NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale
Master in vestibologia

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

Può succedere che durante una visita per disturbi dell'equilibrio, quindi una visita di carattere neuro-otologico, venga richiesto al paziente di compilare un questionario.

In queste pagine illustro le finalità di queste domande.

Nella terminologia medica questi questionari prendono il nome di strumenti di valutazione soggettiva. Il medico li propone per diversi motivi: definire la limitazione che consegue al disturbo dell’equilibrio, monitorare gli effetti della riabilitazione e analizzare, nei casi in cui è presente, un danno definitivo.

E’ utile utilizzare questionari già codificati e anche validati per la lingua italiana. Questo concetto è fondamentale per due principali ragioni: a) la valutazione delle risposte fornite dal paziente sarà impersonale, in quanto ogni questionario dovrà rispettare regole prestabilite per l’interpretazione; b) il medico, soprattutto quando valuterà pazienti con malattie vestibolari croniche, avrà la necessità di fare controlli a distanza di anni. Nei controlli a distanza potrebbero cambiare i medici, ma se si utilizzano questionari standardizzati sarà possibile formulare un giudizio coerente con la prima valutazione.

ciclista equilibrio pedalare andare avanti vertigine otorino govoni milano

I questionari più diffusi sono tre ed hanno caratteristiche diverse.

a) Dizziness Handicap Inventory (DHI) proposto da Jacobson e Newman nel 1990 (1, 2),

b) il Situational Vertigo Questionnaire (SVQ) da Jacob ed altri del 1993 (3, 4) 

c) la Activities Specific Balance Confidence Scale (ABC) introdotto da Powell nel 1995 (5).

Il Dizziness Handicap Inventory (DHI) comprende 25 items che valutano gli aspetti funzionale, emotivo e fisico della vertigine. Si tratta di un questionario molto usato in Italia, che permette di valutare bene la fase acuta e il follow-up dei giorni successivi. E’ auspicabile una sua maggiore diffusione negli ospedali e tra gli specialisti che si interessano di otovestibologia. Avere metodi di valutazione comuni è importante, in quanto le osservazioni saranno facilmente confrontabili.  

Il Situational Vertigo Questionnaire (SVQ) (con 19 domande o items) è orientato a cogliere la presenza della vertigine di origine visiva e con difetti nel compenso vestibolare. Questo test lo trovo particolarmente idoneo nella valutazione medico-legale in quanto il danno deve sempre tener conto dell’eventuale compenso.

La Activities Specific Balance Confidence Scale (ABC) valuta il rischio di caduta nello svolgimento delle abituali attività, ci sono 16 items con 11 possibilità di scelta per ciascun items (da 0% - 10% - 20% - 30% … fino a 100%). Ai fini della valutazione del danno vestibolare il rischio di caduta a terra è un parametro molto importante, però le 11 possibilità di scelta sono eccessive in quanto esiste una notevole variabilità di risposte (per la precisione i risultati possibili sono 176).

 

Il rischio di cadere della persona è un elemento fondamentale nella vestibologia clinica e nella valutazione medico-legale. E’ noto che la riduzione dell’efficienza della funzione vestibolare si associa spesso alla presbiacusia ed è infatti uno dei fattori che aumentano il rischio di caduta (6). Il soggetto che fa fatica a sentire la voce e i suoni, soprattutto se anziano, ha difficoltà nei rapporti con l'ambiente e con le persone che lo circondano. L'ambiente che ci circonda produce suoni e noi, mentre ci muoviamo, facciamo altrettanto.

Il sentire poco (ipoacusia) comporta problemi di equlibrio diretti come la minor percezione dei rumori ambientali (voci, passi, veicoli, ecc.) e difficoltà nell'avvertire segnali di allarme (voci di persone, avvisatori acustici, sirene, ecc.). Tutto questo riduce il senso di orientamento spaziale.
Il sentire poco comporta anche una serie importante di problemi indiretti come una diminuzione del dialogo (ridotti messaggi verbali con le altre persone), quindi una diminuzione nell'espressione dei propri pensieri. Tutto questo riduce il confronto verbale col pensiero di altri uomini. Da qui una minore conferma o correzione dei pensieri elaborati. Avere un udito normale (grande freccia nera della figura sottostante) comporta numerose e importanti afferenze al cervello, utili anche per lo sviluppo del pensiero ma anche per l'equilibrio del soggetto. L'apparato uditivo deficitario è causa di ridotte afferenze (simboleggiate dalla più piccola freccia rossa dello schema di destra). Questo determina una riduzione nell'elaborazione del pensiero, ma anche una diminuzione nei meccanismi riflessi indispensabili per il mantenimento della posizione eretta. Il paziente ipoacusico sente poco i rumori ambientali, non sente i rumori determinati dal suo camminare e percepisce con difficoltà i messaggi di avvertimento (voci o segnali acustici).

decadimento pensiero anziano

 La diminuzione delle afferenze sensoriali al cervello nell'ipoacusico
e relative conseguenze su quanto viene elaborato dall'encefalo.

 

 

La diminuzione dell'udito porta all'aumento del rischio di cadere. A questo proposito non si deve sottovalutare l’età del paziente, perché il rischio di caduta è favorito da disturbi dell'equilibrio (presbistasia) e dalla presbiacusia (7). E’ stato suggerito di utilizzare un questionario Hearing Handicap Inventory in the Elderly (HHIE), validato nella versione italiana. Lo scopo di questa scala valutativa è quello di individuare i problemi che il deficit uditivo comporta nella persona adulta e anziana, in quanto è dimostrato come pari livelli di deficit uditivi non corrispondano ad analoghi livelli di handicap.

La valutazione del rischio caduta nell’adulto e nell’anziano è importante per le ovvie implicazioni sociali e medico legali.

Possiamo parlare di sindrome da instabilità posturale per definire tutto il complesso delle alterazioni del sistema di orientamento spaziale. In fisioterapia si utilizzano numerosi strumenti per valutare il rischio di cadere.

La scala più nota è la Berg Balance Scale (BBS) costituita da 13 item. Questa è molto importante anche per la sua diffusione; ma altre sono state introdotte e si stanno progressivamente affermando. Ricordo la Scala Stratify di Oliver e collaboratori ed è finalizzata a prevenire le cadute in ospedale.

Sempre finalizzata alla prevenzione delle cadute ospedaliere sono la Scala di Conley ed anche la Scala Morse (Morse Fall Scale). Molto utili per la valutazione dell’equilibrio e dell’andatura sono la Tinetti Gait-Balance Scale, la Timed up and go Test (TUG) e la Scala Re.Tos (Scala Regione Toscana) del 2007.

Tutte queste scale sono state analizzate da S. Molinelli (8); purtroppo avere troppe scale di valutazione non costituisce un vantaggio in quanto i risultati ottenuti con un questionario non si confrontano facilmente con quelli ottenuti con altre scale. Ritengo che la ricerca di strumenti preventivi dovrà essere sviluppata perché la caduta nell’anziano costituisce un problema di estrema importanza sociale ed anche assicurativo, per le immagininabili conseguenze che questo evento comporta.

 equilibrio dinamico trottola vestibologia ent otoneurology govoni

BIBLIOGRAFIA 

1 - Jacobson GP et al., The development of the Dizziness Handicap Inventory, Arch Otolaryngol Head Neck Surg, 116: 424-431, 1990.

2 - Nola G., Mostardini C., Salvi V., Ercolani A.P., Ralli G.  Validity of Italian adaptation of the Dizziness Handicap Inventory (DHI) and evaluation of the quality of life in patients with acute dizziness.  ACTA otorhinolaryngologica italica 2010;30:190-197. 

3  - Jacob RG. et al., Panic disorder with vestibular dysfunction: further clinical observations and description of space and motion phobic stimuli. J Anxiety Disord, 3: 117-30, 1989.

4 - Jacob RG, Woody SR, Clark DB, et al.,    Discomfort with space and motion: A possible marker of vestibular dysfunction assessed by the situational characteristics questionnaire.  Journal of Psychopathology and Behavioral Assessment - December 1993, Vol. 15, Issue 4, 299–324

5 - Powell LE et al., The Activities-Specific Balance Confidence (ABC) Scale, J Gerontol A Biol Sci Med, 50A: M28-M34, 1995.

6 - Ralli G,  Mizzoni , Clementi C, Caramanico C.  La Presbiacusia - Presbycusis.  Italian Journal of Geriatrics and Gerontology 2014; 2(1):17-24

7 - Maciosek MV, Coffield AB, Edwards NM, et al.  Priorities among effective clinical preventative services: results of a systematic review and analysis. Am J Prev Med. 2006;31:52–61.

8 - Molinelli S. Il rischio di caduta nel paziente anziano. “Analisi dei principali strumenti di valutazione in ambito internazionale.” Luglio 2008.

 

Ti potrebbe interessare anche:

 

La sindrome da instabilità posturale nella terza età

 

Hesperia Hospital di Modena

 

Definizioni delle parole più usate in vestibologia e in otoneurologia

 

La libera professione otorinolaringoiatrica

 

Salute e benessere psicologico

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

carlo govoni camice bianco milano

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

Prenotazioni on-line

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

orari di visita e prenotazioni on-line:

 https://www.miodottore.it/elenco-dei-dottori/carlo-govoni

hesperia modena govoni

Attività chirurgica otorinolaringoiatrica
Dott. Carlo Govoni

Casa di Cura Columbus
via Buonarroti, 48 - MILANO

milano columbus clinic center otorino ent

 

Hesperia Hospital
via Arquà, 80 - MODENA

hesperia modena govoni

info:  3358040811   NO SMS

Per contatti e prenotazioni on-line  

https://www.miodottore.it/elenco-dei-dottori/carlo-govoni

ambulatorio di via Ruggeri, 9   REGGIO EMILIA  

Per prenotazioni  3358040811   NO SMS
Per orari di apertura e per prenotazioni on-line   https://www.miodottore.it/elenco-dei-dottori/carlo-govoni

 

reggio emilia studio via ruggeri 9 otorinolaringoiatria govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


nel numero di giugno 2019
ci sarà un articolo di rinologia

scritto da Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

 

 E' possibile la prenotazione on-line

https://www.miodottore.it/elenco-dei-dottori/govoni

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 1431 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 24876 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 41990 visitatori
consulenze-otorinoIl dott. Govoni è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici (medico otorinolaringoiatra) presso il Tribunale di Reggio nell’Emilia. Ha eseguito numerose consulenze tecniche (perizie) per Magistrati (dette anche Consulenze Tecniche d'Ufficio - CTU). Ha redatto anche relazioni tecniche per coloro che reclamano un danno (perizie di parte). E' disponibile per effettuare consulenze tecniche solo per malattie di competenza...
Letto da 18121 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 12491 visitatori
visita-specialistica-domicilio-paziente-govoniQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al ...
Letto da 17720 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 50859 visitatori
chirurgia-ambulatoriale Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di...
Letto da 21756 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e...
Letto da 24360 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com