NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Si parla molto di protesi acustiche, alcuni dicono che non servono a nulla, altri non possono farne a meno: vediamo in cinque punti che cosa sono realmente e quali risultati si possono ottenere con una protesi acustica.

1 - Generalità sulle protesi acustiche.
2 - Protesi retroauricolari - BTE.
3 - Protesi endoauricolari - ITE.
4 - Protesi da inserire completamente nel canale uditivo - CIC 
5 - Protesi incorporate negli occhiali. 

1 - Generalità sulle protesi acustiche.
La protesi acustica è un presidio medico oggetto di molte discussioni. 
Vediamo subito: che cos'è una protesi acustica? Si tratta di un dispositivo formato da un microfono, un amplificatore e un ricevitore o altoparlante.
Oggi esistono in commercio due tipi di apparecchi: analogici e digitali. 
Il microfono di un apparecchio analogico trasforma i suoni in un segnale elettrico, li invia all'amplificatore che aumenta l'intensità e poi la corrente elettrica amplificata viene trasformata nuovamente in suono dall'altoparlante.
Da diversi anni si sono diffusi gli apparecchi digitali dove il suono viene trasformato dal microfono in un codice binario ( 0 - 1 ). Il suono così trasformato viene elaborato da un microprocessore che l'amplifica in intensità e poi viene ritrasformato in segnale acustico per mezzo di uno specifico altoparlante.
Le differenze tra tecnologia analogica e digitale sono parecchie. Con i modelli digitali si riesce ad elaborare il suono con minime interferenze. Questo vantaggio qualitativo è importante per una migliore fedeltà sonora e per una maggiore tollerabilità degli apparecchi acustici da parte di chi li deve utilizzare. Ovviamente per fare queste azioni tutti gli apparecchi necessitano di energia, questa è fornita da apposite batterie.

2 - Protesi retroauricolari - BTE, ovvero behind-the-ear. Sono gli apparecchi più diffusi. Si caratterizzano per un corpo che sta dietro al padiglione auricolare, per una sua porzione ricurva ("curvetta") che si continua con un sottile tubicino trasparente, di materiale plastico, che si continua con la chiocciola. Quest'ultima s'inserisce nel condotto uditivo. Il microfono si trova nella parte superiore dell'apparecchio. Sono dispositivi leggeri e ben miniaturizzati, ma non così eccessivamente come i due modelli che descriveremo dopo (ITE e CIC). La non eccessiva miniaturizzazione comporta dei vantaggi sul piano tecnico, in quanto è possibile distanziare bene i componenti e quindi evitare interferenze. L'interferenza peggiore che può presentare un apparecchio acustico è l'effetto Larsen, cioè il ripresentarsi del suono amplificato al microfono e questo comporta una ulteriore amplificazione che sfocia in un fischio estremamente fastidioso. Nella fotografia si vede una protesi retroauricolare di vecchio tipo, le moderne protesi mantengono la stessa morfologia, ma sono più piccole. I tubicini sono più sottili e le chiocchiole sono anch'esse ridotte di dimensioni e più leggere.

protesi acustica retroauricolare migliorare udito

Nella fotografia un esempio di moderna protesi acustica di tipo retroauricolare.
Si vede a sinistra il corpo dell'apparecchio, poi il tubicino di raccordo molto sottile, praticamente invisibile,
che termina con la chiocciola, molto piccola e leggera.

3 - Protesi endoauricolari - ITE ovvero in-the-ear. Sono apparecchi molto piccoli che alloggiano nel condotto uditivo esterno e sporgono leggermente nella concha auris. Hanno il vantaggio di sfruttare l'effetto conca del padiglione auricolare e quindi portano ad un ascolto più fisiologico. Sono anche poco visibili e pertanto ben accettati da molti utenti.

4 - Protesi da inserire completamente nel canale uditivo - CIC ovvero completely-in-the-canal. Sono le protesi più piccole presenti sul mercato, vengono anche indicate come protesi invisibili, in quanto sono contenute nel condotto uditivo. Sono indicate solo per sordità lievi.

5 - Protesi ad occhiale. Queste protesi possono essere di due tipi: per via aerea e per via ossea.
Una protesi ad occhiale per via aerea non è altro che una protesi retroauricolare dove tutti i componenti sono contenuti nella stanghetta dell'occhiale. Dalla stanghetta si stacca il tubicino per la chiocciola, quest'ultima si deve collocare nel condotto uditivo esterno esattamente come si deve fare per la protesi retroauricolare. I vantaggi sono praticamente gli stessi di quelli di una protesi retroauricolare.
Protesi ad occhiale per via ossea. E' questa una protesi molto diversa dalle altre che sono state descritte. L'altoparlante è sostituito da un vibratore per via ossea. Queste protesi sfruttano la forma dell'occhiale che diventa una specie di molla per comprimere i vibratori contro le mastoidi. Le protesi per via ossea sono indicate per tutti coloro che soffrono per otiti croniche, soprattutto secretive e hanno ipoacusie trasmissive.

o o o o O o o o o

In un altro paragrafo è stato descritto quando una protesi acustica può migliorare l'udito.

Esistono anche altri tipi di ausili per migliorare l'udito, molto diversi da quelli qui descritti, come le protesi impiantabili. Le protesi impiantabili aprono nuovi orizzonti alla lotta contro la sordità. Uno dei mezzi più efficaci sono gli impianti cocleari.

Ti potrebbe interessare anche:

Come è fatto un apparecchio acustico

La protesi acustica fissa sull'osso: BAHA

La sordità infantile edizioni scientifiche Oppici - un libro di Carlo Govoni

Corso avanzato sugli impianti cocleari presso il G.B. Mangioni Hospital di Lecco (LC)

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3337 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26836 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 13110 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 100163 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 56812 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 26341 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 49195 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 74238 visitatori
visita-specialistica-domicilio-paziente-govoniQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 19413 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com