La tonsillite è una malattia che si presenta con febbre elevata, anche superiore a 39,0°C, e dolore in gola, accentuato dai movimenti della deglutizione. Il bambino è sofferente e spesso presenta anche i linfonodi del collo ingrossati. I pediatri sono molto competenti nel trattare questa malattia e i moderni antibiotici sono in grado di debellarla. Sono pure utili il paracetamolo o l'ibuprofene. 
Oltre ai motivi debilitanti legati al dolore e alla febbre le tonsilliti si possono caratterizzare anche per una difficoltà respiratoria nasale. Il bambino fa fatica a respirare dal naso e tiene spesso la bocca aperta. Questo segno è dovuto all'aumento di volume delle tonsille e spesso anche delle adenoidi. Le secrezioni nasali ristagnano e il piccolo sembra che abbia sempre il raffreddore.

tonsille dimensioni grado4

Nella figura è indicata una situazione grave. Viene definita di grado 4. Le tonsille sono molto vicine tra loro e arrivano in alcuni momenti a toccarsi. La linea rossa (red line) indica la distanza tra le tonsille. In queste condizioni oltre alla malattia infettiva (batterica o virale) il bambino ha sempre difficoltà respiratorie.

Per prendere una decisione chirurgica è importante conoscere la frequenza delle tonsilliti. Quando sono parecchie le linee guida consigliano l'intervento. La visita medica otorinolaringoiatrica è determinante per consigliare ai genitori se operare o non operare il bambino. La scelta non si basa solo sul numero delle tonsilliti nell'ultimo anno, ma si deve capire se i rialzi febbrili sono dovuti a tonsillite vera, cioè tonsillite acuta da causa batterica. Se la causa delle tonsilliti sono le infezioni virali il quadro clinico è meno grave. Inoltre è importante valutare lo stato di salute generale del piccolo paziente. Il termine tonsillite cronica si usa per indicare una storia clinica di ripetute tonsilliti acute batteriche.

I casi dove le tonsilliti sono recidivanti oppure le tonsille sono molto voluminose si dovrà pensare all'intervento di tonsillectomia.
La tonsillectomia è un intervento che si esegue sempre col paziente in narcosi (cioè in anestesia totale). E' indispensabile il ricovero ospedaliero. Dormire una o due notti in ospedale sono la regola per questo atto chirurgico.
In questi casi è bene associare anche l'adenoidectomia alla tonsillectomia. 

Quando le tonsille sono solo ingrossate e il problema non sono le tonsilliti recidivanti ma una ostruzione respiratoria e sindrome delle apnee nel sonno è indicata la tonsillotomia. Quest'ultimo intervento consiste nell'asportazione parziale delle tonsille e per farlo si dovrà seguire la stessa preparazione prevista per l'intervento di tonsillectomia.

 

Ti potrebbe interessare anche:
Tonsillectomia ed adenoidectomia
Quando togliere le tonsille
Tonsillite o faringite acuta
Classificazione del grado di ipertrofia tonsillare