NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

I turbinati sono rilievi ossei ricoperti da abbondante tessuto mucoso e ben vascolarizzato presenti sulle pareti laterali delle fosse nasali. Sono tre per lato (inferiore, medio e superiore), ciascuno presenta una testa, rivolta verso la narice, un corpo ed una coda. Utilizzando un semplice speculum nasale bivalve (rinoscopia) si apprezzano bene le teste ed i corpi dei turbinati inferiore e medio. Sul piano clinico hanno importanza i turbinati inferiori e medi. Con strumenti a fibre ottiche  (rinofibroscopia o nasofibroscopia o semplicemente fibroscopia)  si ha una visione più ampia delle fosse nasali nel loro insieme. E' pure possibile eseguire una registrazione video.
Non esiste una funzione specifica dei turbinati, essi contribuiscono unitamente a tutto il naso interno a riscaldare, purificare e umidificare l’aria che respiriamo.
Vediamo ora un'immagine in Risonanza Magnetica, proiezione coronale, del naso di un soggetto affetto da deviazione del setto e ipertrofia dei turbinati sia medi che inferiori. Nel ritaglio sulla destra è stato ricostruite le fosse nasali come dovrebbero essere nel caso di un soggetto che respira bene.

 ipertrofia turbinati risonanza magnetica nucleare

In questa figura, immagine grande a sinistra, si vede il naso di una persona
affetta da ipertrofia dei turbinati medi e inferiori.
A destra come dovrebbe essere lo spazio respiratorio.
In radiologia l'aria è nera. 

 

E’ stato descritto un aumento ed una riduzione periodica dei turbinati; questa funzione è finalizzata a regolare il flusso d’aria nasale (ciclo nasale). Una delle caratteristiche dei turbinati inferiori è il loro rapido aumento di volume in risposta a traumatismi nasali o a fenomeni infiammatori.

La patologia più frequente dei turbinati è l’ipertrofia, come si è visto nell'immagine RMN. Ipertrofia significa semplicemente aumento di volume. I sintomi di una ipertrofia dei turbinati sono facili da immaginare: avremo una stenosi respiratoria nasale, cioè una difficoltà al passaggio dell’aria dal naso. Inoltre quando lo spazio respiratorio si riduce ad una sottile fessura il paziente si lamenta perché respira male dal naso, ha difficoltà a percepire gli odori, cefalea (mal di testa), emicrania, dolori facciali, rinorrea (secrezione nasale). Le cause di aumento di volume dei turbinati sono molteplici: l’inquinamento atmosferico, gli sbalzi di temperatura, i climi freddi e umidi sono fattori di predisposizione a questa patologia. Esistono anche cause individuali specifiche come le malattie allergiche, in particolare la rinite allergica da acari. Causano ipertrofia turbinale anche l’uso eccessivo di spray nasali che contengono vasocostrittori, il lavoro in ambienti polverosi ecc.  Spesso quando c'è una deviazione del setto nasale si osserva una ipertrofia del turbinato inferiore della fossa nasale più ampia. Si definisce questa condizione come ipertrofia compensatoria.

La terapia dell'ipertrofia dei turbinati è sia medica che chirurgica.

I farmaci che si possono utilizzare sono i decongestionanti, i cortisonici e, nelle forme allergiche, gli antistaminici.

La terapia chirurgica è riservata ai casi più importanti ed è molto efficace. E’ possibile intervenire con la decongestione o la decorticazione dei turbinati. Tecniche più recenti si sono sviluppate con l’introduzione del Laser CO2. Il Laser è simile ad un bisturì che oltre a tagliare determina una vaporizzazione del tessuto e, contemporaneamente, coagula. Le azioni di riduzione della massa ipertrofica del turbinato e di coagulazione sono immediate. Molto interessante è la decongestione dei turbinati in radiofrequenza. E' una tecnica semplice, indolore e rapida. La eseguo in anestesia locale in regime di day surgery, cioè con poche ore di ricovero. La decongestione con radiofrequenze viene anche chiamata Coblation dalle parole inglesi "cool ablation" che signfica ablazione a freddo. In effetti con questo dispositivo si produce una decongesione senza ustione. Il manipolo agisce solo sulla sua punta e a temperature comprese tra 40°C e 70°C. Personalmente utilizzo lo strumento CelonLab.

celonlab radiofrequenze turbinati govoni chirurgia otorino

 

Nei casi più complicati spesso l'ipertrofia dei turbinati si associa a deviazioni del setto, in questo caso è possibile eseguire settoplastica associata a devascolarizzazione dei turbinati. Questi casi necessitano di un intervento importante da eseguirsi con ricovero in clinica. L'operazione chirurgica si esegue col paziente addormentato, cioè in anestesia generale.

endoscopio rigido videoendoscopia fibra ottica rinofibroscopia laringofibroscopia video govoni specialista nasoEndoscopio a fibre ottiche di tipo rigido.
Questo strumento, collegato ad una videocamera,
permette un'ottima visione di entrambe le fosse nasali.

 

Una buona respirazione nasale è il primo passo per respirare bene.

Il naso ha numerose funzioni, in particolare ha una funzione di filtro, poi è utile per riscaldare e umidificare l'aria inspirata. Sappiamo che il corpo umano svolge le sue reazioni chimiche ad una temperatura vicina a 37°C. L'aria è indispensabile per la respirazione e quella che passa attraverso il naso arriva ai polmoni, anche se viviamo in ambienti molto freddi, alla temperatura di 37°C. Altro particolare è l'umidificazione. Un aria troppo secca non è l'ideale per la nostra respirazione. Respirare bene dal naso è importante proprio per proteggere i nostri polmoni.

 

Vedi anche:
La visita otorinolaringoiatrica 

La rinofibroscopia o videoendorinofibroscopia

https://www.miodottore.it/domande-risposte/ipertrofia-dei-turbinati-3

La libera professione in otorinolaringoiatria 

Il dott. Carlo Govoni opera presso Columbus Clinic Center di Milano ed Hesperia Hospital di Modena.

Ti suggeriamo anche:

oltre agli argomenti e approfondimenti, puoi trovare informazioni importanti sulle prestazioni offerte nelle sezioni:

Nel sito sono inoltre disponibilil'elenco degli studi medici, delle cliniche e varie altre sezioni.

 

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

Attività chirurgica otorinolaringoiatrica
Dott. Carlo Govoni

Casa di Cura Columbus
via Buonarroti, 48 - MILANO

milano columbus clinic center otorino ent

 

Hesperia Hospital
via Arquà, 80 - MODENA

hesperia modena govoni

info:  3358040811   NO SMS

studio medico di otorinolaringoiatria di Reggio Emilia.

L'ambulatorio di via Ruggeri, 9  REGGIO EMILIA  è aperto nei giorni di 28, 29, 30, 31 dicembre e 1, 3, 4, 5, 6, 7 gennaio 2019 

Per prenotazioni  3358040811   NO SMS
Per prenotazioni on-line   https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

DIAGNOSI & TERAPIA è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

diagnosi e terapia rivista


articoli
di Carlo Govoni 

Lo potete trovare anche al sito
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

esame-corde-vocali-bambinoI bambini, soprattutto i maschi, vanno incontro a problemi di voce bassa e non sempre pediatri e genitori si rendono conto che questo è un problema specialistico che merita di essere affrontato correttamente. L'abbassamento di voce o qualsiasi altra alterazione vocale prende il nome di disfonia. La causa più frequente di disfonia nei soggetti in età pediatrica sono gli sforzi vocali. I bimbi, soprattutto i maschietti, per imporsi...
Letto da 252 visitatori
otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 23417 visitatori
libera-professione-otorinoL’attività libero professionale dei medici è una parte fondamentale e insostituibile nell’assistenza sanitaria di tutti gli italiani. L’assistenza, come è noto, è fornita dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN) che risponde al dettato dell’articolo 32 della Costituzione “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce...
Letto da 271 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 11986 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche (o esame dell'udito) sono numerose e sono fondamentali per lo studio delle malattie otologiche e di molte malattie del labirinto. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la...
Letto da 47734 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 19158 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 25117 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e...
Letto da 23182 visitatori
chirurgia-ambulatoriale    Interventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè...
Letto da 20360 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com