NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Gli apparecchi acustici presenti in commercio una volta erano tutti analogici, ora sono in maggioranza digitali.

Protesi acustiche analogiche. 
Sono le prime protesi acustiche immesse sul mercato. Queste protesi si caratterizzano per un microfono che raccoglie il suono e lo trasforma in un segnale elettrico. Il suono è un onda di compressione e di rarefazione dell'aria e il microfono trasforma le variazioni di pressione in variazioni di tensione elettrica. La corrente elettrica viene poi amplificata e può subire anche altre trasformazioni ad opera di componenti elettronici dell'apparecchio. Il segnale così trasformato viene inviato ad un ricevitore (o altoparlante) che lo ritrasforma in suono, percepibile dall'orecchio umano. L'altoparlante esegue un'azione contraria rispetto a quella del microfono. Questo sistema di amplificazione è valido, sono state realizzate in questo modo praticamente tutte le protesi del XX° secolo. I problemi sono determinati dal fatto che nella trasformazione del suono in segnale elettrico, nella sua elaborazione e nella sua ritrasformazione in suono ci sono delle interferenze e il suono amplificato non è l'esatta amplificazione del suono d'ingresso. Occorre anche tenere presente che i sistemi di amplificazione e di compressione dei suoni di tipo elettronico producono delle minime distorsioni e possono anche interferire tra loro. Si suol dire che l'apparecchio acustico analogico è un sistema di amplificazione sonora a bassa fedeltà. Uno dei difetti principali degli apparecchi analogici è la scarsa personalizzazione nell'emissione del suono.

protesi acustica retroauricolare orecchio govoni otorino otoneurolaringologia

Protesi acustiche digitali.
Sono queste le protesi più recenti immesse sul mercato. Il microfono raccoglie il suono e lo trasfroma in un codice binario ( 0 - 1 ). Il messaggio così trasformato viene amplificato ed elaborato da un microprocessore. Il vantaggio è costituito da una migliore robustezza del segnale ed una migliore elaborazione del suono. Il microprocessore può essere programmato con algoritmi molto complessi e molto utili per l'adattamento del segnale amplificato ad ogni singolo individuo. Nei sistemi digitali anche la riconversione del segnale da digitale a sonoro è migliore e pertanto il risultato finale è preferibile.
Inoltre le protesi digitali, proprio grazie ad algoritmi specifici permettono una migliore personalizzazione dell'amplificazione, soprattutto sono in grado di venire modificate in rapporto all'eventuale peggioramento uditivo del paziente. Ricordiamo che ogni forma di ipoacusia è diversa da un'altra. Le ipoacusie che si protesizzano più spesso sono quelle legate all'invecchiamento (presbiacusie) e pertanto tutte le persone invecchiano in modo diverso. Innanzitutto la presenza più o meno accentuata di una componente trasmissiva costituisce una differenza sostanziale. Si ricorda che le ipoacusie di trasmissione si possono protesizzare con amplificazioni lineari ed è quindi più facile ottenere buoni risultati. 
Per molte forme di ipoacusia dell'anziano è necessario utilizzare amplificazioni non lineari. In questi casi la protesi digitale si rivela tecnicamente superiore a quella analogica. 

L'evoluzione delle protesi acustiche è continua, oggi molte protesi hanno un sistema di multimicrofoni che permettono di captare molti suoni. Questo sistema è spesso associato ad un dispositivo che riduce il rumore ambientale. Questo perchè la protesi acustica, come tutto l'apparato uditivo, deve servire soprattutto per sentire la voce umana e non i rumori ambientali.

 

protesi acustica retroauricolare chiocciola batteria govoni orecchio otite

 

Ti potrebbe interessare anche:

Bilancio audiometrico
Otoneurolaringologia - Neuroscienze - la percezione sonora 
Ipoacusie nell'infanzia 

- Inquinamento acustico

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3960 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 27500 visitatori
consulenze-otorinoLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili. In queste righe farò riferimento soprattutto alla Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' questa che vede più spesso le persone interessate. Le situazioni più frequenti sono gli incidenti stradali e non, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono...
Letto da 20489 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 12875 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 26911 visitatori
chirurgia-oncologicaSi espongono le caratteristiche generali della chirurgia dei tumori maligni o chirurgia oncologica, ovviamente limitata ai tumori di competenza otorinolaringoiatrica.I pazienti affetti da tumore maligno sono sempre pazienti molto complessi e richiedono attenzioni particolari, sia per gli aspetti psicologici e sia per le difficoltà tecniche. Il vero problema è che la patologia neoplastica spesso non si risolve con il solo intervento...
Letto da 16709 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 58045 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 23863 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 71217 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com