NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale 

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

La tuba di Eustachio è di estrema importanza per un normale funzionamento dell’orecchio; serve per drenare secrezioni e per equilibrare la pressione dell’aria. 

In passato si era compreso che l’orecchio in alcuni casi di sordità poteva trattenere secrezioni che ne impedivano il normale funzionamento, ma esistevano molti aspetti sconosciuti. E’ stato Bartolomeo Eustachio (1510-1574) il primo a descrivere un condotto che unisce l’orecchio medio con la parte più profonda del naso (il rinofaringe). Questo condotto è noto col nome di Tuba di Eustachio o più semplicemente Tuba o Tromba uditiva.

Si tratta di un condotto lungo circa quattro centimetri, dove la parte iniziale è scavata nell’osso che contiene l’orecchio (osso temporale), mentre i due terzi verso il naso hanno un sostegno fibrocartilagineo. Eustachio non riconobbe subito l’importanza della sua scoperta, fu Antonio Maria Valsalva (1666-1728) a capire il ruolo fisiopatologico della tuba faringo-timpanica. Valsalva è stato il primo medico a riconoscere l’esistenza di ipoacusie da deficitaria areazione della cassa del timpano.

Le funzioni della Tuba sono quattro.

1 – Drenaggio. Tutto l’orecchio medio e le numerose cavità scavate nella mastoide e ad esso collegate sono rivestite da mucosa. La mucosa è il rivestimento di tutte le cavità interne del nostro organismo. La mucosa produce sempre minime quantità di secrezioni. Tutto il sistema di cavità mastoidee e lo stesso orecchio medio hanno solo una possibilità di drenaggio che è appunto costituita dalla Tuba di Eustachio.

2 – Ventilazione della cassa timpanica. Affinché l’orecchio medio possa funzionare bene è necessario che nell’orecchio medio, cioè in quella parte dell’orecchio che sta al di là della membrana timpanica ci sia aria e l’aria deve avere la stessa pressione dell’ambiente in cui si trova la persona in quel momento. Questa funzione è quindi più complessa, non si tratta di semplice ventilazione ma deve anche portare ad un equilibrio tra la pressione ambientale e quella dell’orecchio medio.

3 - Mantiene la sterilità dell'orecchio medio. Le pareti della tuba o tromba di Eustachio sono per la maggior parte del tempo schiacciate, pertanto questo condotto è chiuso. In questo modo l'orecchio medio e le cellule mastoidee sono cavità sterili.

4 - Impedisce all'orecchio di sentire rumori endogeni. I rumori prodotti dal nostro corpo, soprattutto quelli che si generano quando parliamo e quando mastichiamo, non si trasmettono per via aerea all'orecchio medio perchè questo condotto è chiuso (sappiamo che si apre solo per brevi periodi). 

 articolazione temporo condilo mandibolare glenoide atm orecchio medio otorino govoni

 

Nell'immagine si vede un modello anatomico che mette in mostra l’orecchio medio e la tuba di Eustachio. Purtroppo la realtà non è così semplice, la tuba non è un condotto dalle pareti ben delineate come si vede nel modello. Nel soggetto vivente è molto difficile apprezzare la tuba perché le sue pareti sono di scarsa consistenza e sono quasi costantemente schiacciate. Con esami TAC e Risonanza Magnetica la Tuba è praticamente invisibile, perché le sue pareti sono collabite e all’interno non c’è aria. La Tuba si apre solo per brevi momenti: il tempo di far uscire secrezioni e far entrare aria nell’orecchio medio. In condizioni normali le pareti della tuba sono schiacciate e negli esami radiologici si confonde con i muscoli adiacenti.

Fiancheggiano la tuba quattro muscoli: il tensore del velo palatino e l’elevatore del velo, il muscolo salpingo-faringeo e il tensore del timpano. Sono questi 4 muscoli a tener schiacciata la tuba e a renderne difficoltosa la visione radiologica.

Con l’aiuto della foto possiamo comprendere che la tuba ha un decorso che va dall’orecchio medio verso il naso e da laterale a mediale (cioè nell’andare verso il rinofaringe si avvicina alla linea mediana della testa). Sempre nella fotografia si osserva la cassa del timpano. E’ stata dipinta in colore rosa scuro, si vede che ha una forma allungata. Nella realtà la cassa del timpano ha grosso modo la forma di una lente. Vicino alla sua parte superiore (epitimpano) c’è un orifizio denominato aditus ad antrum.

Attraverso l’aditus si arriva all’antro, è questa una grossa cellula (cioè una grande cavità che si trova nella mastoide) e in questa confluiscono tante altre cavità minori (cellule mastoidee).

Da questa premessa anatomica possiamo capire che le due funzioni: drenaggio e ventilazione, sono molto importanti e per ciascun orecchio esiste solo la tuba di Eustachio che svolge tali funzioni.

articolazione temporo condilo mandibolare atm orecchio medio otorino govoni

Si parla molto dei rapporti tra articolazione temporo-mandibolare e tuba di Eustachio. Per comprendere meglio la posizione del condilo mandibolare ho ripreso l’immagine precedente ed ho disegnato il condilo. La mandibola, con l’eccezione degli ossicini dell’udito, è l’unico osso mobile della testa. Quando apriamo e chiudiamo la bocca il condilo si porta in una posizione più anteriore. La parte mediale del condilo è in contatto con i muscoli peritubarici ed è pure molto vicino alla porzione fibrocartilaginea della tuba. Ho detto che questa porzione è strutturalmente debole, pertanto i movimenti dell’articolazione temporo-mandibolare influenzano la funzione tubarica. I movimenti dell'articolazione temporo-mandibolare sono oggetto di numerose ricerche, questi movimenti, se alterati, possono essere causa di acufeni somato-sensoriali.

L’apertura e chiusura della bocca muove i condili contro i muscoli che accompagnano la tuba e questi movimenti costituiscono una sorta di massaggio ai muscoli. Tutto questo favorisce l’apertura della tuba stessa.

L’apertura della tuba è una fase molto importante nella vita quotidiana. Una tuba chiusa comporta il ristagno di secrezioni catarrali nell’orecchio medio, quindi ipoacusia. Il passaggio da ipoacusia ad acufeni è piuttosto frequente.

La funzione della tuba si studia con l'impedenzometria.

tympanometry A B govoni

Nel disegno si osserva a sinistra un timpanogramma Tipo A, è normale ed è segno che la tuba di Eustachio sta equilibrando correttamente la pressione nell'orecchio medio.
Nell'immagine di destra, timpanogramma di Tipo B, è un timpanogramma piatto. E' la situazione estrema, in questo caso la tuba non svolge la sua funzione.

 

 

Ti potrebbe anche interessare:
- Barotrauma
- Ipoacusie di trasmissione    

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

Attività chirurgica otorinolaringoiatrica
Dott. Carlo Govoni

Casa di Cura Columbus
via Buonarroti, 48 - MILANO

milano columbus clinic center otorino ent

 

Hesperia Hospital
via Arquà, 80 - MODENA

hesperia modena govoni

info:  3358040811   NO SMS

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

Artemisia Roma

roma artemisia alessandria centro diagnostico specialistico eccellenza otorinolaringoiatria carlo govoni

il dott. Carlo Govoni
visita presso ARTEMISIA
via Piave, 76 - Roma
Tel. 0642100
(+39) 3358040811
ingresso centro specialistico diagnostico otorino carlo govoni

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

CASA di CURA
VILLA VERDE 

REGGIO EMILIA
viale Lelio Basso, 1

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

Visite specialistiche
il venerdì mattina

solo per appuntamento
tel. 0522328611
3358040811
reggio emilia villa verde casa di cura otorino govoni 

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 22512 visitatori
visita-specialistica-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica è rivolta a pazienti di ogni età: dal neonato di un giorno al anziano ultracentenario; le manovre che lo specialista utilizza non provocano dolore.Attraverso la visita si valutano le orecchie (otoscopia o se eseguita al microscopio: otomicroscopia), le fosse nasali (rinoscopia anteriore e posteriore) e la laringe (laringoscopia indiretta). La visita si completa con la palpazione del collo, la...
Letto da 65386 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e...
Letto da 22138 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 7106 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 57413 visitatori
esame-impedenzometricoLa valutazione impedenzometrica serve per studiare la funzione uditiva in modo oggettivo. E' questa una materia strettamente specialistica di competenza degli otorinolaringoiatri. Essendo una metodica oggettiva consente una valutazione dell'apparato uditivo senza la necessità di avere le risposte del paziente. Nell'ambito della valutazione impedenzometrica si riconoscono alcune tecniche specifiche: le più...
Letto da 45826 visitatori
consulenze-otorinoIl dott. Govoni è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici (medico otorinolaringoiatra) presso il Tribunale di Reggio nell’Emilia. Ha eseguito numerose consulenze tecniche (perizie) per Magistrati (dette anche Consulenze Tecniche d'Ufficio - CTU). Ha redatto anche relazioni tecniche per coloro che reclamano un danno (perizie di parte). E' disponibile per effettuare consulenze tecniche solo per malattie di competenza...
Letto da 15975 visitatori
visita-otorinolaringoiatrica-per-bambiniLa visita medica specialistica è utile per risolvere molti problemi clinici. La maggior parte dei bambini, intendo quelli da un giorno a dodici anni, possono soffrire di parecchie malattie, ma quelle più frequenti sono le patologie dell'orecchio, del naso e della gola. La visita otorinolaringoiatrica per un bambino è simile a quella dell'adulto, semplicemente più semplice. Dico più semplice perchè...
Letto da 10785 visitatori
fibrorinoscopia-laringofibroscopiaLa fibroendoscopia laringea e la fibroendoscopia nasale sono esami clinici finalizzati all'osservazione della laringe e delle cavità interne del naso. Altri sinonimi sono laringofibroscopia e rinofibroscopia o nasofibroscopia o videorinoscopia. Non sempre la rinoscopia e la laringoscopia descritte nella visita otorinolaringoiatrica permettono di inquadrare perfettamente il paziente. In questi soggetti e nei pazienti in cui si vuole...
Letto da 83092 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com