NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale 

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

La sordità è un fenomeno correlato all'invecchiamento, quindi non evitabile.

percentuale ipoacusici

Nell'istogramma sono riportate le percentuali di persone con perdita uditiva superiore a 25 dB (ipoacusia lieve) come indicato da Van Eyken et al. (1).

E’ possibile prevenire la sordità?
La perdita uditiva è un evento fisiologico che va di pari passo con l’avanzare dell’età (presbiacusia). Se la vita umana arrivasse a duecento anni saremmo tutti sordi. Occorre quindi capire quali sono quei comportamenti che portano ad un peggioramento uditivo e vedere che cosa si può fare per evitare il decadimento di questo senso così importante.

Il primo fattore di rischio è il rumore intenso.

L’uomo si espone a rumori intensi per motivi professionali e voluttuari. Per rumore intenso nel settore lavorativo s'intendono quegli ambienti dove il rumore supera 85 dB. Nelle discoteche il rumore può raggiungere i 100 dB ed anche superarli.
Il rumore industriale è oggetto di numerose disposizioni legislative a tutela del lavoratore. Per tutelare i lavoratori si agisce su due fronti: quello delle protezioni individuali (tappi e cuffie antirumore) e quello dell’insonorizzazione delle macchine. La vera protezione è l’insonorizzazione delle macchine utensili, ma esistono dei seri ostacoli a realizzarla. Indubbiamente l’uso di otoprotettori individuali è una importante alternativa quando non si può far nulla sulle macchine. Se siete lavoratori in ambiente rumoroso è bene che facciate il possibile per prevenire danni verificando che quanto ho scritto sia poi messo in pratica nello stabilimento.
L'effetto del rumore sull'uomo è un problema individuale, questo problema prende il nome di trauma acustico cronico. I lavoratori, soprattutto i giovani, non si rendono conto dell’importanza di proteggere il loro udito quando questo è perfetto. Nonostante che i datori di lavoro forniscano gli strumenti adatti affinchè il lavoratore si protegga, questi ultimi spesso non li usano. Questo è il vero problema. Il lavoratore deve comprendere che la perdita uditiva per effetto del rumore è un danno estremamente subdolo. La frequenza che maggiormente è interessata è quella di 4000 Hz.
Qui sotto riporto un esame dell’udito di un lavoratore esposto a rumore dopo pochi anni di esposizione. Come si può osservare il tratto che comprende le frequenze gravi e centrali è normale. La voce di conversazione è compresa entro i 2000 Hz e pertanto questo lavoratore non ha problemi nei rapporti sociali, sente bene le persone quando parlano. Egli in realtà ha già un grave danno uditivo, irreversibile, e non se ne accorge. E’ questo il vero problema del peggioramento uditivo del lavoratore esposto a rumore: subisce un danno e non se ne accorge.

audiometrico-govoni-1

Riporto ora un secondo esame audiometrico di una persona che ha un sensibile danno uditivo. Come si può vedere sono abbassate anche le frequenze di 1000 e 2000 Hz e pertanto la comunicazione verbo-acustica di quest’uomo denuncia dei problemi. Egli è ancora in grado di comunicare, ma gli sfuggono alcuni fonemi, può non comprendere bene alcune parole. Se queste parole sono fondamentali può non capire l'intera frase.

audiometrico-govoni-2

Purtroppo non esiste una terapia, non c’è un farmaco che possa migliorare l’udito. Quindi l’unico mezzo che un uomo, soprattutto se esposto a rumori intensi, ha per prevenire la sordità da rumore è proteggere il proprio udito. Questo deve farlo da giovane, cioè quando inizia il lavoro e deve farlo per sempre.

Lo stesso discorso vale per il rumore voluttuario. Mi riferisco alla musica e in particolare alla musica delle discoteche. La rumorosità ambientale è un importante problema, su questo argomento è difficile dare consigli di prevenzione. Un consiglio potrebbe essere quello di non frequentare discoteche e di non ascoltare musica, ma lo ritengo eccessivamente drastico.
E’ evidente che la discoteca è un luogo di svago e di socializzazione e il rinunciarci comporterebbe altri problemi comportamentali. Ritengo giusto, soprattutto per i giovani, frequentare discoteche. Una volta alla settimana dovrebbe essere più che sufficiente. Poi si dovrebbe cercare di non passare cinque ore sempre in pista, dove c'è la massima sonorità, ma cercare posti isolati, dove potersi riposare senza ascoltare musica ad altissimo volume.
Quello che si dovrebbe assolutamente evitare è l’ascolto personale di musica assordante come all’interno della propria camera, o della propria auto o con le cuffiette dell'iPhone. Ricordate che suoni intensi sono particolarmente dannosi. Ascoltarli a scopo voluttuario è un comportamento irrazionale. Se nella discoteca ci sono le finalità del ballo e della socialità, nel privato questi motivi non ci sono, pertanto quando si è soli si dovrebbe ascoltare la musica sempre ad una intensità moderata.

Qual è l’intensità sonora che non danneggia l’udito?
Non esiste un limite preciso, anche perché non tutti gli uomini sono egualmente resistenti al rumore. Si considera un suono inferiore a 80 dB come un suono non otolesivo. In termini pratici 80 dB è il suono di una conversazione a voce molto alta.

La durata dell’esposizione influenza il danno uditivo?
Certamente. La durata è un elemento importantissimo e difficilissimo da valutare. Nella realtà è molto più danneggiato un operaio che lavora col martello pneumatico tutti i giorni rispetto ad un bibliotecario che una volta alla settimana va in discoteca. E' possibile che rumori ai limiti della otolesività (80-83 dB) con una esposizione di due o tre decenni possano dare più danni rispetto a rumori di 100-110 dB dove l'esposizione è saltuaria. Per esempio chi usa armi da fuoco andando a caccia si espone ad un rumore intenso, ma molto limitato nella durata. Molte volte capita di visitare cacciatori che hanno un udito normale, proprio perchè sparano poco. Un esempio tipico di scarsa esposizione sono coloro che praticano la caccia al capriolo.
Ben diverso è il bibliotecario che pratica il tiro al piattello, allenandosi più volte alla settimana. Se non si proteggerà adeguatamente subirà un danno uditivo irreversibile.

Esistono integratori alimentari per proteggere l’udito?
Oggi si parla molto di integratori. Questi sono prodotti solitamente composti di estratti di piante medicinali, Sali minerali e vitamine. I componenti di questi prodotti sono sempre benefici. Sono registrati al Ministero della Salute e pertanto le loro caratteristiche sono ben definite. Il vero problema è che molti di questi prodotti sono blandi e non sempre si riesce ad ottenere il beneficio indicato nel foglietto illustrativo.

Cosa fare per prevenire la sordità?
Tutte le volte che si vuole combattere un nemico bisogna conoscere il nemico. In questa occasione il nemico è il deterioramento progressivo dell'udito e possiamo conoscerlo sottoponendoci periodicamente ad esami audiometrici. Occorre distinguere le persone in due gruppi: chi è a rischio di danno uditivo e chi non lo è.

Per le persone non a rischio consiglio un esame audiometrico ogni 5 anni fino a 50 anni di età, poi un'esame ogni tre anni fino a 70 anni e dopo un esame ogni anno. Ovviamente l'esame audiometrico dovrà essere eseguito in tempi brevi se c'è un rapido peggioramento sensoriale acustico.

Per persone a rischio intendo quelle che lavorano in ambienti dove c'è una rumorosità ambientale superiore a 80 dB(A) oppure che soffrono di malattie croniche dell'orecchio o hanno una familiarità per ipoacusia. Per queste persone è bene che si sottopongano ad esame audiometrico una volta all'anno, indipendentemente dall'età.

La prevenzione della sordità è anche un tema affrontato dalla WHO, Risoluzione n. 139.R1, maggio 2017.

Esistono altri fattori che condizionano l'udito oltre al rumore?
La risposta è sì. In particolare ci si riferisce alle malattie dell'orecchio e ai farmaci ototossici. L'importante è cercare di avere una vita sana e non aver mai bisogno di ricorrere a farmaci importanti come quelli per il trattamento delle malattie tumorali. I farmaci ototossici sono soprattutto tra gli antiblastici, alcuni antibiotici, il chinino ed anche l'acido acetilsalicilico.

Bibliografia
1 – Van Eyken E, Van Camp G, Van Laer L.: “The complexity of age-related hearing impairment: contributing environmental and genetic factors” Audiol Neurootol, 2007; 12(6): 345-358.

 

Altri articoli in materia di prevenzione:
prevenzione dei carcinomi del naso
prevenzione dei tumori maligni della testa e del collo
- prevenzione dei tumori laringei
-
 prevenzione del decadimento cognitivo nell'anziano

 

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

Artemisia Roma

roma artemisia alessandria centro diagnostico specialistico eccellenza otorinolaringoiatria carlo govoni

il dott. Carlo Govoni
visita presso ARTEMISIA
via Piave, 76 - Roma
Tel. 0642100
(+39) 3358040811
ingresso centro specialistico diagnostico otorino carlo govoni

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

milano casa di cura columbus clinic center
COLUMBUS
CLINIC CENTER s.r.l. 

MILANO
via Buonarroti, 48
Zona Fiera Milano City

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

per un appuntamento
tel. 02480801
3358040811  NO SMS

prenotazioni on-line compilare il form:
https://www.columbus3c.com/prenota/

  

CASA di CURA
VILLA VERDE 

REGGIO EMILIA
viale Lelio Basso, 1

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

Visite specialistiche
il venerdì mattina

solo per appuntamento
tel. 0522328611
3358040811
reggio emilia villa verde casa di cura otorino govoni 

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

Attento a leggere un libro di medicina: potresti morire per un errore di stampa.

Mark Twain   1835 - 1910

Questa era una raccomandazione del XIX° secolo. Oggi i tempi sono cambiati, siamo evoluti, casualmente possiamo morire per un errore di stampa, ma si può anche morire per gli errori del WEB.


Ronzii nella testa o in un orecchio e uso eccessivo del WEB

otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 21646 visitatori
biopsia-otorino-govoniLa biopsia o prelievo bioptico è una tecnica semplice che viene utilizzata sia in ambulatorio che in corso d'intervento. Le finalità sono diverse. Biopsia ambulatoriale.Lo scopo della biopsia ambulatoriale è quello di togliere un pezzetto di tessuto e farlo analizzare allo scopo di capire la natura della malattia. Nell'ambito della testa e del collo le biopsie ambulatoriali si eseguono su ogni parte della pelle della testa...
Letto da 31829 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 8806 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 5951 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e...
Letto da 21213 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 62619 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 78910 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 21134 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 53947 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com