NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale 
Otoneurologia  Vestibologia 

Tel. 3358040811

Carlo Govoni visita ed opera in poliambulatori e cliniche private a Milano e in Emilia.

Contattami

L'acufene o tinnito è la percezione di un suono in assenza di sorgente sonora.
Ciò che ho scritto sembra un'affermazione impossibile. Come si può pensare che una persona percepisca un suono quando non esiste lo stimolo sonoro nell'ambiente?
Faccio un passo indietro e spiego come noi sentiamo i suoni.
I suoni non sono altro che vibrazioni, cioè onde di rarefazione e compressione dell'aria che raggiungono il nostro orecchio.

Queste vibrazioni arrivano alla membrana timpanica e la fanno vibrare. La membrana trasmette le vibrazioni a tre ossicini: martello, incudine e staffa. La staffa, vibrando, esegue compressione e decompressione su liquidi che si trovano all'interno della coclea. La coclea è l'organo fondamentale per la percezione uditiva. Senza voler entrare in particolari preciso che un orecchio privo di membrana timpanica e ossicini ha ancora una residua capacità uditiva. Per contro orecchio privo di coclea (o con coclea distrutta) presenta una sordità completa (o anacusia). La coclea è un organo importantissimo ed è simile per morfologia al guscio di una lumaca. E' formata da una struttura tubulare che compie tre giri su sé stessa e contiene liquidi labirintici, recettori uditivi, fibre nervose e vasi artero-venosi. I liquidi labirintici (perilinfa ed endolinfa) sono quei liquidi che per effetto dei suoni subiscono compressioni e decompressioni. I recettori uditivi sono cellule specializzate, provviste di ciglia, che svolgono la trasduzione meccano-elettrica. E' questo un termine tecnico per definire la trasformazione del movimento dei liquidi in un segnale elettrico (o bio-elettrico). All'interno della coclea il suono (vibrazione dell'aria, poi degli ossicini e poi dei liquidi) si trasforma in segnale elettrico. Il segnale elettrico è l'unico tipo di segnale che il nostro cervello è in grado di analizzare e interpretare.
Sempre all'interno della coclea, alla base di ogni recettore (o cellula cigliata), parte una piccolissima fibra nervosa. Tutte queste fibre si dirigono verso il centro della coclea e si riuniscono in un fascio, è questo il nervo cocleare, detto anche nervo acustico. Il nervo acustico (ottavo nervo cranico) raggiunge il ponte e i nuclei cocleari, da qui partono altri neuroni che raggiungono le aree uditive. Orientativamente l'area uditiva si trova sopra nella regione temporale, cioè al di sopra del padiglione auricolare. Quest'area uditiva è stata studiata da Brodmann ed è stata identificata con la n. 41 e 42.
Dalla coclea esce quindi un segnale elettrico che attraverso le vie nervose raggiunge l'area uditiva (41 e 42 di Brodmann). Solo i segnali bio-elettrici che raggiungono queste aree sono interpretati dal nostro organismo come percezione sonora.

Fatta questa premessa riprendo la domanda iniziale: che cos'è un acufene?
L'acufene è un suono o rumore che non esiste nell'ambiente esterno; si tratta di un alterato segnale elettrico che raggiunge le aree uditive e solo chi è affetto da questo problema lo percepisce. A questa affermazione esiste una eccezzione: gli acufeni oggettivi. Sono questi acufeni pulsanti, sono piuttosto rari e non li affronterò in questo articolo. 

Cerco ora di illustrare dove possono essere localizzati processi patologici che possono determinare acufeni. Seguendo l'anatomia le prime malattie che possono generare suoni sono le malattie dell'orecchio medio, come la presenza di catarro endotimpanico, oppure la trasmissione anomala di movimenti dell'articolazione temporo-mandibolare verso la tuba di Eustachio, la presenza di tumori glomici, l'otosclerosi, le otiti croniche, ecc. Solitamente tutte queste malattie si caratterizzano per una ipoacusia di trasmissione e spesso si riesce a fare una corretta diagnosi.
La seconda sede è la coclea. Qui esistono i liquidi endolinfatici, i recettori acustici e le terminazioni nervose. I liquidi endolinfatici possono andare incontro a malattie che ne alterano la loro pressione, si manifesta il quadro dell'idrope endolinfatica. L'idrope è un fenomeno che per molti aspetti è ancora misterioso, consiste in un aumento di pressione dei liquidi e questo incremento pressorio giustifica la stimolazione anomala e persistente dei recettori. Pertanto in assenza di stimolo sonoro i recettori acustici sono egualmente sollecitati e fanno partire un segnale elettrico che il nostro cervello interpreta come rumore.
Nella coclea ci sono anche le cellule cigliate e in molte patologie caratterizzate dalla associazione non costante con gli acufeni si è potuto vedere al microscopio elettronico la perdita delle ciglia. Le malattie più comuni caratterizzate dal fenomeno delle alterazioni cigliari sono il trauma acustico cronico e la presbiacusia (cioè invecchiamento dell'orecchio).
Non ancora studiata è la possibilità che segnali bio-elettrici anomali si possano generare a carico delle sinapsi tra recettore e nervo.

Altro aspetto ancora oscuro è se lungo la via nervosa acustica (nervo acustico, nuclei cocleari, vie nervose ascendenti, corteccia uditiva) ci possono essere generatori di stimoli bio-elettrici anomali.

Esiste inoltre un altro aspetto da tenere in considerazione sempre. E' un principio generale della medicina: un organo funziona bene quando ha una buona circolazione ematica. Ritengo che lo stesso principio si possa applicare alla coclea e alle vie nervose acustiche.

In definitiva l'acufene è un anomalo stimolo bio-elettrico che raggiunge la corteccia uditiva del paziente e viene riferito come suono o rumore. Non c'è la sorgente sonora, ma c'è un'alterazione nella stimolazione elettrica.
Le prove audiologiche le considero importanti e ci permettono di valutare l'eventuale perdita uditiva.
L'acufene può essere senza perdita uditiva oppure associato ad una perdita uditiva. Come medico sono portato a ritenere che laddove c'è perdita uditiva ci sia anche la sede dell'acufene. Moltissime persone soffrono di ipoacusia cocleare e alcune di loro riferiscono acufeni. In questi casi è quasi certo che la sede dell'acufene sia la coclea. 

L'acufene è sempre irreversibile?
Molte volte i pazienti si sentono dire: "per Lei non c'è alcun rimedio, si dovrà tenere il suo acufene per sempre" e il paziente cade nello sconforto. Non amo scrive di psicologia, però ci vuole poco a capire che qualsiasi persona quando si sente dire che non esiste alcun rimedio per il suo problema, come minimo, va in depressione. Purtroppo l'acufene è un serio problema e spesso non si riesce a trovare una causa e quindi non si riesce ad eliminarlo. Occorre però tener presente alcuni aspetti ai quali dò molta importanza.
L'acufene è insorto da poco tempo, per esempio da meno di due mesi. In questi casi è abbastanza ragionevole pensare che i meccanismi che hanno portato a generare questo disturbo non siano cronicizzati e pertanto c'è spazio per intervenire.
L'acufene è intermittente. Il paziente avverte momenti di benessere dove l'acufene non c'è e momenti di estremo fastidio. E' chiaro che ogni caso va studiato, però è questo un aspetto positivo perchè significa che ci sono dei momenti dove segnali elettrici anomali non ci sono. Possibilità almeno teoriche di curare questi acufeni esistono.
L'acufene ha un andamento pendolare. Intendo un acufene che c'è sempre, da oltre un anno, ma la sua intensità è variabile. E' questo un acufene molto difficile da eliminare, ma il fatto che abbia una sua variabilità è possibile che possa recedere o si possa renderlo più sopportabile. 

Se si desidera una visita medica otorinolaringoiatrica perchè si soffre di acufeni è bene che questo problema sia specificato durante la prenotazione. La visita per questi casi richiede molto tempo e questo è stato meglio precisato in un altro articolo presente in questo sito.

 

 


HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Otorinolaringoiatra:
Dott. Carlo Govoni

chirurgia otorinolaringoiatrica
e visite specialistiche
per appuntamento
059449111
3358040811 

hesperia modena govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

DIAGNOSI E TERAPIA

è una rivista sulla salute in distribuzione nelle farmacie
www.det.it

logoDiagnosiTerapiaP2

Nel numero di aprile 2017
c'è un articolo
di Carlo Govoni 
Perforazioni della
membrana timpanica.
http://www.det.it

http://www.det.it/category/articoli/otorinolaringoiatria/

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811

Rinite cronica ostruttiva

Coloro che hanno difficoltà
a respirare dal naso
possono trovare beneficio
da interventi mini-invasivi
sui turbinati inferiori 

otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 18175 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 10100 visitatori
chirurgia-ambulatorialeInterventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di un piccolo frammento...
Letto da 14491 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e in assenza di perturbazioni...
Letto da 18098 visitatori
valutazione-audiometrica-audiologica-bilancioLe prove audiometriche rivestono un ruolo ezzenziale nell'ambito della visita otorinolaringoiatrica per malattie otologiche. Raramente consentono di arrivare ad una diagnosi, ma sono essenziali per arrivare ad una diagnosi di sede, cioè per comprendere in quale parte dell'orecchio è presente la malattia. L’udito è un organo di senso fondamentale nella vita di relazione.  Ricordo la famosa frase di Helen...
Letto da 35239 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che consiste nell’impiego di sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte del paziente. Interessanti sono i test psicometrici che consentono...
Letto da 15276 visitatori
valutazione-vestibolareL'equilibrio è un senso molto importante e viene studiato con le prove vestibolari. Valutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare sono tutte procedure molto simili. L’orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di...
Letto da 42733 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 30142 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 6628 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com