NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dott. Carlo Govoni

Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria
Chirurgia cervico facciale 

Tel. 3358040811   NO SMS

Riceve solo per appuntamento in poliambulatori e cliniche private

Otalgia significa dolore all'orecchio, è un sintomo molto frequente e spesso viene descritto come un dolore particolarmente intenso, superiore a quello del mal di denti. Il dolore può sorgere in diverse parti dell'orecchio. Desidero, prima di affrontare l'argomento, proporre alcuni ricordi anatomici. L'orecchio si divide in tre parti: orecchio esterno, orecchio medio e orecchio interno.

orecchio esterno medio interno in sezione

Figura 1 - le tre parti in cui si suddivide l'orecchio.

L'orecchio esterno (external ear della figura) può essere causa di otalgia. Trattandosi di una parte esterna, quindi ben visibile, è facile individuare la causa del dolore. Il padiglione (1) può essere colpito da traumi o infezioni mentre il condotto uditivo esterno (2) è quasi sempre sede di otiti esterne. L'orecchio medio (middle ear) è quella parte dell'orecchio contenuta in una cavità (cassa del timpano) separata dall'orecchio esterno dalla membrana timpanica (3). Nell'orecchio medio sono contenuti i tre ossicini: martello (4), incudine (5) e staffa (6). Quando parliamo di dolore all'orecchio questo spesso sorge per una malattia localizzata nell'orecchio medio. L'orecchio interno (internal ear) è quella parte che contiene il labirinto (7) e la coclea (8) dai quali partono rispettivamente il nervo vestibolare (9) e il nervo cocleare (10).

Distinguiamo le otalgie vere dove il dolore proviene dall'orecchio, mentre nelle otalgie riflesse il dolore insorge da sedi vicine all'orecchio: si tratta di dolori a provenienza oro-faringo-laringea o da cause odontogene (ovvero dentarie) o da alterazioni dell'articolazione temporo-mandibolare.

    Otalgia vera              il dolore proviene dall'orecchio - quasi sempre l'otoscopia è positiva
 Otalgia riflessa o otodinia

   il dolore proviene da altre zone (più spesso malattie del cavo orale, del faringe, delle tonsille e dai denti)    - l'otoscopia è negativa

 

Nei dolori auricolari di qualsiasi tipo il primo passo è sempre la visita specialistica con una accurata otoscopia. Questa manovra ci aiuta moltissimo per capire se il dolore proviene dall'orecchio esterno o dalla membrana timpanica o dall'orecchio medio.
Qui faremo riferimento alle malattie che provocano dolore all'orecchio a partenza dall'orecchio medio. Le patologie più frequenti sono:
- Otite media acuta
- Stenosi tubarica
- Traumi diretti e indiretti
- Baropatie
- Tumori dell'orecchio.

L'otite media acuta è sicuramente la causa di dolore auricolare più frequente. Questa è una infiammazione acuta del rivestimento muo-periosteo della cassa del timpano [la cassa del timpano è indicata in tratteggio nella figura]. E' una malattia a rapida insorgenza e prognosi favorevole. Si riconoscono quattro principali forme di otite media acuta: a) purulenta (dovuta a infezione batterica); b) bolloso-emorragica; c) ulcero-necrotizzante (spesso da causa virale) e  d) siero-mucosa (da disfunzione tubarica).  
All'inizio dell'otite viene riferito dal paziente un dolore continuo, sordo, localizzato nella profondità dell'orecchio. Ci può essere irradiazione posteriore, verso la mastoide. E' sempre presente una diminuzione dell'udito e rimbombo della voce (autofonia). Possono esserci vertigini e/o acufeni. Sul piano generale si caratterizza per la febbre, malessere, nausea e vomito. La sintomatologia generale è più evidente nei bambini, meno negli adulti. All'otoscopia il riscontro di una membrana arrossata e congesta è costante.
Nei giorni seguenti il quadro clinico peggiora, il dolore diventa lancinante, spesso pulsante. Tutti gli altri sintomi già descritti si accentuano. Il questa fase con l'otoscopio si osserva una membrana estroflessa.
A questa fase può seguire la perforazione della membrana. In questa eventualità il dolore si attenua, però dal condotto uditivo fuoriesce una secrezione siero-ematica e poi decisamente purulenta. All'otoscopia si osserva questo essudato e dopo aspirazione è possibile individuare la perforazione.
La fase successiva è quella della guarigione. L'otorrea cessa e la perforazione molte volte si chiude spontaneamente. Se il trattamento antibiotico è stato efficace e la perforazione non c'è stata si osserva la membrana riprendere lentamente il suo colorito normale e scompaiono i segni dell'estroflessione. Se la perforazione persiste e non si chiude dopo alcuni mesi, previa attenta valutazione del caso, c'è indicazione all'intervento di miringoplastica. 

 

La stenosi tubarica è una patologia di frequente riscontro. Provoca sensazione di ovattamento e rimbombo della voce. Non c'è una vero dolore, ma più spesso un fastidio. Con le prove audiologiche si può capire bene se il paziente ha un problema tubarico. Occorre tenere presente che tutte le secrezioni provenienti dall'orecchio medio e dalla mastoide hanno un'unica via di drenaggio costituita dalla Tuba di Eustachio, pertanto è molto facile che il paziente sia affetto da una stenosi, quasi sempre di carattere infiammatorio, della tuba stessa.

 

I traumatismi dell'orecchio sono abbastanza rari. In passato, quando i motociclisti non usavano il casco erano più frequenti. Le lesioni più frequenti sono da pugni o schiaffi sul padiglione auricolare (fig. 1 - 1), ma queste riguardono l'orecchio esterno. E' possibile per compressione dell'aria contenuta nel condotto uditivo esterno (fig. 1 - 2) che ad un pugno o uno schiaffo faccia seguito una lacerazione della membrana timpanica (fig. 1 - 3). Questa evenienza non è eccezionale ed è iportante causa di dolore e di ipoacusia.
I traumatismi più importanti che coinvolgono l'orecchio medio sono le fratture della rocca. Queste si verificano in conseguenza di traumi cranici importanti che possono essere diretti sull'osso temporale, ma anche indiretti. Le possibilità di fratturarsi della rocca petrosa sono molteplici e la sintomatologia e diretta conseguenza del tipo di frattura.

fratture rocca petrosa trauma cranico otoneurologo carlo govoni medico

Figura 2 - Le principali linee di frattura della rocca petrosa.
FT - frattura trasversa;  FL - frattura longitudinale; FS - frattura che interessa la sola squama.

Se la frattura interessa la coclea (per esemplio la frattura longitudinale - FL ) si ha la perdita improvvisa dell'udito in forma irreversibile. Si associa una vertigine importante che col passare dei giorni tende a migliorare. Il miglioramento è denominato compenso vestibolare ed è più rapido nei soggetti giovani. Se la frattura interessa il canale di Falloppio si avrà il quadro clinico della paralisi del nervo faciale (VII nervo cranico). Le fratture che interessano solo la cassa del timpano sono più benigne. Il sintomo principale è una ipoacusia di trasmissione con sensazione di autofonia. Nei casi più fortunati dove c'è solo emotimpano e non c'è il distacco della catena ossiculare nelle settimane successive il paziente andrà incontr ad un miglioramento. Quando c'è interruzione della catena ossiculare il miglioramento potrà avvenire con un adeguato trattamento chirurgico.
In caso di trauma cranico con sospetta frattura della rocca, anche se il dolore all'orecchio (otalgia) è scarso, si impone una visita otorinolaringoiatrica urgente con prove audiometriche. Se il paziente è grave e non può alzarsi da letto è bene che sia richiesta egualmente la visita otorinolaringoiatrica.

 

 Le baropatie sono le malattie provocate dai cambiamenti della pressione ambientale. Vengono anche definiti barotraumi ed è un fenomeno che interessa soprattutto chi fa immersioni subacquee. Si rimanda allo specifico articolo.

 

I tumori dell'orecchio sono malattie piuttosto rare. Distinguiamo i tumori dell'orecchio esterno (padiglione, conca auris e condotto uditivo esterno) e i tumori dell'orecchio medio. Si tratta di malattie più frequentemente benigne, ma possono anche presentarsi forme maligne. In queste ultime assume molta importanza l'intervento chirurgico. I tumori possono anche colpire l'orecchio interno (cioè coclea, labirinto e nervi vestibolo-cocleare e facciale).
Per quanto rigurda il sintomo dolore solitamente i tumori dell'orecchio si presentano con un dolore lieve o assente. Quando è presente si tratta di un dolore persistente. All'inizio che sembra altalenante, poi si fa sempre più deciso e persistente. E' importante che il paziente si sottoponga a diverse visite perchè è facile che nelle fasi iniziali l'orecchio sia normale all'otoscpia e le prove audiometriche siano normali o pochissimo alterate e pertanto il medico otorinolaringoiatrica non riesca a fare una diagnosi corretta. Col passare del tempo i segni di sospetto di una neoformazione diventano più evidenti.  
Nelle pagine dedicate all'oncologia troverete un articolo sui tumori maligni dell'orecchio. 

 

Il dolore all'orecchio può anche insorgere a partenza dall'orecchio esterno (fig. 1), in questi casi le patologie più frequenti sono le otiti esterne e i corpi estranei dell'orecchio.

Otalgia significa quindi dolore all'orecchio. Il dolore può essere determinato da una malattia dell'orecchio ed abbiamo visito le più importanti. In altri casi il dolore viene riferito dal paziente all'orecchio, ma ha una origine diversa. Quasi sempre l'origine riguarda il rinofaringe e l'orofaringe. In casi più rari è un problema dentario o dell'articolazione temporo-mandibolare. Tutte le volte che una persona ha dolore ad un orecchio il primo specialista di riferimento è l'otorinolaringoiatra. 

o o o o O o o o o

 

In questo sito sono presenti altri articoli correlati:
- I tumori maligni dell'orecchio
- L'otite barotraumatica 
Ipoacusie infantili 
Protesi acustiche 
Neuroscienze: otoneurolaringologia - la percezione sonora

- Dolore nell'orecchio, ipoacusia e vertigine

HESPERIA  HOSPITAL
via Arquà, 80 - MODENA 

Specialista in Otorinolaringoiatria:
Dott. Carlo Govoni

visite specialistiche private
solo per appuntamento

059449111

3358040811   NO SMS

hesperia modena govoni

Attività chirurgica otorinolaringoiatrica
Dott. Carlo Govoni

Casa di Cura Columbus
via Buonarroti, 48 - MILANO

milano columbus clinic center otorino ent

 

Hesperia Hospital
via Arquà, 80 - MODENA

hesperia modena govoni

info:  3358040811   NO SMS

If you don't understand italian language,
select a translation in the top right.

Artemisia Roma

roma artemisia alessandria centro diagnostico specialistico eccellenza otorinolaringoiatria carlo govoni

il dott. Carlo Govoni
visita presso ARTEMISIA
via Piave, 76 - Roma
Tel. 0642100
(+39) 3358040811
ingresso centro specialistico diagnostico otorino carlo govoni

www.dottori.it

è possibile la prenotazione
di visita on-line
andando sul sito
https://www.dottori.it/carlo-govoni-134576

info  3358040811

CASA di CURA
VILLA VERDE 

REGGIO EMILIA
viale Lelio Basso, 1

Specialista otorinolaringoiatra 
dott. Carlo Govoni

Visite specialistiche
il venerdì mattina

solo per appuntamento
tel. 0522328611
3358040811
reggio emilia villa verde casa di cura otorino govoni 

Per fissare un appuntamento
col  dott. Carlo Govoni
otorinolaringoiatra
telefono 
3358040811  NO SMS

To reserve an appointment
call  (+39) 3358040811 
NO SMS

Pour prendre un rendez-vous
(+39) 3358040811
NO SMS

otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 21646 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 11360 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 16876 visitatori
consulenze-otorinoIl dott. Govoni è iscritto all’Albo dei Consulenti Tecnici (medico otorinolaringoiatra) presso il Tribunale di Reggio nell’Emilia. Ha eseguito numerose consulenze tecniche (perizie) per Magistrati (dette anche Consulenze Tecniche d'Ufficio - CTU). Ha redatto anche relazioni tecniche per coloro che reclamano un danno (perizie di parte). E' disponibile per effettuare consulenze tecniche solo per malattie di competenza...
Letto da 15258 visitatori
crenoterapia-dolomia-govoniLe cure inalatorie sono le cure dove l'acqua termale per l'effetto di apposite apparecchiature viene frammentata e nebulizzata per trasformarsi in un efficace trattamento per le vie respiratorie superiori. Le principali cure di carattere otorinolaringoiatrico sono indicate per le malattie rino-sinusali e per alcune forme di otite.  Le principali cure d'interesse otorinolaringoiatrico sono:Inalazioni a getto di vapore - L'acqua termale...
Letto da 8806 visitatori
visita-specialistica-domicilio-paziente-govoniQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al...
Letto da 14907 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e...
Letto da 21213 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 53947 visitatori
visita-otorinolaringoiatrica-per-bambiniLa visita medica specialistica è utile per risolvere molti problemi clinici. La maggior parte dei bambini, intendo quelli da un giorno a dodici anni, possono soffrire di parecchie malattie, ma quelle più frequenti sono le patologie dell'orecchio, del naso e della gola. La visita otorinolaringoiatrica per un bambino è simile a quella dell'adulto, semplicemente più semplice. Dico più semplice perchè...
Letto da 10149 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com