NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Per Apparato Uditivo Centrale si intendono le vie nervose centrali, i nuclei per l'elaborazione dei messaggi sonori e la loro successiva elaborazione, percezione e memorizzazione a livello corticale.
Ricordo che il suono inteso come onde di rarefazione e compressione del mezzo è stato trasformato in segnale elettrico dalla coclea (n.1 della figura). A livello di coclea avviene la trasduzione meccano-elettrica, cioè la trasformazione del suono in un segnalle elettrico. Questo segnale percorre le fibre del nervo cocleare (VIII° nervo cranico - n. 2 nella figura). Quando si parla di apparato uditivo centrale non dobbiamo più pensare ad un suono come onda sonora (vedi che cos'è un suono?) ma il suono è solo un segnale elettrico.

Il nervo cocleare si forma all'interno della coclea, percorre il condotto uditivo interno ed esce dall'osso temporale attraverso questo condotto. Attraversa l'angolo ponto-cerebellare e penetra nel ponte (ponte di Varolio - parte del tronco encefalico). All'interno del nostro cervello le fibre raggiungono i nuclei cocleari. Le fibre nervose provenienti da un orecchio (per esempio il destro) si portano ad entrambi i nuclei cocleari (n. 3 nella figura). Avviene un fenomeno importante: il meccanismo di fusione del messaggio sonoro (detto anche fusione binaurale). Noi ascoltiamo i suoni con entrambe le orecchie e le percezioni sonore avvengono separatamente, però al nostro cervello giunge un solo suono, proprio grazie a questo meccanismo di fusione.
Ogni nucleo cocleare si divide in due parti: nucleo cocleare ventrale e nucleo cocleare dorsale.

sordita schema via uditiva carlo govoni otorino

Sempre nel ponte si trova il complesso olivare superiore. Anche qui i complessi olivari sono due per ciascun lato: laterale e mediale. Interessante è l'azione del complesso olivare laterale che è in grado di percepire i diversi caratteri del suono, soprattutto la differenza d'intensità. Analaogo interesse riveste il complesso olivare mediale che è in grado di analizzare le differenze temporali con cui il suono ha raggiunto le due orecchie. Grazie a queste due azioni il nostro cervello è in grado di localizzare la provenienza di un suono.
Ipotizziamo che un suono venga da destra, questo raggiunge prima l'orecchio destro e poi il sinistro (analisi temporale svolta dal complesso olivare superiore mediale). Inoltre le onde sonore a destra saranno un poco più intense rispetto a quelle che raggiungono l'orecchio sinistro, questo perchè l'orecchio sinistro risente dell'azione mascherante della testa. Questa differenza d'intensità viene analizzata dal complesso olivare superiore laterale.
La capacità di localizzare la provenienza di un suono è una delle funzioni principali dell'ascolto binaurale.

A questo punto il segnale elettrico sonoro percorre la via del lemnisco laterale. Queste vie sono ben distinte in destra e sinistra e non ci sono fibre di interconnessione. I lemnischi arrivano al collicolo inferiore. I collicoli sono quattro, i due superiori servono per integrare le informazioni visive, mentre gli inferiori (destro e sinistro) hanno la funzione di integrare le informazioni provenienti dal nucleo cocleare dorsale e dal complesso olivare.

Dal collicolo inferiore le fibre che trasportano le informazioni sonore arrivano al talamo. Il talamo è un importante centro nervoso per le vie sensitive. Dal talamo partono fibre per attivare la corteccia cerebrale, inoltre questo organo svolge una funzione associativa tra diverse aere della corteccia cerebrale. La sensibilità acustica dal collicolo inferiore raggiunge il corpo genicolato mediale. Quest'ultimo è un nucleo che si trova nella parte posteriore del talamo. Ricordo l'esistenza del corpo genicolato laterale il quale ha funzioni visive. 

Dai corpi genicolati mediali partono le fibre nervose che raggiungono la corteccia uditiva. Viene chiamata corteccia uditiva primaria la zona dove arrivano direttamente i segnali elettrici provenienti dall'apparato uditivo. Brodmann ha suddiviso le varie zone della corteccia cerebrale in aree, quelle che ricevono i segnali acustici sono le aree 41 e 42 di Brodmann (indicate col n. 4 nella figura).

Nelle aree 41 e 42 arrivano le sensazioni acustiche dopo un lungo percorso e dopo essere state trasformate in segnali elettrici dalla coclea.

 

 

Argomenti correlati
  La percezione uditiva 
  Cervello e mente
  L'ascolto con entrambe le orecchie 
 
L'invecchiamento dell'apparato uditivo

  L'impianto cocleare: un dispositivo per la stimolazione elettrica del nervo acustico

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2155 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 25617 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 21528 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 96202 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 25035 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 22428 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 72376 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 52365 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 30374 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com