NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

I turbinati possono aumentare di volume e determinare difficoltà respiratorie nasali; la chirurgia può aiutare molto chi soffre di queste patologie.
Le persone che soffrono per una cattiva respirazione nasale quasi sempre utilizzano spray di diverse composizioni. Alcuni andrebbero utilizzati pochissimo, altrimenti diventano dannosi. Altri possono essere inefficaci. Per questi motivi capita spesso che un paziente si rivolga ad un otorinolaringoiatra perché respira male dal naso.

Le fosse nasali sono due cavità separate verticalmente dal setto nasale. Ai lati delle fosse nasali vi sono strutture anatomiche longitudinali, i turbinati. Si riconoscono un turbinato superiore, uno medio ed uno inferiore. Questi sono in grado di modificarsi in volume. Se s’ingrossano il flusso d’aria penetra con difficoltà; nel disegno sottostante (Fig. 1) è visibile la testa del turbinato inferiore sinistro ingrossata.

turbinate RFTR govoni 1

Una patologia molto frequente è l’ipertrofia dei turbinati inferiori. Si tratta di un aumento di volume del tessuto cavernoso che forma i turbinati. Tutto questo è ben visibile alla rinofibroscopia.

Chi è affetto da questi disturbi spesso viene curato con spray nasali che contengono cortisonici o decongestionanti.
Molte persone trovano dei benefici solo temporanei. Chiedono interventi maggiormente risolutivi. Per questo motivo si è sviluppata la chirurgia dei turbinati.

La visita specialistica ed una valutazione endoscopica del naso sono il primo passo. Sarà il medico a decidere quali accertamenti eseguire o se ci sono le condizioni per consigliare subito un intervento chirurgico.

La turbinoplastica o devascolarizzazione dei turbinati è l’intervento che permette di ridurre in modo duraturo l’ipertrofia dei turbinati. La dizione più corretta è "devascolarizzazione dei turbinati".

 

Oggi è possibile eseguire una decongestione (o coagulazione o devascolarizzazione) dei turbinati in anestesia locale. Questo intervento prende anche il nome di riduzione volumetrica dei turbinati.

Si tratta di un intervento poco impegnativo per chi lo subisce ed offre non pochi vantaggi. Essendo un intervento in anestesia locale lo si esegue in day surgery, cioè il paziente sta in clinica solo alcune ore. Personalmente utilizzo la tecnica della coagulazione o devascolarizzazione con radiofrequenze (CelonLab). L'apparecchio è visibile nella foto seguente. Ritengo le radiofrequenze la tecnica migliore per interventire sui turbinati di un paziente sveglio e collaborante. L’anestesia avviene per contatto, cioè si colloca nel naso una garza imbevuta di anestetico, o con infiltrazione. Sono abituato a mettere a fine intervento delle garze grasse, ma lo faccio per un eccesso di prudenza. Il sanguinamento è sempre stato minimo. So che alcuni pazienti sono preoccupati dei tamponi nasali, ma in questo caso praticamente i tamponi non ci sono. Quando sfilo le garze grasse il paziente non ha alcun dolore.

celonlab radiofrequenze turbinati govoni chirurgia otorino

Sono anche possibili interventi più complessi in anestesia generale. Questi interventi li eseguo solo in casa di cura e il paziente dovrà dormire una notte in clinica.

La turbinectomia parziale è un intervento molto praticato. Il turbinato è una formazione anatomica allungata di cui riconosciamo una testa rivolta verso la narice, poi un corpo ed una coda. L’intervento mira soprattutto a ridurre il volume del corpo e della coda. Alla fine dell’intervento si posizionano tamponi in entrambe le fosse nasali. So che molti sono preoccupati dello stamponamento ma rimando ad un apposito paragrafo che ho scritto in questo sito. Ribadisco che cerco di eseguire lo stamponamento con le massime cautele, cercando di ridurre al minimo possibile il dolore.

Sempre in narcosi eseguo anche la turbinoplastica. Attraverso una incisione si asporta il tessuto cavernoso in eccesso, rispettando la mucosa. Uno strumento spesso usato è il micro-Debrider, si tratta di un dispositivo che tritura e aspira l'eccesso di tessuto cavernoso. Sempre con questo intervento si possono adottare altre soluzioni per ridurre il volume del turbinato inferiore in modo da allargare lo spazio respiratorio nasale. Anche in questo caso il paziente dovrà collocare dei tamponi, però molto delicati e pertanto lo stamponamento sarà agevole.

Dopo qualsiasi intervento sui turbinati inferiori desidero controllare il paziente in ambulatorio. Non ci sono regole fisse, ritengo che il controllo debba eseguirsi entro 7-14 giorni dalla dimissione.
Si rimanda ad uno specifico articolo sulla chirurgia mini-invasiva dei turbinati inferiori. 

I centri dove eseguo interventi chirurgici

Columbus Clinic Center - via Buonarroti, 48 - Milano    prenotazioni  02480801
Hesperia Hospital - via Arquà, 80 - Modena 

carlo govoni otorino prenota esperto migliore prenotazioni telefono online

 

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 3333 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26831 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 74224 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 33823 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue abitualmente l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di...
Letto da 26339 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 49174 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 100137 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 13109 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 56789 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com