NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L’intervento chirurgico di asportazione esofacciale o asportazione parziale della parotide (parotidectomia) è uno degli interventi più interessanti che si eseguono in otorinolaringoiatria. Questi interventi sono complicati dal fatto che la ghiandola parotide è attraversata da un nervo, il nervo facciale (o settimo nervo cranico). Questo nervo innerva la metà corrispondente del volto, pertanto se venisse lesionato sono possibili delle asimmetrie sul viso.

L’indicazione all’intervento è data dalle tumefazioni della ghiandola parotide. Prima di ricoverare il paziente la neoformazione da asportare va studiata con ecografia e con agoaspirato. Di fronte ad una diagnosi ecografica di cistoadenolinfoma c’è l’indicazione chirurgica. Nei molti casi, altri esami come la RMN sono utili per definire i limiti della lesione e i suoi rapporti con i muscoli profondi.

Le neoformazioni della parotide sono in prevalenza benigne (circa 80-85% dei casi). Tra tutti i tumori benigni della parotide il più frequente è l’adenoma pleomorfo, al secondo posto c’è il cistoadenolinfoma o tumore di Warthin. La parotide è divisa in due parti, verticalmente, da un ideale piano sul quale si distribuiscono i rami del nervo facciale. Distinguiamo una parte laterale (o esterna) ed una parte mediale (cioè rivolta verso il centro della testa). Il volume maggiore è costituito dalla porzione laterale e quasi tutti i tumori parotidei sono in questa sede.

Nei tumori della ghiandola parotide, se non esistono controindicazioni generali di salute, è indicata l’asportazione chirurgica.

Proprio a causa della presenza del nervo facciale la parotidectomia esofacciale ed anche la parotidectomia totale sono interventi che hanno difficoltà intrinseche importanti.

incisione cute intervento parotide

L’approccio avviene con una incisione che inizia davanti al padiglione e poi prosegue dietro all’angolo della mandibola. L'incisione così eseguita permette un buon mascheramento della cicatrice a distanza di tempo.

Dopo si realizza un lembo miocutaneo anteriore che, una volta sollevato, consente l’esposizione della ghiandola parotide.

Importante è il reperimento del nervo facciale che viene eseguito alla sua emergenza dall’osso temporale. L’emergenza è davanti al condotto uditivo esterno.

Una volta evidenziato il nervo si deve isolare la neoformazione in modo da poter essere sicuri di rimuoverla senza danneggiare il nervo facciale. La rimozione avviene molto lentamente, si deve cercare di scollarla dal parenchima parotideo apparentemente sano, si devono inoltre eseguire legature vascolari di arterie e vene che si trovano sulla parte esofacciale (cioè la parte da rimuovere).

Il nervo facciale si distribuisce su un unico piano, pertanto suggerisce al chirurgo il piano profondo dell’asportazione. Lo scollamento deve avvenire fermandosi sul piano dove passa il nervo facciale e i suoi rami. Una volta asportata la lesione si dovrà controllare bene il campo operatorio. I rischi sono quelli di un sanguinamento o di un eccesso di salivazione. Sono dell’idea che applicare un drenaggio in aspirazione sia utile. Altri rischi chirurgici sono la perdita di sensibilità cutanea e la sindrome di Frey. La perdita di sensibilità solitamente si recupera lentamente nei giorni successivi. La sindrome di Frey è una strana sudorazione della regione parotidea tipica di questo tipo di intervento. 

La chiusura del lembo miocutaneo avviene di solito a punti staccati. E' utile anche una medicazione compressiva.

cistoadenolinfoma tumefazione collo dx

Nelle foto potete vedere un paziente a cui è stato asportato un cistoadenolinfoma di importanti dimensioni. La foto mostra il collo prima dell’intervento. 

 cistoadenolinfoma parotideo motilita faccia e labbra

 Questa foto è stata scattata il giorno dopo l'intervento, è stata rimossa la medicazione e si intravedono ancora i punti di sutura. Si vede bene la motilià delle labbra e anche dei muscoli palpebrali.

 

cistoadenolinfoma parotideo motilita volto e labbra

 Ancora una fotografia scattata sempre il giorno dopo l'intervento di parotidectomia esofacciale destra; si osserva la capacità di muovere la muscolatura facciale sostanzialmente simmetrica rispetto al lato sinistro.

 

Ti potrebbe anche interessare:

- Sintomi delle malattie delle ghiandole salivari

- Calcolosi delle ghiandole salivari.

- Nodo in gola

 

 

 

otorino-visita-otorinolaringoiatricaLa visita otorinolaringoiatrica - visita ORL - è una visita medica specialistica che valuta il distretto testa-collo con l'eccezione dei denti, degli occhi e del cervello. Appartengono all'otorinolaringoiatria anche lo studio di quattro funzioni sensoriali importanti: udito, equilibrio, olfatto e gusto. Le possibili malattie sono molte. Si ritiene che ogni persona che gode di buona salute dovrebbe affrontare nella sua vita questa visita ogni...
Letto da 20772 visitatori
chirurgia-otorinolaringoiatricaL'otorinolaringoiatria è principalmente una branca chirurgica e gli interventi effettuabili sul distretto testa-collo sono numerosi.  Ci sono molte parti del distretto testa collo (cavo orale e laringe) dove a causa degli spiccati riflessi del paziente non è possibile intervenire in anestesia locale. Anche se gli interventi sono di breve durata è indispensabile la narcosi (anestesia generale), cioè il...
Letto da 15920 visitatori
visita-specialistica-domicilio-paziente-govoniQuando una persona per motivi di salute è impossibilitata a venire in studio sono disponibile per eseguire visite otorinolaringoiatriche a domicilio del paziente. Le visite a domicilio sono particolarmente indicate per bambini molto piccoli e persone anziane. A domicilio posso eseguire anche esami audiometrici, impedenzometria, esami vestibolari ed indagini fibroendoscopiche. Per prenotare una visita domiciliare telefonate al...
Letto da 14182 visitatori
stabilometriaLa stabilometria statica computerizzata è un esame oggettivo rivolto allo studio quantitativo delle oscillazioni posturali. E' un test che misura la stabilità di un uomo ed è una versione computerizzata della prova di Romberg. La prova di Romberg è inserita tra le prove cliniche che esegue l'otoneurologo. Questo esame valuta le oscillazioni compiute dalla persona quando sta in piedi, in condizioni di calma e...
Letto da 20389 visitatori
olfattometria-govoniL’olfattometria è una metodica che valuta la capacità di percepire gli odori utilizzando sostanze odorose di svariata natura che vengono presentate al paziente. Esiste una standardizzazione degli odori e nella registrazione ed elaborazione statistica delle risposte. Lo scopo è ottenere una valutazione della capacità olfattiva. I test olfattometrici sono sostanzialmente soggettivi, cioè si basano sulle risposte...
Letto da 19431 visitatori
esame-clinico-otoneurologicoL'esame clinico otoneurologico è quell'esame che si esegue senza particolari strumenti, in ambulatorio, e consente di inquadrare il paziente affetto da crisi vertiginose. Nel senso più ampio del termine l'otoneurologia comprende anche la funzione uditiva, che non affronteremo in questa pagina. Per la valutazione dell'udito si rimanda ad altri articoli come l'esame audiometrico e l'impedenzometria. A - Anamnesi. Un esame otoneurologico...
Letto da 4900 visitatori
chirurgia-videoendoscopicaLa chirurgia videoendscopica è una branca della chirurgia che si realizza per mezzo di strumenti a fibre ottiche che permettono di vedere il campo operatorio su un video. Questa chirurgia trova la sua massima applicazione negli interventi sul naso e sui seni paranasali. Questi interventi si fanno esclusivamente col paziente addormentato: "in narcosi". Per poter operare è necessaria l'immobilizzazione e l'assenza di riflessi. Si...
Letto da 11010 visitatori
valutazione-vestibolareValutazione vestibolare o esame vestibolare, detto anche esame cocleovestibolare o otovestibolare, è un insieme di manovre semeiologiche rivolte a valutare il senso dell'equilibrio. E' noto che l'orecchio non è solo l’organo dell’udito, ma anche l'organo dell’equilibrio. La parte posteriore dell’apparato uditivo si unisce ad un apparato molto complesso, dotato di recettori e di vie nervose proprie,...
Letto da 51032 visitatori
chirurgia-ambulatorialeInterventi chirurgici ambulatoriali sono quelli che si possono eseguire in meno di mezz'ora e in anestesia locale. Le malattie che si curano con questi trattamenti sono numerose. Non si deve pensare che gli interventi in anestesia locale siano meno importanti degli interventi che si eseguono col paziente completamente addormentato. Si ricorda che una semplice biopsia, cioè l’asportazione di un...
Letto da 17180 visitatori
JSN Epic template designed by JoomlaShine.com