Per fonochirurgia si intende la chirurgia delle corde vocali, oggi eseguibile in microchirurgia. La storia della chirurgia delle corde vocali si modificò radicalmente nel 1968 quando Oskar Kleinsasser propose per primo l’uso del microscopio operatorio per il trattamento chirurgico delle malattie della laringe. La tecnica chirurgica, tutt'ora in uso, prese il nome di microlaringoscopia diretta (MLSD).
A causa degli spiccati riflessi laringei tutta la fonochirurgia si esegue col paziente in narcosi, cioè addormentato completamente.
Si riportano le principali patologie che vengono trattate con questa tecnica.

-       Noduli corde vocali. I noduli sono una patologia benigna. Spesso determinati da sforzo vocale prolungato e le persone più colpite sono gli oratori, i cantanti, gli insegnanti, gli allenatori sportivi. L’intervento è semplice, dopo aver visualizzato bene il piano glottico (cioè la regione delle corde vocali), sotto controllo microscopico, con micropinze e microforbici si esegue l’asportazione. Quando devo spiegare ad un paziente che cos'è un nodulo delle corde vocali faccio riferimento al callo. Il nodulo è una patologia benigna, da non confondere con altri noduli di altre parti del corpo umano. Nelle fasi iniziali può recedere modificando in modo drastico l'uso della voce. Le persone che necessitano di un intervento non sono molte.

-       Polipi corde vocali. Il polipo è una patologia più complessa; ha maggiori dimensioni rispetto al nodulo. La tecnica di asportazione è la stessa. Alcuni utilizzano il laser CO2 Ritengo preferibile la chirurgia con microstrumenti in quanto una lama tagliente produce una sezione netta e l’anatomo patologo può analizzare un frammento privo di artefatti dovuti alla laservaporizzazione. In questi casi ritengo importante sottoporre ad esame istologico il materiale che viene prelevato.

-       Lesioni precancerose. La microlaringoscopia è la tecnica fondamentale per lo studio delle lesioni cancerose e precancerose. I pazienti con un tumore maligno, soprattutto i fumatori, possono essere valutati nel modo migliore. In questi casi la microchirurgia permette diagnosi precoci e pertanto può essere inquadrata tra le metodiche utili per la prevenzione del cancro della laringe. La tecnica chirurgica è sempre la stessa. In questi casi l’esame istologico sarà fondamentale per definire il trattamento successivo. Si precisa che quando un tumore maligno è confinato alle corde vocali quasi sempre siamo di fronte ad una diagnosi precoce con ottime prospettive di vita ed anche di conservazione delle fondamentali funzioni laringee (fonazione, respirazione e deglutizione).

-     Cisti intracordali. Sono piccole cisti che si formano nello spessore della corda vocale. Per rimuoverle si esegue una microscopica incisione, si espongono e dopo si esegue lo scollamento e l'exeresi

fibrolaringoscopia-larynx

 

 

larynx vocal cord

La laringe e in particolare le corde vocali sono una parte del corpo umano non visibile direttamente, ma facilmente esplorabili nel corso di una comune visita otorinolaringoiatrica, sia in studio che a domicilio. Nella foto qui sopra abbiamo la visione che si ottiene con una fibroscopia laringea. Un metodo semplice per vedere le corde vocali è la laringoscopia indiretta, cioè la visione avviene indirettamente su un piccolo specchietto. La visione che si ottiene è praticamente la stessa della fibroscopia.
La chirurgia delle corde vocali, sia per neoformazioni che per lesioni cordali acquisite, è una tecnica altamente specializzata che si può eseguire solo in case di cura o centri di day surgery perché è indispensabile l'anestesia totale. 

Il dott. Carlo Govoni esegue interventi di fonochirurgia presso l'Hesperia Hospital di Modena, l'Istituto Clinico Sant'Anna di Brescia e il Columbus Clinc Center di Milano. Per quanto attiene le modalità amministrative sono possibili interventi in accreditamento con Servizio Sanitario Nazionale, con le assicurazioni private o per pazienti solventi.

Vedi anche:
La visita otorinolaringoiatrica