NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

La chirurgia della vertigine è indicata esclusivamente nelle vertigini periferiche. Nonostante sia molto diffusa la patologia vestibolare i pazienti che possono beneficiare di un trattamento chirugico sono molto pochi.
Questa chirurgia si divide in due gruppi di interventi: interventi funzionali e interventi distruttivi.
Per interventi funzionali s'intendono quelli che conservano la funzione uditiva. Appartengono a questo gruppo gli interventi sul sacco endolinfatico e gli interventi di neurectomia vestibolare selettiva.
Per interventi distruttivi (o demolitivi) s'intendono quegli interventi che distruggono la funzione uditiva.

Interventi funzionali
Questi atti chirurgici a loro volta si dividono in due gruppi: 1) interventi che hanno lo scopo di ridurre l'idrope endolinfatico, quindi idonei ad influire sul meccanismo patogenetico della malattia di Ménière e 2) interventi che hanno l'obiettivo di deafferentare i centri nervosi del labirinto (neurotomie e neurectomie vestibolari selettive).
Gli atti chirurgici del primo gruppo sono gli
interventi sul sacco endolinfatico e, per la loro peculiarità, sono stati affontati in un altro articolo in questo sito: sezione orecchio.
Gli interventi del secondo gruppo sono affrontati qui di seguito.
L'orientamento è quello di riservare la chirurgia del sacco endolinfatico alle forme di Ménière in fase iniziale e preferire le neurectomie alle forme conclamate.
In tutti i tipi di interventi funzionali esiste sempre il rischio di danneggiare l'udito, comportando una anacusia. Questo rischio nelle varie statistiche non supera il 3% dei casi trattati. Questi interventi sono controindicati quando l'orecchio controlaterale è anacusico o fortemente ipoacusico. Inoltre si tende ad sconsigliare l'intervento in quei rari casi in cui si dovrebbe operare l'orecchio con udito migliore.

Neurectomia selettiva del nervo ampollare posteriore (o singulare)
Si tratta di un intervento di neurectomia o neurotomia di un ramo del nervo vestibolare, il nervo ampollare posteriore (detto anche nervo singulare). L'intervento è stato proposto per la prima volta da R.R. Gacek nel 1978. L'intervento si esegue per via canalare ed espone il pazienti a lesioni dell'ampolla e del vestibolo con conseguente ipoacusia neurosensoriale. 

vestibolo labirinto risonanza magnetica nucleare encefalo

Risonanza Magnetica Nucleare: 1 canale semicircolare laterale; 2 giro basale coclea;
3 nervi vestibolo-cocleare e facciale; 4 canale semicircolare superiore; 5 ponte

 

Per comprendere dove si trova il nervo vestibolare (3) ho messo l'immagine visibile con Risonanza Magnetica. Si vede che il nervo decorre più al centro della testa rispetto a labirinto (canali semicircolari) e coclea.

Neurotomia e neurectomia vestibolare selettiva
La differenza tra neurotomia e neurectomia è minima. Nel primo caso si esegue la sezione del nervo vestibolare. Nel secondo caso si rimuove un piccolo tratto di nervo. Quest'ultima è la tecnica più usata e dà maggiori garanzie per una deafferentazione completa.
Le vie d'accesso otoneurochirurgiche funzionali al nervo vestibolare sono tre: la via della fossa cranica media, la via retrolabirintica e la via retrosigmoidea.
La via della fossa cranica media prevede un'apertura dell'osso temporale al di sopra dell'orecchio e lo spatolamento del lobo temporale dell'encefalo. Questa via è stata praticamente abbandonata.

La via retrolabirintica è una via transmastoidea, quindi una via d'accesso molto utilizzata dagli otorinolaringoiatri. Presenta il vantaggio di poter eseguire con un unico intervento anche una decompressione del sacco endolinfatico o eventuali altre manovre sul sacco. Ha lo svantaggio di non permettere una buona esposizione del condotto uditivo interno, in particolare del fondo.

La via retrosigmoidea è una miniaturizzazione della via sub-occipitale. Quest'ultima è la via d'accesso classica utilizzata dai neurochirurghi. La craniotomia ha forma ovalare, circa cm. 3 x 2. I limiti sono il margine posteriore della mastoide e il seno sigmoide. Dopo l'esposizione e l'apertura della dura madre l'intervento prosegue al microscopio operatorio. Si divarica con cautela il cervelletto e si raggiunge l'angolo ponto-cerebellare. Il pacchetto acustico facciale decorre nell'angolo da mediale a laterale. Spesso è accompagnato da un'ansa dell'arteria cerebellare anteriore inferiore (a.i.c.a.). Da questa arteria prende origine l'arteria uditiva interna. Le altre formazioni nervose importanti sono anteriormente (nella posizione chirurgica verso l'alto) il nervo trigemino (V) e posteriormente i nervi misti: nervo glossofaringeo (IX), nervo vago (X) e nervo accessorio (XI).
Interessanti sono gli interventi che si possono eseguire sul nervo ottavo (VIII). In caso di vertigine l'intervento più indicato è la neurocetomia vestibolare selettiva. Occorre con un opportuno scollatore separare il nervo vestibolare dal cocleare. Normalmente non è un intervento facile ma se si cerca di separare le fibre in prossimità del poro acustico interno è un poco più semplice. Si deve necessariamente isolare il nervo faciale (VII) e separare vestibolare da cocleare. Il vestibolare si trova, nella posizione chirurgica, rivolto verso l'alto. La sezione del nervo avviene con microforbici. 

Esistono anche tecniche distruttive per la deafferentazione cocleo-vestibolare, sempre finalizzate a guarire dalle vertigini particolarmente gravi. Per questi interventi si rimanda ad uno specifico articolo.

La sezione di un nervo vestibolare comporta modifiche sostanziali a livello centrale. Il cervello è abituato ad eseguire un'analisi delle afferenze provenienti dai due labirinti e sulla base di queste informazioni permette all'uomo di mantenere la posizione eretta e l'orientamento nello spazio. La deafferentazione di un lato comporta uno sconvolgimento dell'encefalo che si manifesta in una importante vertigine. Col passare delle ore e poi dei giorni si stabilisce un meccanismo ben studiato dai vestibologi: il compenso vestibolare. Il cervello di un soggetto che ha subito la resezione di un nervo vestibolare si organizza di nuovo e ristabilisce l'equilibrio utilizzando le afferenze del solo labirinto controlaterale. Per mettere in atto questo meccanismo occorre tempo. Si precisa che il miglioramento della vertigine in seguito a questi interventi torva il suo fondamento proprio nel compenso vestibolare.

 

Bibliografia:
Carlo Zini e Carlo Govoni, Chirurgia della vertigine. In Trattato di Tecnica Chirurgica, volume XII, 60-85; Chirurgia otorinolaringoiatrica, UTET, Torino.

HOME-1

o o o o O o o o o

In questo sito sono presenti altri articoli sulla Vertigine:

- Vertigine Parossistica di Posizione Benigna (VPPB) 

- Esame vestibolare o coleovestibolare.

 

- Nistagmo - movimento ritmico degli occhi. 

 

- Chirurgia del sacco endolinfatico. 

 

- Malattia di Ménière 

 

- Sindrome da instabilità posturale nell'anziano

 

 

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3332 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26831 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 100132 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 74224 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 2636 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 12770 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 56788 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 49169 visitatori
consulenze-otorinoLa consulenza tecnica giudiziaria è una fase fondamentale dei processi sia penali che civili. In queste righe farò riferimento soprattutto alla Consulenza Tecnica in ambito Civile. E' questa che vede più spesso le persone interessate. Le situazioni più frequenti sono gli incidenti stradali e non, gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali, le violenze fisiche.  Normalmente nei processi quando ci sono...
Letto da 19975 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com