NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Tra coloro che lavorano per favorire il recupero scolastico e sociale di un bambino affetto da minorazione uditiva dobbiamo indicare in primo luogo i genitori e molte altre ancora. Il ruolo educativo principale spetta ai genitori del piccolo audioleso.
Le altre persone che lavorano, con finalità educative per questi fanciulli, sono la logopedista, l'insegnante specializzato di sostegno e l'audioprotesista.
Sul piano strettamente sanitario i medici più vicini al bambino sono il pediatra e l'otorinolaringoiatra. Il primo ha una visione globale del bimbo e la sua funzione è molto importante nei primi mesi di vita, quando è fondamentale riuscire a sospettare una ipoacusia infantile. L'otorinolaringoiatra è lo specialista competente per l'inquadramento diagnostico, per il trattamento protesico ed educativo e per i controlli successivi.

La famiglia

La funzione dei genitori di un bambino sordo è importante per la diagnosi precoce e per tutto il processo di apprendimento del linguaggio. Infatti si è più volte sottolineato come la loro collaborazione sia importante e possa influire sui risultati che il piccolo conseguirà. Cercherò ora di mettere in evidenza alcuni aspetti psicologici tipici delle persone che hanno un figlio che non sente. Gli argomenti che affronterò sono: la consapevolezza di avere un figlio sordo, la sua presenza in famiglia e la preparazione dei genitori.

La consapevolezza di avere un figlio sordo
Si possono distinguere i genitori in due gruppi: quelli che prevedevano di poter avere un figlio sordo e quelli che non hanno mai pensato di poter avere un bambino ipoacusico.
I genitori che pensavano di poter avere un figlio sordo sono quasi sempre soggetti sordi per cause genetiche o genitori nelle cui rispettive famiglie erano presenti casi di sordità ereditarie. Per queste persone l'apprendere che il proprio figlio ha una grave minorazione uditiva non costituisce una sorpresa e, nel caso dei genitori sordi, può anche accadere che questi non si sentano particolarmente mortificati nel sapere che il loro bambino è privo dell'udito. Alcuni genitori sordi ritengono di poter allevare meglio un bambino ipoacusico rispetto ad un bambino normale.
Molto diverso è l'atteggiamento di genitori normoudenti di fronte all'inaspettata notizia che loro figlio è privo dell'udito. Le prime reazioni sono piuttosto varie da caso a caso. C'è chi non ha fiducia nel medico e subito chiede nomi di altri specialisti, con la speranza di trovare il grande luminare che possa far riacquistare l'udito al bambino. C'è chi non si rende perfettamente conto del problema e pone delle domande che fanno capire al medico quanto siano scarse le conoscenze del genitore in tema di sordità. E' compito del medico spiegare i problemi conseguenti alla sordità. Ritengo utile che l'otorinolaringoiatra fornisca spiegazioni e responsabilizzi i genitori, perché, come è già stato detto, il loro coinvolgimento è importante per il futuro del piccolo. Non ritengo, però, che il recupero del bimbo sarà direttamente proporzionale agli sforzi dei genitori. Le caratteristiche che distinguono un soggetto sordo da un altro sono moltissime, quindi scarsi risultati nell'educazione al linguaggio non potranno mai essere imputati al comportamento del padre o della madre. Una reazione molto frequente nei genitori è sviluppare un senso di colpa per non essere riusciti a procreare un figlio normale. Si tratta di un atteggiamento a cui spesso consegue un'iperprotezione nei confronti del bimbo. I genitori pensano: "mio figlio ha avuto la disgrazia di nascere sordo, non voglio che gli accada nient'altro", oppure "dedicherò tutta la mia vita a mio figlio, per farne il bambino sordo meglio integrato di tutti". Non è raro che padri o madri maturino un senso di sfiducia nei confronti della vita e della società, non appena si accorgono dell'indifferenza delle persone e delle istituzioni. Questi atteggiamenti, anche se parzialmente giustificati, si riflettono negativamente sul bambino. A volte i genitori presentano un comportamento che è solo apparentemente equilibrato. Ad esempio i padri collaborano attivamente in istituzioni a favore dei sordomuti. Il loro impegno per la raccolta di denaro o per realizzare programmi educativi è lodevole, però non è raro riscontrare che queste persone si occupano molto del problema della sordità in senso generale, dedicando minor tempo ai problemi specifici del loro figliolo. Un'eventualità spesso presente è il rifiuto di far sapere agli altri che il proprio figlio è sordo. Anche questa reazione è frutto di una millenaria ignoranza sui problemi della sordità. Alcuni si vergognano nel far sapere che il loro bambino non sente e spesso traducono questo erroneo atteggiamento in un rifiuto a far portare le protesi acustiche o nel cercare che siano poco visibili. Col passare dei mesi, quasi tutti i genitori, arrivano ad "accettare" la sordità del bambino. I genitori comprendono il problema del piccolo e si sforzano di educarlo attraverso un trattamento logopedico, con la speranza che possa arrivare a comprendere e ad esprimersi tramite la parola. Questa fase è positiva e ritengo che sia stata ben sintetizzata dalle parole di una madre riportate dal Luterman, la quale riconosce che insegnare a parlare al figlio sordo rappresenta lo scopo fondamentale delle sua vita. Ogni volta che il bimbo pronuncia una parola la fa sentire orgogliosa e felice. Ogni piccolo progresso compiuto dal bambino la riempie di gioia.

[D. Luterman: "Il Counseling per i genitori dei bambini audiolesi", Edizioni Tecniche, Milano, 1983, pag. 28]

 

La presenza di un bimbo sordo in famiglia
La presenza di un bambino sordo nell'ambito famigliare modifica i rapporti tra tutti i componenti. Nella quasi totalità delle famiglie il ruolo educativo principale spetta alla madre. Di solito è lei che ha maggior tempo da dedicare al piccolo, è anche colei che più facilmente tiene contatti con il personale specializzato e quindi acquisisce maggiore competenza in materia di sordità. Per questi motivi è molto facile che gravino sulla madre maggiori responsabilità. Spesso può accadere che importanti decisioni sul futuro del figlio siano prese dalla madre, senza il coinvolgimento di un padre veramente informato. Questa situazione può essere fonte di discussioni in famiglia. I maggiori ostacoli si evidenziano quando il padre vuole essere sempre lui ad prendere ogni direttiva, oppure quando la madre è indecisa perché non abituata ad assumersi responsabilità e a prendere decisioni.

[Mantovani M.: L'atteggiamento educativo della madre nei confronti dei bambini ipoacusici. L'audioprotesista, anno XII - maggio 1990, n.39; 18-31.]

 

La preparazione dei genitori
La preparazione dei genitori sulle problematiche della sordità infantile è un argomento molto importante. Alcune istituzioni che si occupano della tutela dei bambini sordi, organizzano corsi per genitori. Le loro finalità sono quelle di informare e coinvolgere, soprattutto la madre, nel processo educativo del figlio. Sono convinto che si possa raggiungere una buona preparazione dei genitori sia attraverso un corso, che attraverso insegnamenti individuali. Il padre e la madre dovranno essere a perfetta conoscenza dei problemi conseguenti alla sordità e dovranno avere periodici contatti con la logopedista, in modo da continuare il programma educativo, senza contrasti. Il corso facilita la discussione tra genitori che hanno problemi simili, favorisce scambi di opinioni e può stimolare una collaborazione reciproca.

[Coni G.G.: Il ruolo della famiglia nella rieducazione ortofonica. In "Metodi e tecniche nel campo della educazione riabilitazione istruzione dei bambini sordi", Edizioni Tecniche, Milano, 1979.    Del Bo M., De Filippis A.: La sordità infantile grave. Seconda edizione; Armando Armando Editore, Roma, 1974.   Gitti G.: Integrazione scolastica e sociale del bambino ipoacusico: considerazioni e prospettive. In "Metodi e tecniche nel campo della educazione riabilitazione istruzione dei bambini sordi", Edizioni Tecniche, Milano, 1979.]

            

La logopedista

La logopedista è la figura professionale più importante per il recupero del bambino affetto da minorazione uditiva. Ella svolge il suo lavoro a diretto contatto col piccolo audioleso ed ha come obiettivo quello di arrivare a farlo parlare. La logopedista è una tecnica specializzata che dovrebbe iniziare a prendere contatti col bambino il più precocemente possibile, al fine di poterlo conoscere meglio e instaurare con lui un buon rapporto. E' compito di questa persona programmare un piano completo per lo sviluppo del linguaggio. Questo obiettivo viene raggiunto progressivamente, dopo un lavoro lento e faticoso, che dura parecchi anni. Il lavoro di questa operatrice professionale comprende l'insegnamento di esercizi per la stimolazione della muscolatura oro-faringo-laringea e dell'apparato respiratorio. In seguito stimolerà l'emissione dei fonemi vocalici, poi dei dittonghi e dei fonemi consonantici. Infine porterà il bambino alla comprensione e alla pronuncia delle parole.

[Marvaud J.: Spécificité de l'orthophonie. Identité de l'orthophoniste. Revue de Laryngologie Otologie Rhinologie, 1985; 106: 233-238]

 

L'insegnante specializzato di sostegno

L'insegnante di sostegno è un maestro o un professore che ha frequentato appositi corsi finalizzati ad ampliare le conoscenze sugli handicap infantili. In Italia, dal 1988, questi insegnanti sono in possesso di una specializzazione "polivalente", cioè sono in grado di affrontare qualsiasi bambino portatore di handicap. Questa impostazione favorisce una diffusione degli insegnanti di sostegno sul territorio nazionale, però non consente un approfondimento delle problematiche specifiche di molte minorazioni e in particolare di quella uditiva. Il compito primario dell'insegnante di sostegno è aiutare il bambino a comprendere le lezioni scolastiche. L'attività di sostegno per un bambino sordo si svolge in due tempi: prima e dopo ogni lezione fatta dall'insegnante di classe. Nei giorni precedenti la lezione sarà importante per il piccolo sordo poter conoscere i nuovi vocaboli, impararne la pronuncia, la lettura labiale e il significato. Dopo la lezione, l'insegnante di sostegno dovrà verificare quanto il bambino ha appreso ed eventualmente colmare possibili carenze. Inoltre questo docente deve anche mantenere stretti contatti con genitori, logopediste e insegnanti di classe. In virtù delle sue competenze è la figura professionale più indicata a coordinare l'educazione logopedica con l'insegnamento scolastico.

 

L'audioprotesista

L'audioprotesista è un tecnico specializzato che dietro prescrizione medica, presta la sua opera nella scelta, nell'adattamento, nel controllo tecnico e nell'assistenza alle protesi acustiche. Deve preparare l'apparecchio sulla base dell'esame audiometrico e delle indicazioni fornitegli dall'otorinolaringoiatra e deve, inoltre, renderlo il più adatto possibile alle caratteristiche acustiche del bambino. L'audioprotesista segue il piccolo sordo in molte fasi della protesizzazione. Il suo lavoro non finisce con la preparazione e la vendita dell'apparecchio acustico. Ha il compito di controllare periodicamente la protesi e verificarne il funzionamento. Esegue anche la rilevazione delle impronte dei condotti uditivi esterni e prepara le chiocciole su misura. Per effetto dello sviluppo, il condotto uditivo dei bambini aumenta lentamente di dimensioni. Per questo motivo le chiocciole devono essere sostituite ogni sei mesi.

[Martinotti P.G.: Una svolta per il riconoscimento della professione. L'audioprotesista, anno XII - luglio 1990, n.40; 12-14]

Il lavoro di questo operatore professionale sarà facilitato se esiste una buona collaborazione da parte dei genitori. Negli ultimi anni si è verificato un cambiamento nell'attività di questo operatore: da tecnico elettronico si è trasformato in esperto di sistemi computerizzati.

 

Altri aspetti sull'educazione e sul recupero del bambino audioleso si trovano nel libro di Carlo Govoni  "La sordità infanitile

libro sordita infantile copertina

 

 

Ti potrebbe anche interessare

La storia dei metodi didattici per l'educazione dei bambini sordi

L'importanza della diagnosi audiologica precoce nell'educazione al linguaggio e nell'integrazione scolastica dei bambini sordi

San Biagio

è il Santo protettore degli otorinolaringoiatri.
Il suo anniversario è il
3 febbraio

rubiera reggio emilia modena san biagio donnino concordia altare maggiore chiesa parrochiale geminiano vincenzi carlo govoni

 

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

ECCELLENZE ITALIANE

su ODEON TV
e sul canale 177 del digitale terrestre
il 5 marzo 2020 - ore 18:15
la giornalista Elena Tubertini ha intervistato il dott. Carlo Govoni
che ha parlato di vertigine
e di orientamento spaziale

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 2625 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 26188 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 73174 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 98081 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 1969 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 31838 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12874 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 22083 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 11963 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com