su carta
del 07/02/2024 c'è un articolo 
Orecchio, previeni 'tappi' e otiti

Carlo Govoni è stato intervistato da Sara Gelli.

tempo logo carpi modena govoni ottorinolaringoiatra

a MILANO

Visite di otorinolaringoiatria
dott. Carlo Govoni

milano corso magenta madonna grazie cdl otorino


CENTRO MEDICO COL DI LANA
MILANO  corso Magenta, 64

per un appuntamento
by appointment
tel. 3358040811

milano corso magenta centro medico ottimo otorino

 

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefonare dal lunedì al venerdì
preferibilmente dalle 10:00 alle 12:00
3358040811  NO SMS

centralinista ascolto voce cuffia musica lavoro esame audiologia govoni otoneurolaringologia

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
from Monday to Friday
from 10:00 to 12:00

call calling cell cellphone 41541 modi

Pour prendre un rendez-vous
avec Docteur Carlo Govoni

(+39) 3358040811
du lundi au vendredi
de 10:00 à 12:00

  CORSI di RIABILITAZIONE
VESTIBOLARE
una possibilità di guarire
dalle vertigini senza
usare farmaci

equilibriste vertigine equilibrio carlo govoni esame vestibolare

a Reggio Emilia in via
Beniamino Gigli, 7 presso

Bianalisi
Medical  Center

0522282828
3892497660 

percorsi quadrato triangolo cerchio medical center riabilitazione vestibolare govoni otorinolaringoiatra

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro ad abbassamenti della voce e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico. Il medico specialista più competente ad affrontare problemi nella emissione della voce è l'otorinolaringoiatra. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età...
Letto da 12138 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le malattie di cui si occupa un otorinolaringoiatra sono numerose. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare...
Letto da 33909 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Con la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore oppure rinofibroscopia se eseguita con fibre ottiche) e la laringe (laringoscopia indiretta oppure...
Letto da 86750 visitatori
biopsia-prelievoLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 75257 visitatori
impedenzometriaL'impedenzometria o esame impedenzometrico serve per studiare la motilità della membrana timpanica e altre funzioni uditive in modo oggettivo. Per valutazione oggettiva si intende un esame eseguito completamente da una macchina, senza la necessità della collaborazione del paziente. L'esame impedenzometrico è una metodica strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Proprio perché...
Letto da 70502 visitatori
visita-specialistica-domicilio-pazienteQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 28094 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è in gran parte erogata dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività,...
Letto da 6640 visitatori
crenoterapiaLe cure inalatorie sono trattamenti benefici dove l'acqua termale per effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace medicamento naturale specifico per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e anche per alcune forme di otite.  Le più importanti terapie termali nel distretto orecchio naso e gola...
Letto da 17457 visitatori
esame-vestibolare-visita-vestibologicaLa visita vestibologica è quella visita che comprende l'esame vestibolare o esame otovestibolare ed è finalizzata a curare i soggetti affetti da vertigine. La vertigine è l'alterazione del senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma è anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto...
Letto da 87378 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com